LA POSTA DEI LETTORI / Strade di Ravenna come piste da autocross

L'argomento non è certo nuovo, ovvero la condizione assurda dei manti stradali delle vie cittadine, ma la domanda nasce spontanea: 30 anni fa c'erano strade lisce come panni da biliardo, oggi nonostante progressi tecnologici ci ritroviamo con piste da autocross con la giustificazione che "mancano i fondi".

Ora, visto che qua le tasse, bene o male, la gente le paga, dovrebbero spiegarci come venga impiegato il fiume di denaro che arriva nelle casse comunali. Sì, perchè sarebbe ora di discuterne anche precedenze ed opportunità: prima le necessità e poi l'effimero, prima le vere emergenze dettate dal criterio e dal raziocinio e, per concludere, più rispetto verso i contribuenti e i cittadini. Credo che questo sarebbe buon senso, non contrapposizione politica.

D.M.

18/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
eh ma ora ci sono gli appalti al ribasso, i tecnici e gli assessori che non controllano la qualità dei lavori svolti, nessuno che fornisca una garanzia nemmeno a breve termine, nessuno che rischi il licenziamento se non svolge al meglio la propria mansione, la meritocrazia è una perfetta sconosciuta, le poltrone si ottengono mediante tessera e non mediante CV....ma sono cose note a tutti, quindi meglio non porsi queste domande, mi auguro solo che prima o poi cambi il vento e gli incapaci possano essere licenziati....
18/04/2019 - Hypersthene
Lo stato di degrado delle strade di Ravenna, soprattutto in centro, è massimo. Le vie percorse dai turisti ogni giorno, segnatamente in questo periodo, sono degne di un paese del terzo mondo. Via Ponte Marino, via San Vitale, via Maggiore sono indegne. Il Sindaco e l'Assessore ai Lavori Pubblici si dovrebbero vergognare ad avere strade ridotte similmente in città. Il mio voto alle prossime elezioni non lo avrete più.
18/04/2019 - Atalante61
E' impossibile! Per le opere pubbliche di Ravenna, dal 2009, abbiamo il "Sistema di gestione per la qualità" nonchè la "Certificazione di Qualità ISO 9001-2000"! Ciò premesso, anche le strade nuove sono realizzate, controllate e collaudate da INCOMPETENTI; Fateci caso, micidiali avvallamenti e scalini, si trovano nei punti di maggior carico dei mezzi pesanti: ingresso ponti e rotonde per le frenate, parte destra della rotonda, per trasferimento di carico ecc.... Qualcuno si è accorto dei giunti del cavalcaferrovia di Via Teodora o del dislivello in continuo peggiormaneto, dei raccordi del cavalcaferrovia di Via Fosso Dimiglio, prima della Rotonda Svezia? Oppure di Via della Chimica, verso il ponte mobile, ignorata dalla nuova asfaltatura per..... il mare? Le strade sono realizzate con strati "da pista ciclabile", quando anche in città occorrono "da mezzi pesanti"......ma in Trentino od all'estero sono dei geni??
18/04/2019 - gas
In questi giorni stanno asfaltando un tratto di via di Roma, ma non era più urgente asfaltare via Trieste o altre vie di Ravenna??
18/04/2019 - Flavio
Purtroppo tutti a criticare Roma ma ormai è tutto uguale anche là prima regnava il partito che oggi ha tutte le soluzioni perché visto le poche città che hanno rimasto non le trattano meglio????? Come al solito pensano solo alle poltrone non al popolino!!!!!
18/04/2019 - Franco
Non ho mai ben capito perchè chi lavora nel pubblico non rischia mai il posto, mentre chi lavora nel privato sempre (io ci sono da più di 30 anni) gli incompetenti, i furbetti, i pocavoglia del pubblico vanno avanti con stipendi uguaglaiati a tutti gli altri...che vergogna e che schifo, ma forse il vento cambierà.
18/04/2019 - Anna
I comuni di Trento e Ravenna hanno più o meno gli stessi abitanti, Trento su 158Kmq, Ravenna su 654Kmq.... ergo abbiamo molti più km di strade da mantenere con introiti fiscali molto bassi più rispetto ad una regione autonoma. Inoltre girando in altre province e/o regioni e/o nazioni posso dire che a Ravenna la situazione è migliore rispetto anche a città della Germania.
18/04/2019 - Alessandro
vorrei che i cittadini abbandonassero la pigrizia, commentassero fino a sommergere la redazione, e manifestassero il loro disappunto. E' un anno che pubblco su F.B foto che evidenziano questi problemi che riscontriamo su strade e ciclabili ma ho ricevuto sempre pochissimi commenti fra i quali anche alcuni di scherno. Ormai è risaputo che i controlli eseguiti sono zero o poco più, basta guardare lo stato delle vie dove hanno posato la fibra, mi auguro un cambiamento già dalle prossime elezioni amministrative dal momento che i responsabili prima promettono incontri con privati cittadini interessati a collaborare con proposte poi si defilano facendogli capire che non gli importa nulla!!!
18/04/2019 - giovanni
Alessandro..basta che vai a Forli e vedrai la differenza con Ravenna
18/04/2019 - artemio
Vogliamo parlare anche delle decine per non dire centinaia di mezzi pesanti che transitano in viale Europa nei giorni lavorativi?? Sono tutti autorizzati??
18/04/2019 - Zeus
Dal 2019 oltre 14 milioni di euro, diluiti in 4 anni, sono disponili per mettere fine al degrado delle buche stradali ed al degrado da radici. L’Appalto per l'esecuzione di lavori di manutenzione per la rete stradale del Comune di Ravenna è stato vinto dalla unica impresa partecipante e cioè RTI Consorzio INTEGRA di Bologna composto dal Consorzio Ciro Menotti, Consorzio CEAR e AR.CO.LAVORI (tutte aziende di Ravenna).
19/04/2019 - Alessandro G.
Ma chi occupa un posto nel pubblico non e' un cittadino come tutti gli altri? O li assumono solo quelli "strani"??? Noi commentiamo sempre da una posizione che riteniamo di inferiorita', le buche le incontrano anche quelli seduti sulla poltrona, quando si alzano e devono andare a casa...... Come potrebbe cambiare la musica ? Io ho visto cambiare musicisti ma la musica resta la stessa......
19/04/2019 - elio62
Alessandro, nella relazione al rendiconto 2018 del Comune di Ravenna, appena depositata, si legge: entrate correnti 227 milioni (pag. 11); entrate per investimenti: 74 milioni (pag. 27): valanghe di soldi mai viste a Ravenna, che il povero Matteucci non si è neppure sognato, arrivate e in arrivo da tutte le parti. Le sembra cambiata molto Ravenna (in meglio)? Cordialmente.
19/04/2019 - Alvaro Ancisi
Dott. Ancisi ci può dire come vengono spesi nella nostra città questa valanga di soldi?? La ringrazio anticipatamente.
20/04/2019 - Zeus
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.