Lavoro. Dal governo alle Regioni altri 90 milioni per il reddito cittadinanza

Il sottosegretario alla presidenza Manghi riferisce a Taruffi e Torri (Si) e Prodi (Misto) di un incontro ieri a Roma tra Di Maio e Regioni: "Intervento straordinario del governo è transitorio, le competenze sono delle Regioni"

L'Agenzia nazionale politiche attive lavoro (Anpal) stanzierà 90 milioni di euro per l'assunzione temporanea di non più di 3000 "navigator", mentre 90 milioni di euro andranno direttamente alle Regioni per sostenere le politiche attive per l'avvio del reddito di cittadinanza. Lo ha riferito in Aula il sottosegretario Giammaria Manghi, in risposta al question time presentato da Igor Taruffi e Yuri Torri (Sinistra Italiana) con Silva Prodi (Misto).

I due consiglieri regioanli avevano chiesto quale fosse a oggi lo stato dell'arte della trattativa tra Stato e Regioni in merito ai criteri di selezione e alla collocazione dei cosiddetti "navigator" e quanti di questi si stima saranno occupati nei Centri per l’impiego dell'Emilia-Romagna.

"Quello del Dl su reddito di cittadinanza e pensioni è un tema molto discusso- ha sottolineato Taruffi- e noi chiediamo di essere aggiornati sul contenzioso tra governo e regioni, su chi dovrà assumere gli operatori e come saranno impiegati".

Il sottosegretario Manghi ha riportato, dunque, quanto emerso durante l'incontro di ieri pomeriggio tra il ministro del Lavoro e le Regioni, che hanno delineato un'ipotesi di accordo per un'intesa forte che si fondi sul riconoscimento delle competenze proprie delle Regioni in materia di politiche attive per il lavoro.

"Di Maio ha riconosciuto loro queste competenze - ha riferito Manghi- e ha chiarito che l'intervento straordinario del governo sarà transitorio per garantire azioni contestuali di sussidio e politica attiva". Il ministro avrebbe spiegato, poi, come nel 2021 la somma impegnata da Anpal per le assunzioni temporanee passerà in modo strutturale alle Regioni per bandire posizioni stabili, che, laddove possibili, potranno partire già dal 2020. Le azioni delle Regioni dovranno essere inserite all'interno di un Piano straordinario di potenziamento dei centri per l'impiego che si fonderà su convenzioni specifiche con ogni Regione.

"Questo provvedimento va nella direzione giusta, quella del contrasto alla povertà, ma sembra di capire- replica Taruffi- che non ci sia chiarezza quanti saranno i 'navigator'. Ne erano stati annunciati 6.000 e ora sembra che saranno solo 3.000". Per il consigliere Si le esigenze elettorali starebbero inficiando il percorso, con un'accelerazione sul provvedimento in modo da avviare il sostegno economico immediato del reddito di cittadinanza, "trascurando invece le politiche attive per il lavoro".

12/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Verranno abbassate le pensioni da1500euro lordi in su, così il governo trova i soldi per altri pagamenti.
12/03/2019 - maria
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.