Meetup A Riveder le Stelle: Sul disastro della Berkan B, la Regione si è mossa con estremo ritardo

E’ stato discusso il 12 marzo in Regione il question time relativo all’affondamento della Berkan B al porto di Ravenna presentato dal consigliere del Movimento 5 Stelle Andrea Bertani. Durante la risposta, l’assessore Gazzolo ha comunicato che l’Agenzia Regionale per la Prevenzione, l'ambiente e l'energia dell'Emilia Romagna (Arpae) fosse in quel momento sul luogo del disastro per effettuare i campionamenti. Non possiamo che associarci a quanto replicato dal consigliere Bertani, che ha sottolineato come anche questo fatto confermi l’estremo ritardo con cui la Regione si è mossa.

Infatti, alla PEC contenente la denuncia presentata ai Carabinieri di Ravenna e tutti gli allegati utili ad identificare il presunto disastro ambientale in corso inoltrata in data 11 febbraio, la Direzione Generale di Arpae ha risposto di aver protocollato la denuncia il 13 febbraio. Dato il carattere di estrema urgenza evidenziato nella PEC, davvero non si capisce come sia potuto trascorrere un mese prima dell’arrivo sul posto.
Nel frattempo, filmati e foto pubblicate ovunque hanno mostrato sversamenti e scie iridescenti nelle acque della Pialassa e la mancanza della seconda barriera di panne fino al 5 marzo, giorno in cui la rottura in due parti si è completata e la prua è colata a picco. Dalle immagini attuali, diversamente da quelle precedenti il 5 marzo, si vede la poppa quasi completamente annerita dal carburante, segno che, probabilmente, prima della rottura definitiva in due tronconi, la nave si è ulteriormente “impennata”, o è andata a fondo, per poi recuperare parzialmente il galleggiamento della poppa. Non possiamo immaginare, in assenza di panne adeguate e di controlli, quanto gasolio e olii siano finiti nella Pialassa durante questa fase. Ricordiamo che fino ai giorni scorsi erano presenti gli addetti a rimuovere idrocarburi e l’odore di nafta resta fortissimo anche ora.
Riassumendo le notizie reperite, la nave si è spezzata in ottobre 2017, è stata definitivamente abbandonata a metà 2018 - pare senza alcuna protezione e senza nessuna bonifica preliminare nemmeno prima delle operazioni di demolizione -, una piccola barriera di panne dovrebbe essere stata posizionata in luglio 2018, e tutto è rimasto in balia degli eventi nonostante le numerose segnalazioni fino alla nostra denuncia del 11 febbraio. Il giorno dopo sono iniziate le bonifiche, poi di nuovo nulla fino al definitivo collasso, quando sono state posizionate le nuove panne ed è continuata la raccolta del carburante e degli olii presenti a bordo e sversati nelle acque. Infine, il 12 marzo, arrivo di Arpae solo dopo l’interessamento del consigliere regionale Bertani ed il suo sopralluogo, insieme al deputato Carlo de Girolamo, il 9 marzo. Inoltre, vogliamo sottolineare quanto riportato sul sito della Guardia Costiera, dove, alla voce “rottamazione imbarcazione” si legge: “Per quanto concerne, invece, il procedimen​to [di demolizione], potrà rivolgersi ad uno dei cantieri che presentano tale servizio”. Dov’è il cantiere attrezzato ad autorizzato dentro ai Piomboni? In un altro articolo di Ship2Shore, invece, relativamente alla normativa europea in vigore dal 2013 (n.1257, concernente il riciclaggio delle navi), si legge che le norme comunitarie legano gli obblighi relativi al riciclo delle navi in strutture autorizzate alla bandiera, ma non intervengono in alcun modo per evitare il cosiddetto flagging-out, ovvero la pratica già oggi diffusa di utilizzare bandiere di comodo per l’ultimo viaggio delle navi verso le coste di alcuni paesi orientali, dove vengono demolite senza alcun controllo e senza nessuna norma di sicurezza.
Gli Enti competenti hanno autorizzato che ciò che accade in quei paesi avvenisse a Ravenna, nella Pialassa dei Piomboni?

Meetup A riveder le stelle Ravenna 

13/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ancoraaaaa? Ma sono 3 giorni che scrivete la stessa cosa. Avete anche altri argomenti?
13/03/2019 - Antonio
Ma questa storia delle navi in piallassa è vecchia. Adesso ne parlate tutti i giorni?
14/03/2019 - Simone
E questi chi sono? Quelli delle scie chimiche? ormai avete credibilità zero, lo sapete, o no?
14/03/2019 - Yuri
Capisco che questa questione della nave e’ molto importante, ma vi prego di intervenire anche per il gravoso problema delle scie chimiche . Grazie Pino
14/03/2019 - Pino
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.