Rimozione dune di sabbia sul litorale. Ancisi (LpRa): Inizio tardivo danneggia avvio della stagione

Rimozione dune di sabbia sul litorale. Ancisi (LpRa): Inizio tardivo danneggia avvio della stagione
Foto di repertorio

“Ci è stata segnalata - dichiara Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna - in occasione dell’incombente avvio della stagione balneare, un’incongruenza riguardante la rimozione, nel periodo primaverile, delle dune di sabbia che in autunno sono state poste dagli stabilimenti balneari per proteggere l’area di propria concessione dalle mareggiate. L’uso del litorale marittimo sull’intera costa dell’Emilia-Romagna è sottoposto senza distinzioni all’ordinamento della Regione Emilia-Romagna. Ciononostante, succede da alcuni anni che l’autorizzazione ad effettuare tali lavori viene data, nei comuni di Ravenna e di Cervia, con diversa non lieve decorrenza". 

"Quest’anno - prosegue Ancisi - la differenza, a quanto ci è stato riferito, è stata di due settimane: il 25 marzo a Cervia, l’8 aprile a Ravenna. Rimuovere queste dune richiede una notevole e prolungata mole di lavoro. Ne dipende in qualche maniera anche la ripresa delle attività negli stabilimenti balneari. Una dorsale di sabbia che si erge davanti a loro, impedendo la visibilità del mare e riducendo ed ostacolando l’uso della spiaggia e la circolazione sul circolazione, non è infatti gradita ai potenziali utenti. Dalla tempestiva rimozione delle dune nel periodo primaverile dipende dunque l’avvio della stagione balneare nel nostro litorale, specialmente nel periodo della Pasqua, che, se quest’anno giunge piuttosto avanti, il 21 aprile, arriverà il 12 nel 2020 e il 4 nel 2021. Un avvio dei lavori ritardato, anche solo di una o due settimane, mette maggiore pressione ai titolari degli stabilimenti balneari e all’andamento delle operazioni".

"Sta di fatto - avanza Ancisi - che, se e quando i bagnini ravennati decidono di aprire il loro stabilimento, possono trovarsi di fronte le dune, mentre i cugini cervesi, magari lì accanto, hanno già la spiaggia in ordine da giorni. Fermo restando che l’autorizzazione allo sbancamento delle dune consente, ma non obbliga, di iniziare i lavori dal giorno indicato, per cui ogni bagnino può decidere in autonomia quando avviarli e come organizzarli, anche a scaglioni, potendo tener conto del tempo, delle previsioni climatiche e di ogni altro fattore che ritenga degno di considerazione, sembra opportuno che in futuro la data di decorrenza dell’autorizzazione stessa sia uniforme almeno per entrambi i confinanti Comuni della provincia di Ravenna".

Ancisi chiede dunque al sindaco di Ravenna, con un question time, "se e come intende attivarsi in tal senso, fornendo anche le spiegazioni e le considerazioni che ritenga utile dover esprimere oltre le limitate informazioni di cui il consigliere interrogante dispone".

14/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Occhio che poi a togliere le dune troppo presto ci di trova "scoperti"' contro le mareggiate; con il clima che diventa sempre più tropicale e imprevedibile, meglio tenerle una o due settimane in più che in meno
14/04/2019 - Francesco
25 e martedì 26 marzo a Ravenna. Come annunciato dall'allerta meteo, attorno alle 22.45 intense raffiche di bora hanno sferzato tutto l'Adriatico... 4 aprile allerta meteo per venti forti e mareggiata. Della serie se venivano tolte prima il motivo per fare l'interrogazione c'era sempre.
14/04/2019 - as
come detto dallo stesso ognuno può attivarlo nel proprio bagno ed essere pronto quando vuole , question time pubblicitario nello stile di Ancisi . Poi se fa mareggiata bisognava lasciarli. Non è un mucchio di sabbia a cambiare la stagione o l apertura ....
14/04/2019 - eddaie
mi sa che qui da noi siano cominciato i lavori qualche giorno dopo la bufera.se i lavori fossero cominciati prima qualcuno sarebbe stato allagato.e probabilmente ancisi avrebbe protestato per troppa fretta
14/04/2019 - batti
Ai primi quattro critici: 1) pongo proposte “territoriali” non perché me li inventi o me ne manchino (anzi), ma perché mi vengono dai cittadini, di cui mi faccio portavoce; 2) tant’è che, prevedendo le Loro osservazioni ho scritto “… l’autorizzazione allo sbancamento delle dune consente, ma non obbliga, di iniziare i lavori dal giorno indicato, per cui ogni bagnino può decidere in autonomia quando avviarli e come organizzarli, anche a scaglioni, potendo tener conto del tempo, delle previsioni climatiche e di ogni altro fattore che ritenga degno di considerazione…”: saranno i bagnini stessi (che ne sanno più di noi cinque) a cogliere più o meno o niente l’opportunità di più giorni su cui organizzarsi, sapendo peraltro che all’ultimo momento non si trovano più facilmente gli operatori specializzati e allo stesso costo; 3) ho parlato per il futuro: vorrei vedere cominciare i lavori l’8 aprile quando la Pasqua arriverà rispettivamente il 12 (nel 2020) e il 4 (nel 2021). Cordialmente.
15/04/2019 - Alvaro Ancisi
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.