Eraldo Baldini: A proposito di Greta Thunberg, di Rita Pavone, dei giovani e del pianeta Terra

Eraldo Baldini: A proposito di Greta Thunberg, di Rita Pavone, dei giovani e del pianeta Terra
Greta Thunberg e Rita Pavone

Oggi ho letto parecchie cose su Greta Thunberg, l'adolescente svedese considerata capofila della lotta delle giovani generazioni per chiedere di contrastare il cambiamento climatico. L'ultima che ho letta è la dichiarazione di Rita Pavone, che ha scritto su un social che la ragazzina l'inquieta perché sembra uscita da un film horror. Boh, anche se dell'aspetto esteriore delle persone m'importa ben poco, ho messo le foto delle due accanto e anche a me è venuto in mente un film horror, ma non guardando quella di Greta. 

Ho letto anche un sacco di attacchi alla ragazza: in molti si chiedono chi la manovra, cosa c'è dietro, o accusano la madre di servirsene per fare pubblicità ai suoi libri.

Quanto è triste un mondo in cui è diventato impossibile credere persino che una quindicenne abbia entusiasmi, idee, iniziative e un coraggio semplicemente suoi. Molto triste.

Per me, in un mondo nel quale ci si lamenta della perdita di valori e di protagonismo dei giovani, Greta è solo una piccola luce da ammirare e non da spegnere. E in ogni caso tutto questo potrebbe avere poca importanza, perché fra non molti anni questo meraviglioso pianeta diventerà un invivibile inferno, proprio per i motivi che Greta (insieme a miloni di altri giovani) denuncia con il coraggio e la semplicità di una ragazzina.

Ma tranquilli, quando il clima ci ridurrà alla fame, alla sete, alle migrazioni di massa, alla guerra e all'annientamento, ci salverà Rita Pavone.

 

Eraldo Baldini

Scrittore

15/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Forse lo sguardo di Greta completa i suoi discorsi. Secondo me esprime il risentimento che ha dentro di sé verso gli adulti e che gli avranno suggerito di non dire (per il momento).
15/03/2019 - maria
Bravo Eraldo. Rita Pavone avrebbe potuto occuparsi LEI dei problemi che oggi pongono i tanti ragazzi impegnati per il Pianeta. Maria, quanta dietrologia dietro il poco impegno (presumo).
15/03/2019 - Giovanna
Cara Maria: non hanno forse un po' di ragione sti ragazzini? Non gli abbiamo forse, noi adulti intelligenti, ridotto il pianeta ad una discarica? Non so quanti anni tu abbia, ma io che ne ho parecchi ricordo che da raqgazzina avrei voluto un pianeta pulito, una societa' colta e lungimirante che crea futuro per i suoi figli. Niente di tutto questo si e' avverato ! Siamo dei Gian Burrasca con memoria corta!
15/03/2019 - susy
In effetti,pare che lo sguardo di Greta denoti rancore nei confronti dei responsabili che hanno alterato questo equilibrio naturale.Il viso segnato dal tempo di Rita Pavone, sembra rappresentare la generazione responsabile di questa alterazione.
16/03/2019 - pibo
Grande Eraldo Baldini... è proprio cosi come dici tu, siamo vicini al punto di nn ritorno, basta ricordarsi i danni devastanti dell'autunno 2018, vicino a Belluno, in 5 minuti.. sdraiata una bellissima foresta di 300\400 ettari... o constatare la siccità invernale che stiamo attraversando, il fiume Pò, ne è la prova.... ma passerà Rita Pavone, ad irrigare le campagne e le colture Italiane..!! Tranquilli....
16/03/2019 - bruno bendoni
Greta o Rita o adulti che manipolano i giovani sono discorsi interessanti. Ma sul clima ciò che non si dice e di questo mi stupisco, è che da quando siamo passati, sul nostro pianeta, da un miliardo a sette miliardi, progressivamente la questione climatica sia via, via ingigantita, tanto da diventare un problema ormai evidente. Il mio stupore è che nessuno: filosofi, capi di stato, politici, religiosi e celebri meteorologi non facciano cenno a questa correlazione. Anzi tutti si lamentino quando un paese non cresca "sufficientemente" il PIL. Un inno alla crescita che la dice lunga, ma che nonostante le Greta e i giovani nelle piazze ci porterà all'inevitabile disastro.
16/03/2019 - sipi
Concordo con Baldini....
16/03/2019 - Emanuela
Il peggioramento del clima lo stiamo vedendo tutti, e tutti possiamo sfogliare l'album delle fotografie del pianeta prese dallo spazio; eppure quando una ragazzina coraggiosa e intelligente chiede conto dell'incoscienza criminale del mondo della politica e dell'economia che privilegia i valori di borsa rispetto a quelli della vita delle nuove generazioni, si scatena una canea diffamatoria incredibile. Che squallore e che idiozia...
16/03/2019 - lo studente
Bisognerebbe anche dire che la Pavone ieri si è scusata con la ragazzina coraggiosa e tenace con sindrome di Asperger.
16/03/2019 - maria teresa
Sig. Baldini, trovo esagerato il suo scritto.- gli sguardi delle persone sono il nostro dna.- belli brutti ?? giovani vecchi ??? come si fa a commentare ??? poi, il detto..."non è bello cio' che è bello, ma è bello cio' che piace.-" Greta è una piccola luce da ammirare e non da spegnere...d'accordo !!! Ma in quanti di noi maturi, abbiamo ammirato e sognato e amato con le canzoni della Pavone ??? altri tempi, certo, ma forse piu belli.-
16/03/2019 - bilancia
Se proprio vogliamo cercare il pelo nell'uovo forse Greta ha le stesse trecce di Mercoledì (la ragazzina terribile della Famiglia Addams), ma da qui a dire la cretinata fenomenale che "sembra uscita da un film horror" ce ne corre un bel po'. Forse il problema nasce dal fatto che chi ha ottenuto un briciolo di notorietà, sia facendo il cantante che qualsiasi altro lavoro, si sente autorizzato ad emettere giudizi su qualsiasi cosa. A questo punto giova ricordare l'antico "sutor, ne ultra crepidam" citato da Plinio il Vecchio.
16/03/2019 - Giovanni lo scettico
un po' di rumore per nulla
16/03/2019 - rb
Credo che la tristezza risieda " a monte ": cioè sulla cima di ogni montagna. Al di là di ogni discorso porre come premessa che un bambino, un ragazzo nelle sue opinioni e scelte sia manipolato è triste. È sempre stata questa la tattica per chiudere la bocca ai minori oppure i più fragili dal punto di vista economico. Loro tutti privi di riflessione e opinioni sempre manovrati da qualcuno in cima verso un altro ugualmente sul cocuzzolo. Insomma un po' di rispetto. E la signora Pavone non si deve scusare di aver saputo dello stato di salute di Greta, piuttosto di aver messo in discussione la sincerità di una persona.
16/03/2019 - Caterina
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.