LA POSTA DEI LETTORI / Caro sindaco, caro assessore...ridateci l'area cani a Lido di Dante

LA POSTA DEI LETTORI / Caro sindaco, caro assessore...ridateci l'area cani a Lido di Dante

Lido di Dante è una località balneare del Comune di Ravenna con pari dignità e rispettabilità delle altre otto, ma forse è figlia di un dio minore. Ha lasciato stupefatti i suoi residenti, gli imprenditori e i turisti quanto letto nella stampa sull’impossibilità di riavere, nella parte nord della propria spiaggia, l’area cani esistita fino al 2015, chiusa da allora senza che nessuno ne capisca le ragioni. Nuove aree cani vengono istituite in altre località della stessa costa ravennate, portando a sei il numero di quelle autorizzate, ma per Lido di Dante nulla da fare.

Secondo l’assessore al turismo, non si può perché quel tratto di spiaggia è privato, mentre invece è principio giuridico inderogabile, nella legislazione italiana, fissato più volte anche dalla Cassazione, che tutte le spiagge sono pubbliche, vuoi che lo siano sempre state o che lo diventino, com’è avvenuto, nel nostro caso, con l’ingressione marina. Ci vuole la volontà politica di procedere contro ogni resistenza di parte, politica o privata.

Voglio ricordare che, anche a causa delle limitazioni alla circolazione degli animali imposte dalle Autorità locali, nella stagione estiva si intensifica, soprattutto nelle zone turistiche, il riprovevole fenomeno dell’abbandono di quelli domestici. Tale andazzo trova incentivo a Lido di Dante, che, essendo privata di un’area cani dedicata, è esposta allo scorrazzamento in lungo e in largo di questi animali, anche di grossa taglia. Alcuni irrispettosi proprietari non si fanno neppure scrupolo, favoriti dalla latitanza dei controlli, di portarli in spiaggia e anche di mandarli in acqua tra i bagnanti.

Il danno è grave anche per l’economia turistica del paese, che rischia di essere tagliato fuori dal flusso turistico delle famiglie, sempre più numerose e determinate, che prediligono le spiagge dotate di area cani. Il Comitato cittadino locale ha già ricevuto numerose richieste di conoscere la disponibilità di questo servizio, quale condizione per prenotare i soggiorni della prossima estate.

Lido di Dante ha perduto, dal 2015, anche la spiaggia libera coi relativi bagnanti. È stata abbandonata anche dai diportisti, causa l’assurda mancanza di un accesso al mare per le piccole imbarcazioni. Altre ben note situazioni di ordine pubblico e di decoro, estranee, ed anzi in contraddizione, con la qualità dell’accoglienza e della ricettività, condizionano anch’esse negativamente l’economia e l’imprenditoria locale.

Caro assessore, ridia dunque a Lido di Dante almeno la sua area cani. Rispondi alla richiesta degli operatori di questa località, non solo a quelli ove tale servizio sarà introdotto ex novo. L’area sgambamento va bene, ma non basta ad attrarre le famiglie che intendono viaggiare insieme ai loro cari a quattro zampe. Non vengono in vacanza per lasciarli chiusi in appartamento da mattino a sera. Li vogliono con sé in una spiaggia che li ospiti coi dovuti crismi. Per farli “sgambare” c’è l’imbrunire.

Pasquale Minichini, capogruppo di Lista per Ravenna nell’Area territoriale del Mare

25/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Io non conosco il perchè della chiusura ai cani ma so che spesso, alcuni loro proprietari, vanno oltre il buon senso. Sono un frequentatore di tale spiaggia libera e non sono rari i casi di vedere cani di grossa taglia (rottweiler e altri simili) liberi di scorrazzare senza guinzaglio e/o museruola. In un caso ho dovuto chiamare a gran voce il proprietario distratto, quando una coppia di questi mi si era fermata vicino e mi fissava. Ho avuto paura!
25/03/2019 - Demo
stiamo parlando di una spiaggia dove esistono quattro bagni..uno di questi su palafitta perchè non ha più spiaggia di fronte...mentre i tre bagni rimasti hanno tre metri di spiaggia...di cosa stiamo parlando?????se qualcuno si fà domande tipo se questa è una spiaggia inferiori ad altre ..dovrebbe chiederlo al comitato cittadino quando a suo tempo la birreria faceva rumore..quando dove si ballava faceva rumore e tanti altri localini davano fastidio...però ora è rinomata per scambisti!!!il risultato è questo...e il problema è...SPIAGGIA PER CANI
25/03/2019 - mauro morigi
Non se ne può più. Area dedicata e stop!!!! Basta con cani che corrono liberi, basta con padroni maleducati, basta con gli escrementi non raccolti. Accipicchia vengono prima le persone e i bambini.
25/03/2019 - ilpessimista
Sarebbe meglio che la nostra amministrazioni si rendesse conto del degrado di tale località, la spiaggia e la relativa pinte a è invasa per 8/9 mesi all'anno da guardoni, esibizionisti e altro... basterebbe fare un giro nella pineta, possibilmente in borghese e non in divisa con quad e lampeggianti per rendersi conto della fauna umana presente. Non appena risolveranno tale problema o quantomeno lo prenderanno in considerazione si potrà parlare anche di altro. Io sinceramente in un posto così non ci porterei nemmeno il cane! NB: Che sia ben chiaro che non ho nulla contro Lido di Dante ma con una gran parte dei frequentatori più o meno occasionali.
25/03/2019 - Dogsitter
Si dai...cosi ogni volta che vedo un cane in spiaggia nn adibita chiamo i vigili...
25/03/2019 - Eddy
Ma perche' i bimbi a 4 zampe non li portate nei bagni dove vi è concesso l'ingresso, con tutte le precauzioni obbligatorie ??? (museruola in primis !!!) solo che i proprietari vogliono fare cio che vogliono !!! e rispettare le regole non gli sta bene !!! quel pezzo di spiaggia, a quanto ne so, è privata e quindi il proprietario puo' fare quello che vuole !!!
25/03/2019 - armando
Standing ovation per Dogsitter. Le persone normali, in particolare le donne sole (di qualunque età) non si azzardano a metter piede verso la vita, perché è tutto uno squallido spettacolo di "ehi, ppssst" nascondini fra le piante, esibizionisti, scambisti, ecc. Marciume...che impedisce anche una semplice, rigenerante passeggiata, tutto l'anno.
25/03/2019 - Lella
Scommetto che salterà fuori qualcuno a parlare degli "odiatori di cani".
25/03/2019 - Giovanni lo scettico
In via G Papalia è stato asfaltato metà della carreggiata.Per completezza sarebbe opportuno rifare l'altra metà delle strisce pedonali.
25/03/2019 - Giovanni
Siamo impegnati a controllare nuovi siti autovelox per poi comunicarteli -Scusaci gentilissimo non abbiamo tempo stiamo lavorando per te e poi "siamo subbito da te"
26/03/2019 - Carlo
Sig..GiovanniNon mi risulta esserci il divieto,in ogni caso a lei piace provocare si risparmi i polpastrelli per cose più serie.
26/03/2019 - Onofrio
Italia è andata a malora per colpa degli italiani e lido di dante non é migliore ciao
27/03/2019 - Andrea
Da quel che si vede, e non solo a Lido Di Dante , si direbbe che si voglia portare Ravenna , e solo Ravenna e le sua spiagge , a condizioni pietose , da paese sottosviluppato; perche' ???
28/03/2019 - susy
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.