LA POSTA DEI LETTORI / Per Porto Reno servono risposte, non strumentalizzazioni politiche

LA POSTA DEI LETTORI / Per Porto Reno servono risposte, non strumentalizzazioni politiche
Un gruppo di proprietari di appartamenti di Casal Borsetti

Rappresento un gruppo di una cinquantina di cittadini residenti e proprietari di Casal Borsetti che continua a sperare in uno sviluppo del lido. Tale sviluppo da anni era correlato alla realizzazione dell’ambizioso progetto di costruzione della Marina e della zona residenziale di Porto Reno, ideato nel 1993 dall’imprenditore altoatesino Alfred Gruber con il pieno appoggio dell’allora sindaco Pier Paolo D’Attorre e della sua amministrazione e avviato con la società Scariolanti srl.

Le unità abitative della zona residenziale sono state in gran parte vendute, ma il porto turistico realizzato nel 2007 non è mai decollato e dopo anni e anni di attese mancate, e soprattutto dopo che, nel 2015, la società Hig Capital di Miami, controllata dalla lombarda Gbh Immobiliare 2, si è aggiudicata per soli 5 milioni di euro una grande porzione del comparto di Porto Reno mediante asta fallimentare, è calato un offensivo silenzio sia da parte dell’amministrazione comunale, sia della società Gbh, sia del Consorzio Porto Reno Srl. 
Proprio in seguito a quest’ultime aspettative disattese e al progressivo degrado dell’area, decidiamo di raccogliere un dossier che ricostruisce tutta la storia di questo progetto per chiederne conto all’amministrazione. 
Per fare questo cerchiamo l’appoggio di un già precostituito Comitato Lidi Nord, presieduto da Massimo Fico, che si fa portavoce delle nostre istanze, in qualità di organismo di partecipazione del Comune di Ravenna e, che per riuscire a ottenere un’adeguata risonanza mediatica, porta il dossier in consiglio comunale attraverso la Lista per Ravenna, del quale è capogruppo Alvaro Ancisi.
Colpisce che, in totale contraddizione rispetto agli obiettivi che hanno ispirato la nostra mobilitazione, i punti sollevati dal dossier, anziché stimolare risposte agli interrogativi dei cittadini da parte dell’amministrazione comunale, dei gruppi consiliari e delle succitate società coinvolte siano stati dagli stessi definiti “finti civismi” e “polemiche volte a speculare su problematiche serie e concrete e a danneggiare l’immagine dei nostri lidi”!
Preciso pertanto a nome del gruppo che non accettiamo di essere al centro di strumentalizzazioni politiche di qualsiasi gruppo o lista politica, ma ribadiamo con forza l’esigenza che l’attuale amministrazione e la Giunta comunale facciano chiarezza sulle sorti del Lido.
Chiediamo inoltre un confronto diretto con gli uffici comunali preposti per essere edotti sui contenuti delle convenzioni stipulate dall’amministrazione con le società acquirenti ed enti di gestione: per conoscere con trasparenza le opere e i tempi di realizzazione ivi fissati. Insomma, vorremmo conoscere gli obblighi tra le parti, gli oggetti contenuti dalle convenzioni, i programmi di realizzazione (cronoprogrammi); da ultimo le penali d’inadempienza connesse alle fideiussioni a garanzia. E poi, vorremmo sapere:
sono state effettuate precise verifiche dagli uffici preposti sugli adempimenti tecnici e amministrativi? Che cosa ora s’intende fare? Quali misure?
Constatiamo che ci troviamo inclusi in un grande condominio in cui si è speculato invece di realizzare un’idea alternativa all’ammasso di lotti e case.
Invitiamo pertanto i gruppi consiliari a fornire risposte serie e documentate, respingendo con forza ogni accusa di speculazione sulle “problematiche serie e concrete” che affliggono il nostro lido.

In rappresentanza del gruppo:
Maurizia Martelli, Roberto Nicolino, Daniela Orsoni, Aurelio Zucchelli, Monica Grandi, Valentino Quaglia, Elisabetta Giuliani, Danilo Fornasini

14/02/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Per un attimo fui tentato a suo tempo da Porto Reno. L'idea mi parve buona.Ma dopo un primo sopralluogo e qualche informazione mi ritirai velocemente. Non mi convinceva il tutto, e mi convinsi che era in degrado già ancor prima di urbanizzarlo. Mi sono salvato da un investimento fallimentare, e credo che il peggio debba ancora arrivare.
14/02/2019 - Obezio
Anche questa iniziativa nata male.
14/02/2019 - Mario
Non servivano doti strategiche di marketing immobiliare per capire che investire a Porto Reno si sarebbe rivelato un flop.Purtroppo Casal Borsetti e Porto Corsini per ragioni di chiusura e scarsa mentalità imprenditoriale, sono lidi che come ricezione,servizi,strutture ed accoglienza turistica ,sono rimasti fermi ad oltre quarantanni fa. A parte qualche affezionato ed irriducibile turista che ne apprezza l'obsoleto clima che si respira .Chi si sognerebbe mai di fare investimenti in questi lidi.
14/02/2019 - siel
Proponete l'affare all'albanese Lokrez Mehmeti, già bene inserito fra gli imprenditori del contesto ravennate, lui avrà senz'altro la ricetta avendo studiato finanza applicata e avendo alle spalle un gruppo di finanziatori emiliani pieni di liquidità. Adesso hanno anche la faccia tosta di dichiararsi emiliani.
14/02/2019 - maria
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.