LA POSTA DEI LETTORI /Anche Porto Corsini meta turistica: non può ospitare attività Vigili del Fuoco

LA POSTA DEI LETTORI /Anche Porto Corsini meta turistica: non può ospitare attività Vigili del Fuoco

Facciamo seguito con la presente lettera - rivolta al presidente Confcommercio Ravenna, al sindaco di Ravenna, all'assessore al Turismo del Comune di Ravenna, all'assessore al Commercio del Comune e ai presidenti di Cna, Confartigianato e Confesercenti - alle notizie pubblicate sulla stampa locale inerenti la possibilità di trasferire in altre località le attività di addestramento del Corpo dei Vigili del Fuoco attualmente previste presso la diga foranea sud a Marina di Ravenna. 

Fermo restando il nostro plauso e di tutta la comunità per l'azione di tutela degli interessi delle attività turistiche intrapresa unitariamente dalle Associazioni di Categoria, non possiamo non esprimere il nostro rammarico per le dichiarazioni del presidente Mauro Mambelli, frutto probabilmente di una non completa conoscenza del territorio.

È vero che la diga foranea nord di Porto Corsini ha caratteristiche del tutto simili a quella di Marina di Ravenna e proprio per questa similitudine non si può prestare ad accogliere, per un così lungo periodo, il campus dei Vigili del Fuoco, attività meritevole ma collocata in un periodo temporale certamente sbagliato. Vogliamo umilmente fare notare al presidente Confcommercio Mauro Mambelli che non è assolutamente vero che Porto Corsini non abbia un flusso turistico che pare non sia meritevole della sua attenzione.

La diga di Porto Corsini è frequentata tutto l'anno da persone che vi si recano per una semplice passeggiata e dalla primavera all’autunno inoltrato è meta di un importante flusso di turisti pesca/sportivi molti dei quali affittano appartamenti per le vacanze creando quindi un indotto non trascurabile. Spesso vengono organizzate gare di pesca con la presenza di centinaia di persone.

A ridosso della diga foranea nord vi è una attività di scuola di Kyte e Windsurf che muove centinaia di appassionati anche da fuori regione. E non possiamo dimenticare la presenza dello scalo crociere, con le problematiche che tutti conosciamo, ma è comunque una realtà con cui si deve convivere. Non ultima l'area camper situata all'interno della località di Porto Corsini e a ridosso dell'accesso alla diga.

È opportuno che il presidente Mambelli consideri che, a differenza di altre località, noi non abbiamo nessun parcheggio scambiatore con centinaia di posti auto, non abbiamo bus navetta che portano turisti e bagnanti a ridosso degli stabilimenti balneari. L'unica area che potrebbe ospitare, forse, una tale “logistica” è quella compresa tra la Capitaneria di Porto e lo scalo crociere.

Alleghiamo foto della stessa e siamo certi che il presidente Mambelli converrà con noi della inopportunità di ospitare qui qualsivoglia manifestazione, a meno che non venga realizzata una immensa e costosissima azione di bonifica e riqualificazione, cosa che al momento ci pare possibile solo con un miracolo. Per questi e tanti altri motivi Porto Corsini non può ospitare quanto proposto dal presidente della Confcommercio.

Un po' per uno non fa male a nessuno? Niente di più banale. Presidente Mambelli anche da questa parte del Candiano c'è una comunità che vive e lavora con il turismo. 


Il Consiglio direttivo del Comitato Cittadino Lidi Nord Ravennati 

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ospitare le esercitazioni dei Vigili del Fuoco dovrebbe essere un onore e un dovere visto che quando c'è bisogno li chiamiamo e intervengono in ogni dove, senza distinguere dove andare. Questo dovrebbe valere per Marina di Ravenna e per tutte le altre località.
26/02/2019 - carlo zingaretti
Come dice Carlo è un onore ospitare i pompieri ed averli pronti in caso di emergenza. Loro per noi ci sono.
26/02/2019 - Sole
Poveri Vigili del Fuoco !!! Nessuno li vuole per le esercitazioni da sub... Però mi viene da pensare, i VV.FF. fanno parte del Ministero dell' Interno. Di cui fa parte anche la Polizia di Stato che ha un bellissimo centro nautico e sommozzatori a La Spezia, ove vengono tenuti corsi, spesso, anche per forze di polizia di altri paesi... I nostri VV.FF. sono "nostri", italiani.. boh.. magari spendono anche meno...
26/02/2019 - EnricoM
Abbiamo spesso bisogno dei Vigili del Fuoco e in cambio cosa diamo a loro ? Polemiche e quant'altro.
27/02/2019 - emma60
Ma fate finta di non capire o non siete mai venuti a Marina nei medi maggio giugno luglio.Nessuno c'è l'ha con i vigili del fuoco. Il problema è che chiudere mezza diga e tutto il parcheggio per questo corso in piena stagione mette in crisi le attività commerciali della zona e priva la diga a tutti noi che soprattutto in quei mesi la viviamo.La stagione dura 4 mesi .
28/02/2019 - Fabio
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.