Scontro mortale. Muore una ragazza di 29 anni, la sua auto centrata in pieno da un autista ubriaco

Scontro mortale. Muore una ragazza di 29 anni, la sua auto centrata in pieno da un autista ubriaco

Incidente mortale questa mattina sabato 20 aprile a Pinarella di Cervia in Via del Tritone. Poco pirma delle ore 6 due auto, per cause ancora in fase di accertamento, si sono scontrate violentemente. Sembra dalle prime ricostruzioni che una VW Touran dopo aver completamente mancato lo stop abbia centrato in pieno la vettura che viaggiava sull'altra strada, una Suzuki con a bordo tre persone.

Lo scontro è stato terribile: una ragazza di 29 anni è stata sbalzata fuori dalla sua auto (la Suzuki) ed è morta praticamente sul colpo. Nell'incidente altri due feriti, una 50 enne ricoverata in gravi condizioni al Bufalini di Cesena e un ragazzo di 29 enne ricoverato con ferite più lievi, tutti viaggiavano sulla Suzuki. 

Il guidatore della Touran che non avrebbe rispettato lo stop (il condizionale è d'obbligo) e avrebbe dunque provocato il gravissimo incidente è risultato in stato di ubriachezza e immediatamente arrestato con l'accusa di omicidio stradale.

Sul luogo dell'incidente i sanitari del 118, i Vigili del Fuoco e i carabinieri del 112.

20/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
L'alcol è un demonio. Il problema è che continua a perdurare la devastante convinzione che divertimento e alcol siano collegati. Questo binomio deve essere interrotto, i giovani devono capire che per divertirsi non è necessario fare ricorso all'alcol.
20/04/2019 - Paola
buttare le chiavi della cella e tenerlo dentro a vita , ma purtroppo non sarà così !
20/04/2019 - giovanni
Sta gente occorre ritirargli la patente per sempre, neppure in bicicletta perché ubriachi e drogati non si possono lasciare liberi sulla strada anche perché in questi casi a morire son sempre quelli che sono in regola.
20/04/2019 - Franco
Rabbia tanta rabbia, non deve più stare libero un ubriacone che sta alla guida!!!
20/04/2019 - maria
Povera figlia. Cosi' giovane.
20/04/2019 - italo
Tragedia assurda... Condoglianze sentite, con la speranza che si possa ottenere una piena giustizia per quanto, purtroppo, accaduto.
20/04/2019 - Lucio
Per limitare per quanto possibile i danni del conducente e dei passeggeri, è importantissimo che tutti indossano le cinture di sicurezza, anche chi è seduto nei sedili posteriori. Condizione tra l'altro obbligatoria per legge.
20/04/2019 - Zeus
La strada è diventata una lotteria , poi se non si usano le cinture si aiuta la dea bendata ... al ragazzotto alticcio servirebbe una vacanza premio nel Sulcis < un mese a pane e acqua a 100 metri di profondità > !!! Antonio Zanzi
20/04/2019 - Antonio Zanzi
Come dice Zeus, le cinture saranno una croce, l assicurazione ci speculare, fermo restando l entità della tragedia. Chi fa sui 200.000km annui come me sa che la strada oggi è una autentica lotteria....uscirne incolumi
21/04/2019 - Alan
La ns società vive un periodo di forte superficialità.......... si pensa sia di essere invincibili, le sfighe capitano solo agli altri, io posso guidare messaggiando perche' non mi è mai capitato nulla, ecc......... Tutto ciò che facciamo, che sia lavoro, che sia guidare o fare il genitore, lo dobbiamo fare prima di tutto con la TESTA, non lasciamo nulla al caso. Se si guida si deve guidare e basta, quando non si è idonei non si FA. Tre gg fa ho visto uno che aveva fissato il cellulare allo specchietto retrovisore, con una mano sul volante e l'altra ....... con una operazione aveva eliminato la visibilità dietro e l'attenzione davani, un fenomeno. Condoglianze alla famiglia.
21/04/2019 - elio62
Magari non è la prima volta che guida ubriaco ,tolleranza zero .deve pagare .
21/04/2019 - Ivano D'amore
Sono d'accordo con il sig Giovanni
22/04/2019 - Ivano
A tutti i commenti che piu'/meno dicono "non e' un mio problema" dico che tutti i ns figli/nipoti/amici/conoscenti e noi stessi se beviamo siamo dei potenziali assassini. Cosa fa' ciascuno di noi ? Ferma qualcuno prima che si metta alla guida ubriaco? Toglie la bottiglia davanti a qualcuno alticcio? Telefona per far fare controlli all'uscita della discoteca del proprio figlio? O negli stradelli dei bagni d'estate? Parla con chi serve alcool ad un minorenne? Urlare "giustizia/giustizia" con questa giustizia e dopo che si giustifica tutto a tutti non serve piu'.
23/04/2019 - E_S_
Sarò ripetitivo però invece che spendere per i box blu che vedo che non risolvono i problemi se non per le casse dei comuni, spendete per far girare più macchine blu per la strada !
23/04/2019 - Accio
Voglio sperare che, una volta scontata la pena, l'assassino venga rimpatriato a Cervia. Gente così a Ravenna non ne vogliamo.
24/04/2019 - Filo
"sbalzata fuori dall'auto" = senza cinture. Almeno serva da monito per chi fa spallucce e pensa che gli incidenti capitino solo agli altri,
27/04/2019 - Valer
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.