Tentata truffa e rapina all'istituto Credem di via San Gaetanino. Arrestato uno dei malviventi

Tentata truffa e rapina all'istituto Credem di via San Gaetanino. Arrestato uno dei malviventi

Tutto è cominciato come una tentata truffa poi è diventata di fatto una tentata rapina all'istituto Credem di via San Gaetanino, nella tarda mattinata di oggi, giovedì 14 marzo. Le Forze dell'Ordine siano riuscite ad arrestare uno dei rapinatori. Il Nucleo investigativo dei Carabinieri è ora sulle tracce di un secondo uomo.

 

Tutto ha avuto inizio questa mattina al bancone dell'Istituto di credito, quando un'anziana signora ha chiesto alla cassiera di prelevare del contante in seguito ad un incidente capitato al figlio. La commessa insospettita e temendo che si trattasse di una "truffa ai danni dell'anziana" ha segnalato il prelievo al proprio direttore che a sua volta ha avvisato i carabinieri.

Le operazioni sono state rallentate appositamente per permettere l'intervento dei carabinieri. Ad attendere la signora all'esterno della banca c'erano due persone, i "truffatori", che hanno tentato prima di arraffare i soldi della donna dentro la banca e poi all'arrivo degli uomini dell'arma hanno cercato di fuggire. Uno dei due è stato catturato subito. L'altro è riuscito a scappare.

 

14/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Beh, da come è stata riportata la notizia è più una "tentata truffa" che una "rapina".. Per quel che riguarda le pene c' è una bella differenza (purtroppo)
14/03/2019 - EnricoM
Abito lì vicino e conosco bene la zona: qualcuno mi spieghi come fanno a fuggire da quel budello due rapinatori su tre. E' forse vietato alle Forze dell'Ordine estrarre perlomeno a scopo intimidatorio le pistole d'ordinanza ?
14/03/2019 - Col.Kurtz
Inasprimento delle pene e certezza e non quella recente. 10anni senza condizionale a chiunque truffi un anziano . Senza sconti e senza nessun tipo di libertà come quelle attuali. Debellare si può . Pene severe e certe senza sconti altro che domiciliari
14/03/2019 - Bastonate
Ed ora se vero cosa gli faranno, un bello sconto di pena oppure arresti domiciliari.
14/03/2019 - Mario
Gentile redazione, spero che pubblichiate questo mio commento, anche per dovere di corretta informazione e per verità. Da come avete narrato in via preliminare la vicenda di cronaca, non si tratta di rapina ma di altro reato. Truffa aggravata.. Spesso volentieri anticipate fatti di cronaca con titoli ad effetto che non corrispondono alla realtà dei fatti ( esempio: rissa tra due persone). Buon lavoro
14/03/2019 - Enrico
Se permettete, un plauso all'impiegata della banca che ha "fiutato" la truffa !!! brava: se fossi il direttore della Banca gli darei un aumento di stipendio.-
14/03/2019 - bilancia
Fino a quando ci saranno quelli che difendono i delinquenti e sempre si schierano contro le vittime...cosa pretendete!!!
14/03/2019 - italo
Sono d'accordo con bilancia!!!
14/03/2019 - Anna
Effettivamente il titolo trae in inganno. Comunque brava la cassiera !
14/03/2019 - Michela
Mi associo a bilancia ,per fare i complimenti alla cassiera dell'istituto di credito, per la prespicacia ed intuizione,dimostrando attenzione e professionalità.Con la speranza che questa esperienza negativa,serva alla signora truffata,affinchè non si ripeta più.
14/03/2019 - pibo
Complimenti alla cassiera!!Brava!
14/03/2019 - Albi
Ieri è successo a casa mia . Purtroppo i contanti erano in casa . Le persone anziane sono sempre vittime di queste truffe. Ho fatto denuncia fornendo molti dettagli ma mi hanno detto che in questi casi è praticamente impossibile individuare i responsabili. Spero che , visto le "coincidenze " di data e modalità di azione ci siano riscontri .
15/03/2019 - Grazia
...deprime un pò sentirsi dire dopo una denuncia che sia praticamente impossibile individuare i responsabili,sembra (ma di certo non è vero) che non si intenda agire con fermezza.
15/03/2019 - maria teresa
Secondo me c'è anche poca voglia di spulciare i filmati delle telecamere solo per una truffa a un anziano.
15/03/2019 - Giovanni lo scettico
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.