Furti. Razzia di telefoni e computer Apple dal negozio Moxma di via di Roma a Ravenna

Furti. Razzia di telefoni e computer Apple dal negozio Moxma di via di Roma a Ravenna
Una foto dell'interno del negozio MOxma dopo il furto

Ennesimo furto nei negozi ravennati. Dopo i colpi di cui sono rimaste vittima le attività commerciali di ottica Bovesi e Forlini, nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 aprile, attorno alle 3.30 i ladri hanno assaltato il negozio di tecnologia Apple Moxma di via di Roma 121.

Secondo i racconti dei dipendenti, i ladri sarebbero entrati da un'ingresso laterale, sollevando la saracinesca e, con un palanchino, forzando la porta a vetri, senza infrangerla. Tutta la vetrina, compresa la porta, era stata rimessa a nuovo con un ingente investimento (si parla di 70-80mila euro) non più tardi dell'estate scorsa.

Dai filmati registrati dal circuito interno di videocamere del negozio, si vede che i malviventi erano 6 persone, che, nonostante l'allarme sia scattato immediatamente, in soli 2 minuti sono riusciti a portare via praticamente tutta la merce esposta in negozio: si parla di oltre 50 cellulari I-phone e 10-15 computer, tra portatili e fissi, sempre della Apple.

Rubato anche il computer dedicato alla gestione del punto vendita e assistenza Moxma, sul quale sono registrati password e dati di acquisti e forniture, cosa che ha creato non poco disagio a proprietari e dipendenti, oltre al danno commerciale, stimabile in alcune decine di migliaia di euro.

                                

I ladri hanno asportato anche il cassetto della cassa, dove era stato lasciato un fondo di circa 200-300 euro. Le indagini sono affidate alla Polizia di Stato. Non si esclude un collegamento con i recenti furti di viale Berlinguer.

 

15/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
ma come.....se un paio di giorni fa' i nostri assessori hanno detto che i furti sono diminuiti?????
15/04/2019 - roberto
..."il presidente e il direttore di Confcommercio Ravenna Mauro Mambelli e Giorgio Guberti si sono complimentati per i “brillanti risultati conseguiti nel corso dell’ultimo anno e resi noti nel corso del 167° Anniversario della Fondazione della pPolizia di Stato”....si parlava appunto di furti in calo...cvd....sicuramente le nostre forze dell'ordine svolgono un lavoro egregio, ma totalmente vanificato dalle leggi di questo paese....
15/04/2019 - Hypersthene
RAVENNA, città sicura.......ma fino a quando non ci saranno pene certe per questi delinquenti sarà sempre peggio.....oramai la gente sa che la scampa per qualsiasi cosa.....non vanno in galera se ammazzano delle persone , figuriamoci per un furtarello da qualche migliaia di euro?
15/04/2019 - andrew
Per fortuna che i furti sono in calo!!
15/04/2019 - Accio
Oltre il danno anche la beffa!!!! Leggi indegne!!!!
15/04/2019 - maria
La dichiarazione : furti in calo, forse ha offeso o provocato i ladri.. :-)) che hanno ripreso la loro attivita' professionale per detenere sempre il primato nelle clasifiche nazionale...come si dice? non svegliar il cane che dorme:-)))
15/04/2019 - italico
A mio cugino hanno rubato la sella della bicicletta, come fanno a dire che i furti sono diminuiti. Salvini pensaci tu.
15/04/2019 - Alessandro
I giorni scorsi si era detto che i furti sono in calo:ma per favore!!!!
15/04/2019 - Daniele
prima gli occhiali ora i telefoni se fossi nei negozianti starei attento questi sono ritornati a fare la spesa estiva a gratis di tutto e di più...
15/04/2019 - marco74
Ma metteranno anche questa notizia nel "Gazzettino del sindaco"???????????
15/04/2019 - fra
Hai ragione Roberto. I proclami sono immediati appena qualche vocina insinua che i furti sono calati ma bastano le notizie in questa testata per constatare l'esatto contrario. L'unica fortuna à che le forze dell'ordine cercano comunque di contrastare questa delinquenza messa per le strade da un sistema giudiziario risibile come risibile è lasciare liberi i responsabili fino al raggiungimento di almeno 4 anni di pena. Cosa pensate che faranno fino a quel traguardo..............rimanderete l'inevitabile. forse sè li mettete in galera da subito, anche per un mese, forse e dico forse ci pensano prima ma almeno non saranno in giro a delinquere per quel tempo. meditate. Ci vuole anche il bastone non solo carote
15/04/2019 - ma va là
Se un anno il totale dei furti in provincia di Ravenna è 100 e l'anno dopo 90, il calo è un dato, poi si può vedere il totale ammontare dei danni a cose e/o persone, ma sempre un dato è. Il fatto che ci sia un calo non vuole dire che non ci siano più furti, quindi non capisco i commenti sopra. Una volta ci si dava più tutti una mano e quando si vedeva in giro qualcosa/qualcuno di strano si avvisavano i vicini e anche la polizia. Al giorno d'oggi non solo di quello che capita agli altri non ci importa niente, ma puoi essere moribondo per strada che nessuno ti da una mano, o i tuoi amici che ti lasciano morire da solo come un cane in macchina. Figuriamoci se ci disturbiamo per qualche ladro che gira.... Purtroppo di questo la politica non ne ha colpa, è sempre troppo facile dare la colpa agli altri.
15/04/2019 - Alessandro
Occorre un giro di vite
15/04/2019 - maria
No... Peppa amico mio. Hanno rubato un'altra volta nel negozio dove lavori. Dispiaciuto profondamente. Scatoletta
15/04/2019 - Marcello Vagnini
Cosa dice il fenomeno di tutto questi furti ??? sono in calo?.
15/04/2019 - Lz
Coro sindaco provi a guardare un po in la cioe guardi allipercoop i ladri li prendono davvero e quelli che li prendono si chiamano vigilanti oppure guardie giurate oppure metronotte in genere guadagnano meno della polizia o polizia municipale perche sono al servizio delle solite coop ne prenda un paio in prova per qualche mese e li metta nella sala controllo della municipale con magari qualche telecamera in più,una per strada vedra che il problema non è cosi grave magari metta a riposo qualche municipale di qelli che fanno solo multe.
15/04/2019 - Dom
Oltre a questi furti denunciati e pubblicati ce ne sono tanti che non vengono più denunciati perché la gente è stufa di sentirsi dire dalle forze dell'ordine che non si può fare niente
15/04/2019 - Christian
Quanti commenti idxxxti
15/04/2019 - Emanuele
alessandro spero che se ne sia accorto prima di salire
15/04/2019 - batti
Pochi giorni fa i furti all'ottica Bovesi e Forlini e all'Eurospar. Poi gli incendi alle auto, poi la serie di specchietti rotti, poi vetri auto rotti per rovistare all'interno,poi furti negli appartamenti, truffe agli anziani, droga, spaccio ecc.ecc. E poi pochi giorni fa leggo che va tutto meglio. ALLA FACCIA DEL BICARBONATO DI SODIO.... Fatevi regolarmente un giro su ravenna sos facebook se volete vedere la realta'.
15/04/2019 - Urbano
Questo sistema ricorda quelli di quei ragazzi che spaccavano le vetrine dei commercianti, sono in carcere?
16/04/2019 - Remo
MA questo negozio mi sa' che sia la terza o quarta volta che succede......cari cittadini super intelligentoni ,provate un po' a rivoltare la frittata.......
16/04/2019 - romeo
E’ morto Ernesto, ma come? Avevano detto che la mortalita’ era in calo! In calo, in calo non vuol dire eliminata, come per i furti.
16/04/2019 - tagio
I furti sono calati così tanto che i cittadini sono stati costretti ad aderire a gruppi di controllo del vicinato, organizzare ronde e tutto il resto. Quelli che chiedevano sicurezza sono stati presi in giro e bollati come sparatutto, cow boy e fascisti.
16/04/2019 - Giovanni lo scettico
Alessandro, se come dici gli italiani in questi anni hanno cambiato il loro comportamento la causa è stata proprio di una certa politica.
17/04/2019 - Ravèna
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.