Sciopero per il clima. Tutte le adesioni politiche alla manifestazione di piazza di venerdì 15 marzo

Venerdì 15 marzo i giovani e gli studenti di tutto il mondo, scenderanno in piazza per uno sciopero globale, con l'obiettivo di far riflettere governi e istituzioni sull'emergenza climatica e sulle misure da adottare per invertire la rotta. Al loro fianco, molte associazioni e anche partiti politici.

Tra questi, sono pervenute le adesioni di Potere al popolo – Provincia di Ravenna, che aderisce e sostiene la mobilitazione globale Friday for future del 15 marzo organizzata seguendo l’esempio di Greta Thunberg, la ragazzina che ha protestato, in difesa dell’ambiente, qualche mese fa di fronte al parlamento svedese. "La radicale critica che portiamo a questa società e alla sua organizzazione - commentano dalla formazione politica - non può certo trascurare il disastro ambientale che questa organizzazione ha causato, al punto di minacciare la stessa sopravvivenza del genere umano. Riteniamo le tematiche ambientali il terreno decisivo della nostra lotta per una diversa società. Trenta anni di applicazione in tutto il mondo delle teorie neoliberiste ci hanno portato in una profonda crisi economica, sociale ed ambientale: siamo sull’orlo del baratro, è questa forse l’ultima occasione per cambiare rotta".

"Dopo decenni di politiche finalizzate ad estrarre profitto dalla vita delle persone e dall’ambiente - concludono - è giunto il momento di riportare la ricerca di una giustizia sociale e ambientale per tutte le donne e gli uomini al centro dell’agire politico. Per fare questo necessita un’ estrema attenzione alle conseguenze climatiche ed ambientali che le nostre azioni causano, un deciso riequilibrio tra i consumi delle diverse parti del mondo, l’assunzione della sobrietà come principio guida per tutti i popoli. Il fatto che queste mobilitazioni siano partite e sostenute da giovanissimi ci riempie il cuore di speranza".

Altra adesione arriva dai Verdi, che "chiedono coerenza a chi intende partecipare".

Anche Sinistra Italiana scenderà in piazza al fianco dei giovani: “se è impossibile trovare soluzioni all’interno di questo sistema - dicono dal partito -, allora dobbiamo cambiare sistema. La lotta al surriscaldamento globale e ai cambiamenti climatici riguarda tutti noi. L’eccesso di consumi e l’ossessione per il profitto di una piccola parte della popolazione sta portando verso danni catastrofici e irreparabili il pianeta e la gran parte dell’umanità.
È indispensabile ripensare drasticamente il modello di sviluppo e cominciare da subito ad applicare senza riserve le misure concordate con l’Accordo di Parigi. La partecipazione popolare è indispensabile per dare forza a questo processo di cambiamento e la tappa del 15 marzo rappresenta quindi un appuntamento fondamentale".

14/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Sono i giovani che si sono rotti di noi vecchi di come lasciamo loro il pianeta. E voi, poveri inetti che non capite più niente, sitete riusciti a politicizzare anche questo evento. Mi dispiace per i giovani che non lo capiranno, crederanno di avere degli alleati e qualcuon che li ascolta....e invece come al solito....
14/03/2019 - Marco Ghinassi
Venite con noi in piazza sabato mattina e capirete molto a proposito
14/03/2019 - Ruvido
...quanta demagogia, dai "politici"...
14/03/2019 - rb
Sig.Ghinassi, questa è politica, del tutto politica. A lei potrà piacere o no, ma non può negare che questo sia un atto specificamente politico! Controlli bene, se usa una parola deve conoscere cosa significa!
14/03/2019 - Nemo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.