LA POSTA DEI LETTORI / Otto marzo al fianco delle donne di tutto il mondo

LA POSTA DEI LETTORI / Otto marzo al fianco delle donne di tutto il mondo

“Sebben che siamo donne, paura non abbiamo: per amor dei nostri figli in lega ci mettiamo”. La nostra Democrazia è una parola tutta al femminile e festeggiare la Festa della Donna oggi ha un significato particolare a fronte della riemersione di ideologie che segregano la donna sotto il giogo di idee di genere parziale e standardizzata.

Gli attacchi subiti dalla Casa delle Donne negli ultimi due anni impongono, ai cittadini democratici e antifascisti, di ribadire la visione di parità di genere e di rispetto di genere fra uomini e donne.

Una parità che può essere realizzata con leggi che tutelano l'autodeterminazione delle donne sotto tutti i molteplici aspetti quindi anche nella scelta o meno della maternità e non con pillonate.

Una parità non ancora del tutto attuata nel mondo del lavoro, (orari di lavoro, carriera lavorativa, retribuzioni più basse, divieto informale di restare incinta, violenze e ricatti sul lavoro) e nel privato delle case, (mogli e madri spesso sole nella cura della casa e dei figli); Quello della cura della famiglia è un secondo lavoro non riconosciuto adeguatamente, neppure per il calcolo pensionistico.

Negli ultimi anni sono ricomparse pesantemente violenze domestiche ai danni di donne; è aumentata la prostituzione per necessità, (madri in povertà, studentesse che per pagarsi gli studi si concedono sotto la nuova immagine più pulita di escort) e si è regalata una visione standardizzata di donna principessa disneyana, esasperazione di un solo aspetto della femminilità.

Lo sfruttamento in genere e delle donne in particolare non è più venduto come tale ma come libera scelta del singolo individuo: FALSO!

Sono le condizioni socio-economiche e culturali a imporlo e normalizzarlo ed è un modello standard costruito dalle elite mondiali che hanno ancora visioni medioevali dei ruoli di genere per le masse di poveri.

Infatti violenze e sfruttamento che da noi crescono di pari passo con l'impoverimento economico e culturale del ceto medio, nel resto del mondo sono il frutto della povertà persistente.

L'impoverimento di cui siamo vittime, e di cui sono vittime le donne per prime, è determinato da una parte dall'eliminazione progressiva del welfare pubblico (scuola, sanità, servizi sociali, edilizia pubblica, ecc...) e del loro effetto dumping (in una parola perdita di maternità dello Stato verso i suoi cittadini che lascia sole el donne e non solo loro) e dall'altra da una non redistribuzione dei redditi verso i lavoratori dipendenti e verso disoccupati e stagionali. Tutte richieste del movimento femminista “per amor dei nostri figli” come cantavano più di un secolo fa.

A fianco di ciò l'ideologia individualista che prevede che tutto sia dovuto dalle proprie scelte e decisioni, libera le coscienze individuali e anche dei politici dalle cause reali di tali povertà che sono tutte politiche, di politica economica, volutamente anti-sociali, anti-collettive, anti-comunitarie, anti-cura e di fatto misogine. Tali politiche economiche oltre a non concepire più gli uomini e le donne come persone, (ma come merci o numeri, fonti di lucro) le privano delle chances per un miglioramento delle proprie condizioni di vita. Quale madre regalerebbe ciò ai suoi figli!

Un imbarbarimento del modello culturale che rende scuola e cultura come poco utili ai fini di una carriera lavorativa e che ricaccia la donna a figura debole e non emancipata dal dominio di certe concezioni assolutiste e patriarcali.

Si deve ricordare che con l'accesso all'istruzione le donne hanno guadagnato spazio in società e si sono emancipate col lavoro legato ai loro studi e che non fu una passeggiata poterli ottenere. Oggi siamo ancora in cammino per raggiungere la piena parità e non c'è nulla di scontato anzi si retrocede verso crudeli scenari alla Pillon.

Le lotte per la conquista del suffragio universale aprirono quest'era e oggi ci ricordano che il Voto è espressione e riconoscimento della propria individualità in un contesto collettivo e sociale che contempla le diversità e le differenze, non solo di genere, come ricchezza. Una continua dialettica fra diversi che fa da fondamenta alla Democrazia. Questo Voto universale lo hanno chiesto e ottenuto le Donne portando dialettica di genere e facendo breccia nelle concezioni patriarcali, maschiliste e assolutiste, aprendo così alle diversità del molteplice e regalandoci rispetto e dignità.

Inoltre la democrazia da noi vissuta fino ad oggi e che oggi viene smantellata, è specchio di un altro lato femminile quello della cura dei propri figli-cittadini; una maternità volta all'emancipazione e alla libertà del proprio figlio e non alla dipendenza o all'obbedienza al padre.

Festeggiare ogni anno l'8 Marzo significa ricordare le conquiste politiche, sociali ed economiche delle Donne, le violenze che hanno subito nella storia e rendere viva quella Democrazia dialettica che si fonda sulla diversità. Festeggiare inoltre l'8 Marzo significa stare oggi al fianco delle donne di tutto il mondo nella lotta per la loro dignità e per la salvaguardia della Democrazia. Esserci l'8 Marzo per noi significa esprimere infinita gratitudine a tutte le donne per ciò che hanno fatto e per ciò che fanno tutti giorni con la consapevolezza che non possiamo abbassare la guardia e che è nostro dovere di figli e figlie continuare giorno per giorno ad adoperarci per non perdere tutto ciò che hanno contribuito a darci nella storia: La democrazia!

La nostra Democrazia è tutta al Femminile!

La Consulta Provinciale Antifascista di Ravenna

08/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
HO ricordato sempre l 8 marzo festa delle donne,purtroppo ho perso la moglie per un tumore molti anni orsono e mi rimane la figlia MICHELA AUTISTICA purtroppo relegata dai servizi sociali in una struttura privata da cui potrebbe essere dimessa-nella mia attività culturale ho incontrato diverse donne impegnate nella difesa dell AMBIENTE,mi piace ricordare GRAZIA FRANCECATO,GIULIA MARIA CRESPI,TERESA FOSCARI FOSCOLO,DESIDERIA PASOLINI DALL ONDA,RAFFAELLA PIRINI,VANDANA SHIVA e molte altre con cui ho lavorato in ROMAGNA--RINGRAZIO TUTTE PER LA PASSIONE CON CUI OPERANO IN QUESTI MOMENTI DIFFICILI PER L AMBIENTE-INFINE MI PIACE RICORDARE LA GIOVANE SVEDESE GRETA CHE SI PONE CAPOFILA SEMPRE PER L AMBIENTE--GRAZIE LUCIANO BARUZZI GEOLOGO-GEOGRAFO LUGO-RA
08/03/2019 - luciano baruzzi
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.