Accordo tra Eni e Comune. Il Sindaco: "Confermato impegno Eni per l'interesse della collettività"

Accordo tra Eni e Comune. Il Sindaco: "Confermato impegno Eni per l'interesse della collettività"

È stato approvato dalla giunta l’VIII Accordo di collaborazione tra il Comune di Ravenna ed Eni, collegato a temi rilevanti di politica energetica e finalizzato alla realizzazione di progetti di interesse comune. “Un gesto significativo – commenta il sindaco Michele de Pascale – da parte di uno degli attori economici più importanti per Ravenna".

"Si conferma l’impegno di Eni per lo sviluppo del territorio nell’interesse della collettività - commenta il sindaco -, nonostante il momento di grande difficoltà generato da Ddl semplificazioni approvato lo scorso gennaio, che mette in seria difficoltà l’intero comparto delle estrazioni. Nella transizione energetica verso l’utilizzo esclusivo di fonti rinnovabili il gas naturale è una delle risorse di maggiore rilevanza del territorio ed anche le attività di prospezione, ricerca e coltivazione rivestono carattere di interesse strategico e di pubblica utilità da inserire nell’ambito di una visione complessiva di programmazione e sviluppo, in coerenza e armonia con la valorizzazione del territorio e delle altre risorse esistenti, nonché nel rispetto dell'ambiente".

"In questo contesto - aggiunge - le politiche e le azioni per una crescita sostenibile devono integrare il mantenimento e lo sviluppo economico delle attività produttive con il rispetto degli equilibri ecologici e ambientali. Ed è proprio in questa direzione che va questo nuovo accordo che si inserisce in una collaborazione positiva e consolidata”.

 

COSA PREVEDE L'ACCORDO

L’Accordo prevede l’erogazione da parte di Eni di un contributo massimo pari a tre milioni di euro per un anno per interventi riguardanti quattro diversi ambiti: monitoraggio ambientale; salvaguardia costiera e ambientale; energia e sostenibilità; sviluppo economico.

Monitoraggio ambientale: comprende sia quelle attività volte a dare continuità ai risultati raggiunti con le iniziative realizzate coi precedenti accordi, sia quelle nuove, volte all’osservazione e studio dei fenomeni naturali, con particolare attenzione a quelli sedimentologici, erosivi, e geodinamici, di interesse per la comunità scientifica, per l’amministrazione pubblica, per le operatività di Eni, e più in generale per la collettività.

Salvaguardia costiera e ambientale: comprende quelle attività volte alla salvaguardia della fascia costiera del Ravennate, con particolare attenzione alla biodiversità delle zone naturali costiere quali le formazioni dunose, attraverso interventi per la progettazione e realizzazione di opere di difesa della costa e delle zone naturali.

Energia e sostenibilità: comprende quelle attività volte al sostegno di interventi a supporto del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima (PAESC) del Comune, e più in generale alla promozione di iniziative volte all’incremento dell’efficienza energetica, all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, alla riduzione delle emissioni climalteranti, alla riduzione della produzione di rifiuti, alla conservazione della risorsa idrica nonché al sostegno di iniziative di sostenibilità.

Sviluppo economico: comprende quelle attività volte a supportare le iniziative di creazione e rafforzamento delle capacità imprenditoriali, all’incremento della competitività delle piccole e medie imprese del territorio, con particolare attenzione all’imprenditoria giovanile, nonché al sostegno di iniziative di carattere socio-culturale e/o manifestazioni di valorizzazione turistica del territorio.

“Con questo Accordo – dichiara l’assessore alle Attività produttive Massimo Cameliani - si prosegue la costruttiva collaborazione tra il Comune di Ravenna ed Eni finalizzata a temi rilevanti di politica energetica individuando congiuntamente progetti di interesse per il territorio".

"Uno strumento di alto livello scientifico e tecnico - conclude Cameliani -, che si traduce in tante progettualità utili anche al sistema produttivo nel suo complesso, ad esempio attraverso il supporto specialistico della Fondazione Eni - Enrico Mattei che ha come obiettivo l’individuazione di iniziative tese a favorire la crescita del sistema imprenditoriale locale, il sostegno alla ricerca e alla competitività economica”.

 

13/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Insomma, tante parole generiche ma niente di concreto, così sti sodi non si saprà dove andranno davvero a finire. Ma Eni non poteva dire semplicemente “se mi date il permesso di sforacchiare e inquinare il vostro mare e io vi faccio lo sconto sulla bolletta” Molto più semplice e chiaro
14/03/2019 - Christian
Caro Christian, vuoi meno sforacchiature e meno inquinamento? Chiudi il gas di casa, non usare l'elettricità e vai in bicicletta, questo è l'unico modo. Se non cambiamo abitudini siamo solo ipocriti.
14/03/2019 - agi62
Si si, ha ragione signor 62 Moriró intossicato, ma almeno saró al caldo :-)
14/03/2019 - Christian
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.