Agenzia delle Entrate. Sciopero e presidio martedì 2 aprile

Agenzia delle Entrate. Sciopero e presidio martedì 2 aprile

Presidio dalle ore 8.30 alle 10.00 presso la sede della Direzione Provinciale in Via Trieste 74 a Ravenna

“I dipendenti dell’Agenzia delle Entrate sciopereranno martedì 2 aprile perché vogliono continuare a fare “bene” il loro lavoro nell’interesse di tutto il paese, invece c’è il rischio che cambi la natura dell’Agenzia.” Esordiscono così i sindacati ravennati che rappresentano i 210 dipendenti dell’Agenzia delle Entrate della provincia di Ravenna che ha tre sedi: la direzione a Ravenna, l’ufficio territoriale di Faenza e lo sportello di Lugo. Nel corso del tempo la missione dell’Agenzia sembra mutare: da amministrazione strettamente votata alla lotta all’evasione fiscale, dovrebbe trasformarsi in amministrazione erogatrice di servizi.

L’Agenzia delle Entrate  - scrivono i Sindacati Fp Cgil, Cisl FP, UilPa Flp in un comunicato stampa - ha come obiettivo principale quello di far sì che le leggi fiscali nel nostro paese siano rispettate e se ciò dovesse cambiare tutto il paese ci perderà e le disuguaglianze non si ridurranno, diventeranno sempre più marcate in dispregio delle regole e del dettato costituzionale (ART 53) dove “tutti sono tenuti a concorrere alle spede pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività". Le tasse pagate, spontaneamente o per effetto del lavoro dei dipendenti dell’Agenzia, servono affinché tutta la comunità nazionale ne possa trarre beneficio attraverso i servizi pubblici erogati: scuole, sanità, assistenza, previdenza, strade, ferrovie e molto altro ancora. Tutti servizi migliorabili, certo, ma senza le tasse pagate dai cittadini onesti non ci sarebbero servizi pubblici nel nostro paese. Se tutti pagassero le tasse i servizi sarebbero migliori e ciascuno cittadino del nostro paese pagherebbe meno tasse.
Uno dei compiti dell’Agenzia delle Entrate - proseguono i sindacati -  è perseguire gli evasori fiscali e obbligarli a pagare le tasse al pari di chi rispetta la legge e le paga regolarmente. E per questo lavoro pubblico nell’interesse della intera collettività nazionale, i lavoratori dell’Agenzia delle Entrate sono remunerati.

I sindacati lamentano il mancato rispetto degli accordi sindacali: i dipendenti dell’Agenzia delle Entrate hanno parte del loro salario legato al raggiungimento di obiettivi fissati per legge e dalle convenzioni annuali Ministero dell’Economia e delle Finanze/Agenzia delle Entrate. Quindi hanno diritto, per effetto di norme e di accordi sindacali, a compensi collegati al livello di raggiungimento di obiettivi, individuati prima e riscontrati dopo.
I dipendenti dell’Agenzia delle Entrate hanno raggiunto per gli anni 2016 e 2017 gli obiettivi assegnati loro per quegli anni, ma ancora oggi non sono stati remunerati per quel traguardo raggiunto (salario di produttività) anzi, al contrario, l’Agenzia vuole ridurre di 30 milioni di euro i fondi utilizzati per quei pagamenti. Li vuole ridurre senza alcuna spiegazione convincente.


Per tutti questi motivi - concludono i sindacati - i 34.000 dipendenti di tutta Italia dell’Agenzia delle Entrate sono chiamati allo sciopero: dipendenti altamente professionalizzati, in perenne sotto organico, con carichi di lavoro sempre più pesanti. I dipendenti dell’Agenzia delle Entrate vogliono continuare a lavorare per la collettività e vogliono che i compensi legati agli obiettivi del 2016 e 2017 siano erogati senza tagli e senza ulteriori ritardi.
In preparazione dello sciopero si stanno svolgendo assemblee presso tutti gli uffici dell’Agenzia delle Entrate della nostra regione, con partecipazione elevatissima dei dipendenti e, ad oggi, con piena condivisione degli obiettivi sindacali.


I dipendenti dell'Agenzia delle Entrate della provincia di Ravenna, hanno proclamato una giornata di sciopero, martedì 2 aprile, nel corso della quale dalle 8.30 alle 10.00 si terrà un presidio/sit in davanti alla sede della direzione provinciale in Via Trieste 74, per sensibilizzare la cittadinanza sul motivi della protesta. 

01/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Tutti hanno diritto di scioperare e di pensare quello che sia giusto o sbagliato liberamente ma basta recarsi negli uffici per farsi un'idea.
01/04/2019 - Marco74
Fino ad ora hanno quindi fatto "bene" il loro lavoro? Forse sì ma con alcuni impiegati perennemente stanchi e con poca pazienza ,come purtroppo in altri uffici pubblici.
02/04/2019 - maria teresa
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.