Chiusura Ravegnana e danni alla cittadinanza: l'opposizione contro i "miseri" rimborsi stabiliti

Chiusura Ravegnana e danni alla cittadinanza: l'opposizione contro i "miseri" rimborsi stabiliti

LpRa, Lega, FI, Ravenna in Comune, CambieRà e Gruppo Misto contestano il provvedimento della maggioranza: "ne impugniamo la legittimità e ne dimostriamo l’infondatezza e l’inapplicabilità"

I capigruppo di opposizione di Lista per Ravenna, Lega, Forza Italia, Ravenna in Comune, CambieRà e Gruppo Misto hanno sottoscritto, primo firmatario Alvaro Ancisi, una diffida - che dichiarano aperta anche agli altri capigruppo - indirizzata al dirigente del servizio Finanziario e per conoscenza, al segretario generale e responsabile dell'Anticorruzione e della Trasparenza, al collegio dei revisori dei conti e al sindaco di Ravenna. L’iniziativa concerne la deliberazione del Consiglio comunale del 19 marzo scorso sulla “Chiusura della strada Ravegnana”, che dispone “misure di agevolazione dei tributi TARI, ICP e TOSAP in favore delle imprese localizzate nell’area oggetto di preclusione al traffico”. 

I capigruppo di opposizione contestano il provvedimento approvato dalla maggioranza col voto contrario: "ne impugniamo, in punta di diritto, la legittimità e ne dimostriamo l’infondatezza e l’inapplicabilità" si legge in una nota.

"Noi contestiamo soprattutto come la maggioranza che governa Ravenna da 49 anni, avendo ridotto la viabilità del territorio ad uno stato di gravi mancanze, impraticabilità e dissesti che non ha pari in Italia, e tanto meno in Emilia-Romagna, voglia riconoscere ai cittadini danneggiati dai casi di maggiore drammaticità, oggi la Ravegnana, ieri piazza Kennedy, domani il ponte Grattacoppa, solamente pochi spiccioli di esenzioni tributarie, tra cui l’unica che valga qualcosa attiene alla TARI. - si dice nel documento sottoscritto - Ma contrastiamo, ancor più fortemente, che lo faccia senza impegnare un soldo del bilancio comunale, bensì ponendone il costo a maggior carico dell’intera massa dei contribuenti che questa tassa rifiuti la pagano. Lo consideriamo addirittura offensivo."

"Quello che noi proponiamo - vedi l’ordine del giorno Ancisi, da noi approvato e bocciato dalla maggioranza - è che la giunta tiri fuori almeno un millesimo/un millesimo e mezzo (200/300 mila euro) del bilancio corrente, per rimborsare i danni che la chiusura della Ravegnana ha prodotto e produrrà, chissà per quanto, alle imprese ubicate su tutta la vasta area martoriata posta sull’asse della Ravegnana fino a Coccolia e sulle frazioni a lato della Ravegnana facenti capo ai consigli territoriali di Roncalceci, San Pietro in Vincoli e Ravenna Sud. - si legge ancora - Ma non solo, perché vogliamo che siano rimborsati anche i cittadini residenti nella stessa area che, per esigenze di lavoro o familiari, subiscono anch’essi dei salassi economici per fronteggiare i propri attuali problemi di mobilità pericolosa e travagliata."

LA DIFFIDA

26/03/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Va bene tutto, ma che lo stato delle strade in Emilia Romagna non abbia pari in Italia fa veramente ridere. Significa che chi ha scritto non esce mai e poi mai da Ravenna e provincia.
27/03/2019 - Giovanna Montanari
concordo con giovanna,le strade sono distrutte ovunque, pure al nord
27/03/2019 - batti
Sig.ra Giovanna, io l'Italia, e non solo, la giro tutta. Ma legga bene: "stato di gravi mancanze, impraticabilità e dissesti che non ha pari…tanto meno in Emilia-Romagna" vuol dire che il resto della regione è molto meglio di Ravenna, a cominciare da Forlì e Cesena. Cioè che l'Emilia-Romagna si può confrontare col resto del paese, Ravenna neanche coi suoi vicini. Cordialmente
27/03/2019 - Alvaro Ancisi
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.