LA POSTA DEI LETTORI / Via Montone Abbandonato senza marciapiede davanti al Bosco Baronio

Via Fiume Montone Abbandonato, oltre la piazza dell’ex mercato ambulante, è costeggiata in entrambi i lati da innumerevoli abitazioni, dall’accesso al CMP dell’AUSL ravennate ed è interessata da un discreto traffico veicolare.

Essa è sufficientemente servita da marciapiedi, anche se non tutti in buono stato di manutenzione. Quando però la strada fiancheggia il grande Parco del Bosco Baronio, il marciapiedi evapora, lasciando posto ad un semplice ciglio stradale erboso fin nei pressi della Rotonda Olanda.

Su quel lato di via cittadina viene quindi a mancare (ormai da anni) un presidio di sicurezza e di incolumità per i pedoni, e contemporaneamente si materializza una desolante carenza di arredo urbano. Il Comune si è allora distratto su quel tratto?

Credo sia tempo di intervenire prontamente, realizzando il marciapiede mancante, in modo da evitare che l’aggettivo “ Abbandonato “ diventi la metafora di una via Fiume Montone lasciata inspiegabilmente e pericolosamente a se stessa!

 

Giuseppe Fantini

08/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Se fosse solo li il problema, sarebbe niente, ma quante sono gli obrobri della città, siamo alla frutta e vogliono farci credere che.tutto fila liscio.
08/04/2019 - Mario
La città va avanti per inerzia, l'Amministrazione Comunale è latitante in attesa della disfatta alle prossime elezioni, i prossimi che governeranno Ravenna avranno un bel daffare per recuperarla, sempre che sia possibile.
08/04/2019 - agi62
sostengo a pieno l'articolo, sottolineando che lo stesso discorso vale anche per la pista ciclabile. Speriamo che l' amministrazione provveda a realizzare quel chilometro mancante che collega la farmacia n. 8 al quartiere Borgo Nuovo. Attualmente quel tratto di strada è molto pericoloso sia per i pedoni che per i velocipedi.
08/04/2019 - sole
I veicoli vanno forte come se fossero in tangenziale, all'altezza dell'uscita dal Bosco non c'è neppure l'attraversamento pedonale
08/04/2019 - maria
Ravenna chiama e l'amministrazione latita....ma del resto cosa ci si aspettava quando una minoranza l'ha eletta?
08/04/2019 - Angelo
Ma come! Abbiamo uno dei Sindaci migliori di Italia, poco tempo fa ravennanotizie riportava del suo esser stato ricevuto al Quirinale, dal Presidente Sergio Mattarella in persona! No, é chiaramente tutta colpa di quei quattro grillini senza arte né parte, e di quel manipolo di leghisti in odore di fascismo. Mala tempora currunt. P.s.: ma alle prossime amministrative, potrà cambiare qualcosa o ci si dovrà rassegnare alla solita indole gattopardesca...? Giusto per regolarmi.
08/04/2019 - Lucio
magari far notare che le strade confluenti sulla montone abbandonato, son altrettanto pericolose perché tutte a doppio senso e con macchine parcheggiate ambo i lati ....un bel sistema a sensi unici come nel s.rocco no eh?
08/04/2019 - D.M.
Ve ne siete accorti solo ora ? E' una vita che il marciapiede non esiste!!! Questo è solo polemica gratuita. !!!!
08/04/2019 - Clod75
Diciamo pure che questa amministrazione non sta spendendo un euro. Questo significa che non sta facendo nulla. La prima cosa da fare, visti gli allarmi che vengono dati per i livelli d'inquinamento elevatissimi, sarebbe costruire ciclabili e incentivare l'uso dei mezzi pubblici, ma questa amministrazione latita. Ravenna è una città che non vuole crescere; si dovrebbe dare più spazio alle idee dei privati.
08/04/2019 - Petar
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.