Presidio Arcigay a Bologna. Articolo 1 aderirà alla manifestazione: basta discriminazioni

Articolo Uno aderirà al presidio organizzato dal Bologna Pride, domani 11 aprile alle 17, in viale Aldo Moro 50 davanti alla sede della Regione.

"L’11 aprile sbarca a Bologna il manipolo italiano dell’Internazionale omofoba che si è svolta a Verona lo scorso 30 marzo, con l’obiettivo dichiarato di contrastare la proposta di legge regionale contro le discriminazioni verso le persone Lgbtq+ in discussione in commissione Parità" spiegano da Art.1. Ravenna.

"Una manifestazione che non sarebbe stata necessaria se il Pd avesse approvato la legge a tempo debito, anziché sacrificarla a favore della sua “pace” interna con l’ala cattolica più conservatrice e avesse avuto il coraggio di mettere in minoranza, in Aula, chi nel partito era – e ancora oggi è – contrario o contraria a questo progetto di legge" prosegue la nota -. Un emendamento senza senso quello alla legge regionale “anti-omotransfobia”: un accordo tra consiglieri che prevede, attraverso un emendamento, la condanna della gestazione per altri accostando tale pratica alle violenze sessuali e agli abusi sui minori, emendamento presentato dai cattodem Paruolo e Boschini. Un emendamento distruttivo che dà segnali pessimi su questioni che nulla c’entrano con il progetto di legge in discussione.
Tra l’altro in Italia la gestazione per altri è vietata: non c’è alcun motivo per proporre un emendamento di questo tipo. La legge sull’omotransnegatività va approvata e non può essere rinviata, e non può essere oggetto di nessuna contrattazione politica".

 

10/04/2019

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.