Alfonsine ha celebrato il 74° Anniversario della Liberazione con il discorso del giovane Dika

Alfonsine ha celebrato il 74° Anniversario della Liberazione con il discorso del giovane Dika
Mauro Venturi e Bernard Dika

Il ventenne Bernard Dika è Alfiere della Repubblica Italiana scelto dal Presidente Mattarella per il suo impegno concreto per la pace

Alfonsine ha celebrato questa mattina 10 aprile il 74° anniversario della battaglia del Senio e della Liberazione di Alfonsine dall’occupazione nazifascista, avvenuta il 10 aprile 1945, con una cerimonia partecipata da quasi mille persone. Il corteo arrivato in piazza Gramsci ha assistito al lancio dei palloncini con dentro messaggi di pace e ai canti eseguiti dai bambini delle scuole di Alfonsine. 

Dopo la deposizione della corona al monumento ai caduti della Battaglia del Senio la cerimonia ha visto l'intervento del Sindaco di Alfonsine Mauro Venturi che ha sottolineato l'importanza della trasmissione del testimone della memoria alle giovani generazioni presentando l'oratore ufficiale di quest'anno: il ventenne Bernard Dika, Alfiere della Repubblica Italiana scelto dal Presidente Mattarella per il suo impegno concreto per la pace.

Dika - emozionato di essere sul Palco in cui sono intervenuti negli anni prima di lui il Presidente della Repubblica Sandro Pertini, il Premier Giovanni Spadolini, l'on. Tina Anselmi - ha sorpreso la piazza con un intervento (qui il video http://bit.ly/2uUtZ2h) di quasi venti minuti tenuto a braccio dove si è rivolto ai tanti giovani presenti stimolandoli ad impegnarsi già nel presente per costruire un domani migliore.

Dika ha incentrato il suo intervento sull'Europa dichiarando "il 10 Aprile e fra poco il 25 Aprile ci avvertono che dalla sovranità nazionale dei singoli stati si può presto scivolare nel nazionalismo sovrano dello stato più forte e bellicoso come ci insegna la storia europea del secolo scorso. Ecco perché l'anniversario della Liberazione ammonisce simbolicamente l’Unione Europea di non arretrare e ai singoli paesi che la compongono di resistere a paurose chiusure, a un protezionismo miope ed avaro dell’interesse nazionale. Questa data ci chiede di opporsi ad un egoismo sociale che porta ad abbattere ponti e a costruire muri. Chiede soprattutto di comprendere che ormai le scelte più importanti per la vita di un gruppo sfuggono alle piccole sovranità nazionali, al contrario, esse richiedono sovranità che si esercitano su vaste aree continentali e l’Europa è certamente una di queste. L'Europa è il nostro destino e noi non possiamo che renderla migliore".

Dika ha concluso il suo intervento chiamando sul palco, al suo fianco, la partigiana Viera Geminiani lanciando insieme a lei un monito forte che ha animato la piazza affollata: "Mai più guerre, mai più guerre, mai più guerre e viva la PACE concretizzata nella nostra quotidianità".

 

10/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Finalmente un giovane uomo chiamato a parlare in questa importantissima ricorrenza. Molto bello!!!
10/04/2019 - carlo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.