Notte di fuoco. Bruciano due auto a Ravenna. Una in Via Canalazzo e l'altra davanti al carcere

Notte di fuoco. Bruciano due auto a Ravenna. Una in Via Canalazzo e l'altra davanti al carcere
Auto in fiamme in Via Canalazzo ( foto tratta da Ravenna Sos Sicurezza)

Sono due le autovetture che questa notte sono andate a fuoco, per cause ancora al vaglio delle Forze dell'Ordine.
La prima chiamata ai Vigili del Fuoco di Ravenna è arrivata alle 00.50 di lunedì 15 aprile. Una squadra con autobotte si è precipitata in Via Canalazzo dove una vettura era avvolta dalle fiamme. Gli uomini del Comando di Viale Randi sono stati impegnati nell'intervento per oltre un'ora e mezza. Solo intorno alle 2.30 la situazione è stata dichiarata "fuori pericolo".

Pochi minuti dopo le 02.30, non appena domate le fiamme in Via Canalazzo, una seconda chiamata ha avvisato il 115 per chiedere un intervento d'urgenza in Via Port'Aurea: un'autovettura stava andando a fuoco.
Immediata la corsa dei Vigili del Fuoco nella zona del carcere di Ravenna. Per spegnere l'incendio e mettere in sicurezza l'area gli uomini del Comando di Viale Randi sono stati impegnati per circa un'ora.

Al momento sono ancora poche le informazioni fornite. Non si esclude la causa dolosa.

I fatti della notte appena trascorsa, seguono a distanza di pochi giorni l'incendio dell'auto di un assistente capo della polizia penitenziaria del Carcere di Ravenna avvenuto mentre la vettura si trovava nel parcheggio di fronte al portone della Casa Circondariale. L'episodio si era verificato nella notte tra giovedì 28 e venerdì 29 marzo. 

15/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ravenna città tranquilla.
15/04/2019 - Mario
niente di che preoccuparci.- Ravenna citta tranquilla !!! furti, rapine, ora anche auto bruciate !!!! evviva..siamo allegri, non vi pare ???? Sig. Sindaco ??? silenzio.- e altre autorita ???? silenzio ????
15/04/2019 - bilancia
Come nn si esclude causa dolosa?? Che le auto esplodono o prendono fuoco da sole senza il proprietario? Siamo all’assurdo .. di fronte agli annunci trionfalistici sulla sicurezza ( forse in casa di chi li fa) abbiamo ogni giorno una notizia di furti in attivita’ ora auto bruciate .. sono sbigottito dall’ottusita’ di un immobilismo e totale mancanza di un piano emergenza sicurezza. MB
15/04/2019 - Marco Bandini
è il famoso fenomeno di autocombustione....a Ravenna dobbiamo chiamarlo così, mentre in altre città si chiama atto di vandalismo o intimidazione...
15/04/2019 - Hypersthene
solita letterina a papà natale!!!
15/04/2019 - mauro morigi
Si città tranquilla dai non vi preoccupate!
15/04/2019 - Bc
ci aspettiamo chiari evidenti e inequivocabili segni da parte di tutte le autorità preposte a dare una svolta ad una città che non si riconosce più
15/04/2019 - sm
Non lamentiamoci troppo, io al castigo divino ci credo, penso invece che ogni popolo abbia quel che si merita e da quel che si vede all'orizzonte il mio naso mi dice che sarà sempre peggio.
15/04/2019 - Ravèna
Ieri sera verso mezzanotte e mezzo si sentivano forti schiamazzi e urla provenire proprio da direzione via canalazzo abitando in zona. Non so dire però se il fatto sia legato o meno a questo.
15/04/2019 - Luca
in italia manca il MINISTRO dell interno.si distrae sulla campagna elettorale lascia il suo lavoro.o non è capace o non gli interessa la nazione,sta succedendo di tutto in tutta italia furti sparatorie si rapina di tutto,lo stato ASSENTE
15/04/2019 - batti
...riprovo con il mio commento, magari questo verrà pubblicato: da qualche tempo a questa parte, purtroppo, Ravenna (ed altre città d'Italia, ndr) sono soggette sempre più a notizie che una volta si leggevano molto meno. Le cause sono molteplici e non sempre note, sta di fatto che mettere in prima pagina una (giusta) intervista al Sindaco di Ravenna che già blinda una poltrona (forse) traballante, quindi scrivere di notizie su problemi inerenti la stessa città in cui sta governando, può quanto meno farmi sorridere amaramente oppure no? Ovvio che non è colpa sua, ma la domanda che mi sorge spontanea è: governa Ravenna o Paperopoli...?
15/04/2019 - Lucio
a batti, ma fino a 10 mesi fa chi governava, Salvini? Diamogli almeno il tempo che hanno avuto i piddini, peggio non farà!
15/04/2019 - agi62
@batti, perché prima di Salvini era tutto rose e fiori? non c'erano furti, sparatorie, rapine e omicidi? a Ravenna governa la sinistra da 40 anni ed è colpa di Salvini? Negli ultimi 25 anni i governi che si sono susseguiti hanno fatto in modo di depenalizzare qualunque reato, rendendo vane le catture da parte delle forze dell'ordine, i delinquenti girano liberi per strada e i cittadini si devono barricare in casa protetti da inferriate e impianti di videosorveglianza e allarme, e la colpa è di Salvini? mo dai va la.....
16/04/2019 - Hypersthene
Volevo esprime la mia solidarietà agli Uomini della Polizia Penitenziaria,poichè da altre fonti si apprende che una delle due auto era di proprietà di un agente di polizia penitenziaria anche questa volta, oggetto di questi atti intimidatori. Svolgete un lavoro duro e a cui non viene dato il giusto risalto. Forza ragazzi noi cittadini siamo tutti con Voi !
16/04/2019 - Mario
le leggi sbagliate si possono cambiare e anche in fretta VOLENDO.ammetto che tempo fa ho votato pd,e quando ho visto che c erano molti incapaci se non disonesti,ho smesso e li ho denigrati piu di altri partiti ladri come loro(LORO HANNO RUBATO LA MIA FIDUCIA)pensateci senza paraocchi e vedrete che vi farà stare meglio fino adesso un matteo vale l altro,credetemi
16/04/2019 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.