Risanamento Pialassa Piomboni: secondo i grillini il progetto è sbagliato o è stato fatto male

Risanamento Pialassa Piomboni: secondo i grillini il progetto è sbagliato o è stato fatto male
Foto aerea di Francesca Santarella che mostra la pialassa "infangata"

Il MeetUp grillino A riveder le stelle di Ravenna ad alcuni giorni di distanza dice la sua sulla Commissione Ambiente che si è tenuta lunedì 4 marzo a Palazzo Merlato e dedicata al progetto di “risanamento” della Pialassa dei Piomboni. Commissione chiesta e convocata da Lista per Ravenna, Lega e Forza Italia a seguito delle proteste per l’insabbiamento della pialassa e per lo stato dei lavori di risanamento. 

Secondo i grillini del MeetUp la maggioranza "ha cercato in tutti i modi di impedire l’esposizione della relazione introduttiva che sempre si accompagna ad ogni commissione, dando invece immediatamente la parola non ad altri commissari o all’assessore, ma direttamente ai responsabili delle opere oggetto di contestazione (le opere del progetto di risanamento messo in discussione, ndr). Altrettanto imbarazzante il silenzio assoluto sul tema specifico dell’assessore all’ambiente."

Il MeetUp parla di "sostanziale conferma da parte dell’Autorità Portuale, che esegue il progetto, dei rilevi posti allo stato attuale dei lavori... Resta l’impressione della classica catechesi propinata ai cittadini per dire che, nonostante il fango, nonostante quello che chiunque può vedere coi propri occhi da mesi, va tutto bene. Anzi, si invoca in gran fretta, pregando ARPAE, una nuova gran quantità di fanghi con cui continuare a riempire la pialassa. L’unico punto effettivamente contestato è quello relativo all’interruzione del canale circondariale a sud tramite palancolato. Viene ribadito con forza che, invece, le palancole sono state sezionate per inserire una tubatura che consente il circolo delle acque."

A questo punto il MeetUp trae le sue conclusioni, ovvero se "le opere sono conformi ed eseguite a regola d’arte, il progetto è stato seguito al millimetro, nulla interrompe il ricircolo delle acque nemmeno nel canale circondariale" allora l’unica conclusione "che ci sembra lampante è che il progetto è sbagliato! Nessuna spiegazione, infatti, nonostante la perfetta esecuzione, è stata data ai quasi 50 ettari ora praticamente interrati nella parte sud della Pialassa. O forse dovremo credere che l’interramento terminerà nel momento in cui verrà chiusa anche la parte nord con il completamento dell’argine?"

"La relazione del dirigente del Servizio Aree Protette, Foreste e Sviluppo della Montagna Enzo Valbonesi lascia spazio a poche repliche. Dalla sua analisi della documentazione prodotta dai commissari, l’habitat di tipo prioritario tutelato dalle Direttive europee denominato “lagune” che caratterizza il Piombone risulterebbe molto ridotto rispetto allo stato ante operam. Situazione molto grave e delicata che potrebbe esporre l’Italia e la Regione all’avvio di un richiamo e successivamente ad un procedimento di infrazione. L’Ente responsabile sarebbe il Parco del Delta del Po, la cui direttrice non si è certo premurata di partecipare alla commissione. Davanti ad un’analisi così impietosa, non staremo certamente a guardare" conclude il Meetup A riveder le stelle Ravenna.

07/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Questi “Grillini”sempre a criticare il da fare di altri ,ma non si può,essere un po’,più costruttivi indicando cosa vogliono fare ,sanno dire solo NO!!!!!!
07/03/2019 - Zorro
Signor Zorro, aveva mai ammirato la bella e ampia Pialassa alle spalle dell'ex ristorante Ghinea e ha visto come l'hanno ridotta? Se per il dio danaro il fare di altri è avvilire la natura e la bellezza naturale è giusto dire NO.
08/03/2019 - Robin Hood
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.