La Pigna: “Ospedale di Ravenna, un declino inesorabile per le scelte scellerate del Pd”

"I ravennati continuano a pagare sulla propria pelle le conseguenze in termini di disagi, carenze, disservizi e decadimento della qualità dei servizi dell’Ospedale di Ravenna. Tutto questo nonostante l’abnegazione e la dedizione del personale sanitario e parasanitario. - scrive la lista civica La Pigna in una nota - I problemi dell’Ospedale di Ravenna sono figli di scelte irresponsabili e scellerate di questi anni. Scelte che hanno un unico responsabile: il Partito Democratico." 

"L’incontro di ieri in Prefettura, al quale hanno partecipato il Sindaco Michele de Pascale, il direttore generale e sanitario dell’Ausl Romagna e il direttore dell’Ospedale di Ravenna, il cui scopo dichiarato era quello di effettuare una ricognizione dei mali dei servizi dell’Ospedale di Ravenna, è stata una perfetta perdita di tempo. Innanzitutto, è mancato un elemento fondamentale: l’accertamento delle responsabilità gestionali che per quanto ci riguarda ha un nome e un cognome preciso, il direttore generale Marcello Tonini. La gestione Tonini ha prodotto risultati a dir poco disastrosi ai quali occorre porre immediato rimedio con un drastico e repentino cambio di rotta. - continua La Pigna - Il sovraffollamento del pronto soccorso, la carenza di medici nel reparto di medicina generale, l’appoggio di pazienti in altri reparti rispetto a quello di medicina per carenza di posti letto, l’ampliamento del reparto di pediatria, la riorganizzazione del reparto di ostetricia-ginecologia, la regolamentazione delle badanti e la piena operatività delle case delle salute devono trovare risposte immediate."

Per ottenere risposte sulle problematiche dell’Ospedale La Pigna ha presentato un question time che verrà discusso martedì prossimo in Consiglio Comunale. 

12/04/2019


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.