LA POSTA DEI LETTORI / Perché lasciare San Giovanni Evangelista senza Messa? I cittadini la chiedono

Oggi è la domenica delle Palme e qui, nel quartiere San Giovanni, noi non sentiamo neppure suonare le campane. Il nostro parroco si è avviato da tempo verso l’età del riposo e noi siamo rimasti senza Parrocchia. Ci hanno appoggiati ad un’altra dignitosissima Chiesa, ma non è come avere la Chiesa vicina e certamente non perchè non possiamo camminare o parcheggiare l’auto, ma perché andare alla Messa con i nostri conoscenti, vicino casa, nella Basilica dove ci siamo quasi tutti comunicati e sposati è un’altra cosa. Certamente Dio lo si incontra ovunque, ma questa non dove essere una scusa per chiudere alle funzioni ed a tempo indeterminato (o peggio definitivamente) quel capolavoro di atmosfera e bellezza che è San Giovanni Evangelista. 

Ultimamente siamo stati molto attivi: abbiamo fondato comitati, abbiamo fatto petizioni, abbiamo indetto riunioni e ottenuto anche tanti risultati, ma in altri campi, quantunque meritevoli assolutamente di attenzione. Il campo dell’Ordine Pubblico, per dirla in una parola sola. Immagino ci sia carenza di sacerdoti, ma perché “spostare” noi in un’altra Parrocchia, invece di mandare (nell'attesa che il nome di un Parroco si materializzi) un Sacerdote a celebrare da noi, almeno una Messa per ogni domenica? Perché lasciare San Giovanni Evangelista senza Messa Pasquale? Se i cittadini non chiedono, nessuno darà mai. Non si pensi che non ci importi questa cosa. Io chiedo a chi di dovere, dopo avere raccolto tante altre lamentale e soprattutto manifestazioni di dispiacere: abbiamo concesso un giusto tempo, adesso ridateci la Messa!

Annalisa P.

14/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Non ho mai capito come mai in Italia mancano dei preti, poi molti preti italiani vanno all'estero.
14/04/2019 - ALDO
Avete tutta la mia comprensione. Io ha ricevuto lì i sacramenti dell'iniziazione cristiana e sebbene abbia cambiato parrocchia col tempo, sono rimasta molto legata a quella chiesa. Oltretutto San Giovanni Evangelista è la chiesa più antica della città.... almeno una Santa Messa domenicale si potrebbe avere, nonostante la carenza di sacerdoti nella diocesi. Preghiamo perché tutto ciò possa avverarsi presto e per sante nuove vocazioni sacerdotali.
14/04/2019 - Angela
Concordo Pienamente. Avevo scritto anche alla sede Arcivescovado di Ravenna, senza alcuna risposta. Come diceva il parroco di San Giovanni, e' la Basilica forse piu' antica la mondo. Possibile che non ci sia modo di renderla di nuovo aperta al culto?
14/04/2019 - Paolo Castrucci
Gentile Annalisa, l'esaudimento della sua richiesta dipende dal Vescovo, ma se i sacerdoti non ci sono al massimo si possono importare dall'Africa, che è l'unico continente nel quale le vocazioni non sono in crisi.
14/04/2019 - Giovanni lo scettico
Bella e giusta questa richiesta ma un Sacerdote per la messa non e' una cosa da poco...e se fossi nel Vescovo e dovessi scegliere se trovare un sacerdote per una parrocchia di periferia che serve migliaia di persone o una "piccola" parrocchia del centro non potrei che scegliere la prima...e se non ci sono Sacerdoti sicuramente dobbiamo chiederci noi il perché....io per primo, se i miei figli mi avessero detto che sceglievano di fare il Sacerdote non dico che glelo avrei impedito ma forse non glielo avrei consigliato (e' dura al giorno d'oggi e bisogna crederci profondamente per farlo bene).....altra cosa e' l'aspetto turistico per cui un accordo tra Diocesi e Comune per mantenere aperta la chiesa e' sempre benvenuto....
14/04/2019 - Stefano
Eccome se ci sono i sacerdoti alcuni celebrano una messa al giorno. Poi dove sono ....! Come l’eminenza certo sempre molto impegnato....! Rispetto all predecessore rinchiso poche apparizioni. Mha il mondo del clero ravennate credetemi e veramente strano.
14/04/2019 - Ringhio
Siamo in calo, con queste benedette vocazioni x diventare preti, x diversi motivi, scandali nel clero, x motivi sessuali, poi la chiesa un tempo era sicura, i preti affidabili, ora pure un genitore ci pensa due volte x consigliare a un ragazzino di frequentare certi ambienti..... Mio nonno diceva: i preti lontano 10 km da casa mia, perché predicano bene razzolano male, invece credeva a Gesù nostro Signore...
16/04/2019 - Giancarlo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.