LA POSTA DEI LETTORI / Perchè verniciare tutti i pali dell'illuminazione stradale di colore grigio?

Buongiorno, volevo attirare l'attenzione su un'attività eseguita già l'estate scorsa relativa alla pubblica illuminazione della città di Ravenna e magari trovare risposte alle motivazioni realizzative. Parlo della verniciatura di tutti i pali dell'illuminazione stradale di colore grigio scuro; pali in lega di acciaio che hanno già un trattamento anticorrosione con zincatura a caldo che si può definire eterna. 

Quindi a che serve la verniciatura? Fra l'altro è nota la difficile adesione delle vernici su un supporto zincato a caldo, con facili problemi di distacco ad effetto macchia di leopardo, non certo gradevole. A meno di seguire scrupolose azioni di sgrassamento ed utilizzo di trattamenti con primer specifico preverniciatura, non penso utilizzato. Non si potevano investire queste risorse importanti altrove, per ripristini, potenziamenti o conversioni di vecchi impianti a nuove tecnologie LED?

R. F. 

20/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Molti la pensano così. Sarebbe interessante avere una buona risposta tecnico-politica
20/04/2019 - maria
Non và mai bene niente a Ravenna, i pali li dovevano fare metà rossi e metà gialli. Vero RF? Si aggiorni sulle vernici............
20/04/2019 - Diomede
Lasciamo perdere, qui dobbiamo sempre fare quello di cui si potrebbe fare a meno, meglio prima sistemare strade e marciapiedi che ne hanno tanto bisogno. I pali faranno pendant con gli alberi delle piste ciclabili.
20/04/2019 - Mario
Quando mnon si ha nulla da fare sarebbe più salutare fare una passeggiata che crivere lettere a Ravennanotizie, sopratutto se prive di un qualsivoglia scopo se non quello del lamentarsi a tutti i cosi. Comunque le vernici che si usano per verniciare i pali zincati sono a base di adesivi naturali (cauciù) e sinteci e non necessitano dne di capaggio e nemmeno di altri pretrattamenti e il motivo per cui vengono verniciati è perchè nel capitolato della gara d'appalto c'è scritto. Il motivo potrei supporre sia per l'uniformità del colore visto che con i RAL i pigmenti danno sempre lo stesso tono. E si prenda un cane che è un'ottima compagnia.
20/04/2019 - mario r.
Sig. Mario R. Quanta supponenza nel suo commento! Penso che si possa esprimere la propria opinione, a prescindere dall'argomento.
20/04/2019 - C.
Dott. Ancisi ci può dare il suo parere in merito?? La ringrazio anticipatamente.
20/04/2019 - Zeus
@mario: per carità, il cane no! Non oso immaginare di cosa potrebbe lamentarsi. Meglio il colore dei pali della luce
20/04/2019 - tonnorosso
Caro mario r. , una persona scrive su Ravennanotizie.t quando vuole e per motivi suoi: se a lei non aggrada, R.F. se ne farà una ragione. Comunque, la lettera di R.F., partendo dal ininfluente trattamento, in quanto meramente estetico, praticato sui pali voleva spostare la nostra attenzione dalla superflua spesa a ben altri utilizzi del denaro. P.s. se i pigmenti adoperati danno lo stesso colore dello zinco...a cosa serve questa operazione? E' di legge? L'ha trovato scritto nel capitolato?
20/04/2019 - pippo
A porto corsini sono state cambiate le classiche lampade dei lampioni con quelle a led, le lampade nuove di sono di colore nero, il palo di colore rosso, credo che avere dipinto con un colore che uniforma il tutto sia giusto!
20/04/2019 - K
Signor R.F., lei chiede troppo..
20/04/2019 - Ravèna
Trovo invece molto centrata la lettera del lettore e non vi vedo alcuna polemica gratuita. Anch'io mi sono chiesto del perchè verniciare un palo zincato. Quindi la responsabilità di questo lavorio inutile sarebbe di chi ha preparato il capitolato e di chi lo ha approvato.
21/04/2019 - b.delgas
Ma anche a Pasqua bisogna discutere del “nulla” godetevi il pranzo in famiglia Mi unisco al commento del collega che diceva sostanzialmente: si fa qualcosa, non va bene, non si fa nulla, idem Capisco il diritto di esprimere le opinioni, ma non è necessario dire sempre qualcosa Buona Pasqua a tutti.
21/04/2019 - S. N.
I pali zincati -oltre ad avere il colore grigio-argenteo che col tempo si conforma all'ambiente circostante non avrebbe bisogno di verniciatura se non per una pura finzione estetica. Quel che conta è la resistenza alla ruggine conferita dallo zinco. E' lo zinco che protegge i pali di acciaio dalla ruggine , piuttosto bisogna aumentare lo spessore dello zinco alla base dove per l'effetto corrosione differenziale ,l'attacco corrosivo è maggiore. Concordo con b.degas che solleva la critica a chi ha preparato ed approvato il capitolato
23/04/2019 - Mario Colica
scusate,vorrei cercare di spiegare perché vengono verniciati i pali zincati a caldo;contrariamente a quanto si crede non è vero che la zincatura a caldo sia eterna, dopo 20-25 anni a secondo delle zone perde la propria efficacia(salsedine,smog, agenti atmosferici ecc.)in aperta campagna la zincatura resiste molto di più!I tralicci ad alta tensione e i portali delle centrali Enel pur essendo zincati dopo tot anni vengono verniciati per evitare che vengano attaccati dalla ruggine!Ve lo dice uno che assisteva le ditte dei verniciatori!Pensate che Enel allora e Terna adesso,spendano soldi per vernciare pali e portali se non serve per tenere efficente il servizio?Di conseguenza pensate che il comune spenda soldi a verniciare i pali della illuminazione pubblica se non serve per mantenere efficace il sevizio con il rischio che un palo corroso dalla ruggine possa crollare e provocare danni sia materiali e fisici alla persone?Saranno irresponsabili ma non fino a questo punto!
23/04/2019 - i.
Ringrazio tutti gli esperti per le risposte, in particolare "i." che mi rassicura sul buon lavoro eseguito. Saluti
23/04/2019 - R.F.
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.