LA POSTA DEI LETTORI / Il 'semaforo killer' di via Berlinguer torna a far discutere la cittadinanza

LA POSTA DEI LETTORI / Il 'semaforo killer' di via Berlinguer torna a far discutere la cittadinanza
Immagine di repertorio

"Singolare il caso del ‘semaforo killer’ di via Berlinguer, che alle ore sette di ogni mattina multa (167 euro più penalizzazione di sei punti nella patente) tutti gli automobilisti che l’attraversano. I Vigili, a fronte della documentazione di un ‘punito’, hanno ammesso che la rilevazione è irregolare, un difetto (conosciuto) per l’uso specifico del semaforo che di notte (fino alle sette) funziona solo a giallo intermittente. Ancora più singolare il rifiuto ad annullare la contravvenzione, invitando il cittadino a fare ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace, con relativi costi e problemi burocratici a suo carico.


Le condizioni della città sono da tempo malridotte: negli anni Cinquanta Ravenna era considerata, per la cura che le veniva riservata, la città più pulita d’Italia, una sorta di Helsinki; ora, malgrado gli elevati costi, le vie del centro sono trasformate in orinatoi per i cani: fioriere, contenitori per l’immondizia e facciate delle abitazioni sono a disposizione e gli escrementi sempre più spesso impunemente vengono lasciati pure davanti agli ingressi delle abitazioni. Si aggiungono alcune zone, sempre più numerose, di colonie di piccioni. Riguardo ai cani c’era la promessa del vice sindaco, fin dalla sua nomina, di provvedere con un nuovo regolamento: se si facesse rispettare quello a suo tempo emesso dal Sindaco Mercatali già sarebbe molto, ma è l’Amministrazione stessa che non ha mai applicato alcune regole. C’è poi lo scempio delle scritte e dei geroglifici in bella esposizione soprattutto nei centri nevralgici della città.

Anche in questo caso promesse, pure recenti, di intervenire, ma senza dire come e quando... e come impedire che la ripresa sia immediata. Un accenno, infine, alla circolazione. Ci venga perdonata l’iperbole: Ravenna non è Calcutta solo perché non ne ha le dimensioni e la ‘massa critica’! Manca comunque, per esteso, il rispetto delle più elementari norme di circolazione a garanzia della sicurezza e dell’ordine: automobilisti, motociclisti, ciclisti e ... pedoni viaggiano in assoluta anarchia! Ultimamente ci siamo imbattuti in una giovane ciclista che percorreva il senso vietato di Via Cerchio con cuffie e smartphone! L’Amministrazione comunale insiste nell’installare nuovi autovelox o sofisticati strumenti tipo il citato semaforo di Via Berlinguer. Ed è evidente l’importanza dell’aspetto economico, ma viene tralasciato l’aspetto educativo che si curerebbe molto di più con i controlli e la vigilanza diretta dei Vigili; i quali – come avviene in qualche altra città – osservano pure turni in alcune ore della notte, operando una sorveglianza che servirebbe pure a ridurre i furti negli esercizi e nelle abitazioni: Ravenna di nuovo agli ‘onori’ dei primi posti! Sempre voce nel deserto?"

Gianni Celletti

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Multe, multe, multe! Fate presto che c'è bisogno di soldi!
14/03/2019 - Giovanni lo scettico
Sig. Celletti---in parte sono d'accordo con Lei.- per quanto riguarda "il controllo e la vigilanza dei Vigili, in certe ore notturne..." Non sono pratico della materia. ma non è che i Sindacati ci mettano lo zampino ??? e non vogliono che i Vigili lavorino di notte, perche' non è compito loro ???
14/03/2019 - bilancia
se riconoscono il difetto del semaforo affermando che la multa è irregolare, ma costringono i cittadini a prendere permessi dal lavoro per recarsi dal giudice di pace, o a perdere tempo a presentare reclami, andrebbero denunciati, ma si potrà sempre costringere i cittadini a subire per le negligenze di chi ci amministra?
14/03/2019 - Hypersthene
Il semaforo, quando smette di lampeggiare, dovrebbe rimanere giallo fisso per circa cinque, sei secondi, per dare modo a tutti gli automobilisti di passare in sicurezza o di fermarsi in prossimità del semaforo, sapendo che poi scatta il rosso.
14/03/2019 - Giampi
@Hypersthene Magari fosse negligenza... Purtroppo penso che sperino di tirare su qualche euro scoraggiando i cittadini dal far valere i propri diritti oppure approfittando di quelli che non sono informati di questo problema e quindi pagano la multa e stanno muti.
14/03/2019 - MC
È vero che negli anni 50 la città era pulitissima, ma non perché qualcuno la puliva, semplicemente non esisteva ancora chi la sporcava per il gusto di farlo.......
15/03/2019 - elio62
Bisogna chiamare striscia la notizia, che come solito per sbloccare il problema?
15/03/2019 - Vito
Ognuno ha I sui punti di vista su tante Cose. Il semaforo va regolato le multe cancellate ma su quanto riguarda pedoni e ciclisti il lettore è stato troppo tenero ... non sto a elencarle le infrazioni x mancanza di senso civico completamente assente su tutte le cose elencate dal lettore. Ci vorrebbero vigili x sanzionare in maniera forte tutto ciò. Vigili che ci vorrebbero anche ai passaggi pedonali di via Berlinguer nei giorni di mercato x regolate la fiumana di pedoniche attraversano come se lla strada fosse loro causando imbottigliamento alla rotonda con via ravegnana forse qualche vigile dedito alle multe ha visto o no..... In alternativa semaforo pedonale da attivare nei giorni mercato. Sono automobilista ciclista e pedone....scusate
15/03/2019 - Parole
Gentile Vito, davvero lei crede che Striscia la Notizia sia un telegiornale vero?
15/03/2019 - Giovanni lo scettico
Striscia la Notizia sicuramente non è un telegiornale Può sembrare paradossale ma nel nostro paese per denunciare ed ottenere giustizia,nel confronti di soprusi,ingiustizie,truffe ecc... è più efficace affidarsi a certi programmi televisivi di satira che fidarsi delle istituzioni,che come in questo caso dimostrano ottusità scarso rispetto e prepotenza nei confronti dei cittadini,non prendendosi neppure le responsabilità dei propri errori.Oltretutto,imponendoti a far ricorso,contribuiscono ad intasare ulteriormente,di cause inutili,il giudice di pace.
16/03/2019 - paolo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.