32° Anniversario tragedia Mecnavi. La cerimonia davanti al Municipio

32° Anniversario tragedia Mecnavi. La cerimonia davanti al Municipio

Vicesindaco Fusignani: dal ricordo all’impegno per un lavoro sempre più sicuro

Ricorre oggi, mercoledì 13 marzo, l'anniversario della tragedia "Mecnavi", nella quale, 32 anni fa, persero la vita 13 operai durante i lavori di ripulitura all'interno della nave gasiera Elisabetta Montanari.

Come ogni anno si è tenuta una sentita cerimonia sotto i portici del Municipio di Ravenna, in piazza del Popolo. Con la deposizione di due corone da parte del Comune di Ravenna e dei sindacati Cgil, Cisl e Uil, alla lapide posta lungo lo scalone del municipio, si è aperta la cerimonia che ogni anno ricorda le 13 vittime della strage della Mecnavi avvenuta il 13 marzo del 1987. Nel 32° anniversario sono stati ricordati gli operai che persero la vita asfissiati mentre erano al lavoro a bordo della nave gasiera Elisabetta Montanari, nei cantieri navali del porto di Ravenna: Filippo Argnani, Marcello Cacciatori, Alessandro Centioni, Gianni Cortini, Massimo Foschi, Marco Gaudenzi, Domenico Lapolla, Mosad Mohamed, Vincenzo Padua, Onofrio Piegari, Massimo Romeo, Antonio Sansovini, Paolo Seconi.

Sono interventi il vicesindaco Eugenio Fusignani, il sindaco di Bertirono Gabriele Antonio Fratto, il segretario generale Cisl Romagna Francesco Marinelli a nome delle tre confederazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil. Erano presenti per la Provincia di Ravenna Daniele Perini, rappresentanti delle autorità civili e militari e molti cittadini.

Oggi è la giornata del ricordo e della commozione – ha detto Fusignani -. È un dovere morale rinnovare la memoria di quel tragico evento non solo per muovere la nostra compassione, ma anche per spingere le nostre coscienze a lavorare perché questi fatti non accadano più. Quella tragedia ha provocato un dolore profondo nella nostra comunità, caricandoci di nuove e più incalzanti responsabilità. In quei giorni è partito il nostro impegno comune di istituzioni, sindacati e associazioni per rendere il lavoro sempre più sicuro. Leggi e regole, controlli, formazione e cultura della sicurezza sono i pilastri del nostro impegno. Oggi più che mai stiamo vivendo una crisi di rappresentanza delle istituzioni, dei partiti che coinvolge anche le stesse organizzazioni sindacali. Questo rapporto di fiducia va ricostruito con pazienza, correggendo gli errori che abbiamo fatto. Una cosa però non la dobbiamo dimenticare: dove non ci sono i sindacati la tutela dei lavoratori è a rischio. Purtroppo ancora si verificano infortuni sul lavoro. Voglio ricordare la persona deceduta poco più di una settimana fa sulla piattaforma Barbara F. La prevenzione deve rimanere l’obiettivo principale e l’errore umano non deve essere un alibi. Così come la competitività non deve essere ricercata a scapito della sicurezza dei lavoratori. Oggi deve essere solo la giornata del ricordo e dell’impegno: dunque non può essere questa l’occasione per polemiche con il governo e con la maggioranza che lo sostiene. Tuttavia non si può sorvolare sul fatto che il nostro governo, non sostenendo lo sviluppo attraverso i mancati investimenti sulle infrastrutture necessarie al nostro paese e al rilancio dell’economia e, soprattutto, con impostazioni che mettano in crisi settori strategici del nostro sistema, come l’oil & gas e quello dell’energia, determinano condizioni che creeranno nuova povertà, aumentando la disoccupazione e, dunque, gettando le basi per un potenziale aumento del lavoro nero che, di suo, è già fuori da ogni controllo sulle più elementari condizioni di sicurezza”.

La commemorazione del 32° anniversario della Mecnavi prosegue domani, giovedì 14 marzo.  All’hotel Cube di via Luigi Masotti 2, dalle 8.30 alle 13, si svolgerà il seminario formativo “Lavoro e violenza. Riflessioni per la prevenzione. Quale ruolo per RLS-RLST-RLS di Sito (PRP 2015-2019)”.

L'apertura dei lavori sarà affidata a Andrea Marchetti (organizzazioni sindacali Servizio informativo rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza della provincia di Ravenna – Sirs).
Si procederà con i contributi di Marco Broccoli, dell’unità operativa Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro dell’Ausl Romagna, su “Origine e forme della violenza nel lavoro e indicazioni per la prevenzione”; Federico Ricci, dell’ Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, su “La gestione delle relazioni problematiche e dei comportamenti violenti nel lavoro di cura”; Stefano Grandi, collaboratore Sirs Emilia-Romagna, su “Aspetti organizzativi per la prevenzione della violenza e delle aggressioni in ambito sanitario”; Carlo Sama, organizzazioni sindacali Sirs Ravenna, su “Il ruolo del RLS in percorsi di prevenzione in specifici comparti”. Chiuderà i lavori Franco Garofalo (organizzazioni sindacali Sirs Ravenna). Le iniziative sono promosse da Cgil, Cisl, Uil, Comuni di Ravenna e Bertinoro, Provincia e Ausl Romagna nell’ambito dei progetti “Piani per la salute provincia di Ravenna”. In particolare il seminario formativo è promosso da Servizio informativo rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza della provincia di Ravenna e Servizio informativo rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza Emilia-Romagna con il patrocinio del Comune (per l’iscrizione, obbligatoria, e altre informazioni, www.sirsrer.com).

 

13/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
La mancanza del Sindaco è una cosa gravissima visto che presenzia ogni sorta di piccola manifestazione anche in maniera inutile, mentre per tale grave ricorrenza ha disertato. Spero che fosse solo per motivi di salute.
14/03/2019 - cris
Questa giornata è una ferita sempre aperta per i ravennati, mai colmata, nemmeno dalla giustizia, con condanne assurde. Nonostante la tragedia del 13 marzo di 32 anni fa', in alcuni casi a Ravenna e al porto, sì lavora ancora con operai posti in schiavitù e siamo nel 2019...
14/03/2019 - Scirocco
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.