LA POSTA DEI LETTORI / Caro Vicesindaco… perchè? Sbagliato strumentalizzare celebrazione Mecnavi

Mi spiace aver sentito oggi, durante la commemorazione dell’anniversario della morte sul lavoro di 13 persone, ragazzi e anche amici, parole di propaganda politica, mentre proprio la politica sarebbe dovuta restare ai margini di questa cerimonia.

Affermare che ”il nostro governo, non sostenendo lo sviluppo attraverso i mancati investimenti sulle infrastrutture necessarie al nostro paese e al rilancio dell’economia e, soprattutto, con impostazioni che mettano in crisi settori strategici del nostro sistema, come l’oil & gas e quello dell’energia, determinano condizioni che creeranno nuova povertà, aumentando la disoccupazione e, dunque, gettano le basi per un potenziale aumento del lavoro nero che, di suo, è già fuori da ogni controllo sulle più elementari condizioni di sicurezza”, è un’affermazione falsa e tendenziosa, oltre che inopportuna.

Avrei voluto sentir parlare delle problematiche dovute al sovrautilizzo del lavoro interinale sottopagato che alcune pseudocooperative (il cooperativismo è tutt’altra cosa, e ha contribuito allo sviluppo del nostro Paese e della nostra Regione in particolare), propongono alle aziende per lucrare sulla pelle e la salute dei lavoratori.
Avrei voluto sentir parlare di sfruttamento di italiani e immigrati che, vivendo nella miseria, sono costretti ad accettare qualunque tipo di lavoro, sottopagato e in condizioni di sicurezza medioevali.

Devo anche aggiungere che non ho ben compreso la ratio secondo cui, il segretario generale Cisl Romagna Francesco Marinelli a nome delle tre confederazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, dopo aver denunciato l’aumento degli infortuni dei lavoratori over sessanta, non ha contestato l’aumento dell’età pensionabile apportato dalla legge “ Fornero”, che ha obbligato persone sempre più anziane e sempre più stanche a lavorare, ma ha dichiarato che il governo ha sbagliato a ridurre i premi assicurativi Inail, pagati dalle aziende.

Qual’ è il nesso? In quale Paese civile i giovani rimangono a casa disoccupati, e gli anziani devono andare a lavorare? E’ lecito avere le proprie idee politiche, ma ci sono momenti in cui queste devono restare in secondo piano. Il vice sindaco ha molte occasioni per tenere un comizio politico, perché usare una commemorazione come quella di oggi? Mi spiace quindi dover prendere atto che strumentalizzare occasioni come queste per far propaganda politica, non fa onore a chi deve rappresentare le istituzioni e i lavoratori.

Marco Maiolini

Consigliere comunale Gruppo Misto

14/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Questa è l'ennesima dimostrazione della pochezza dell' attuale amministrazione.
14/03/2019 - cris
Perfettamente d'accordo con te, Marco!!!!!!!!!!!!!!
14/03/2019 - Brunella Nuzzo
Beh! Usare gli immigrati per far propaganda politica, non è la stessa cosa? Se un politico parla di un avvenimento passato, è anche per non dimenticare e che certi avvenimenti non si ripetano.
14/03/2019 - Remo
Il guaio è che chi dovrebbe, a sua detta, essere all'altezza sta mandando il Paese allo sfascio. E se la politica non parla in simili occasioni quando dovrebbe farlo?
14/03/2019 - frank
Infatti signor Remo, non capisco il nesso. Il mondo del lavoro in certi campi sta sfruttando i più poveri, e tra questi ci sono gli immigrati. Tutti questi soggetti rischiano la vita se le condizioni di sicurezza sono basse. Cosa c'entrano le grandi opere? o la oil&gas???
14/03/2019 - Marco Maiolini
Ma vi rendete conto? Io c'ero e Maiolini ha ragione. La cosa è stata imbarazzante
14/03/2019 - ago
Remo, sta scherzando? Legga cosa ha detto e mi spieghi il nesso con l'incidente!
14/03/2019 - gigi
Come mai che il Sindaco di Gambellara ha detto le cose giuste?...Maiolini concordo!
14/03/2019 - vittorio
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.