Aggressivo in treno, uccide un animale poi spezza la caviglia a una poliziotta: 52enne in manette

Aggressivo in treno, uccide un animale poi spezza la caviglia a una poliziotta: 52enne in manette
Foto di repertorio

Alle 20.30 di sabato una volante del commissariato di polizia di Faenza è intervenuta alla stazione ferroviaria faentina perchè a bordo del treno Bologna-Rimini era stata segnalata la presenza di un uomo che arrecava disturbo agli altri passeggeri. In stazione, gli agenti hanno modo di individuare la persona segnalata a bordo del treno - un 52enne ghanese senza fissa dimora - che teneva in mano un piccione a cui poco prima aveva spezzato un’ala; a nulla sono valse le richieste dei poliziotti di esibire un documento di identificazione e l’uomo, anziché scendere dal convoglio, ha aggredito i due agenti, procurando ad uno lesioni lievi e all’altra la frattura della caviglia. 

Ricondotto alla calma e ammanettato grazie all’intervento di un equipaggio del radiomobile dei carabinieri di Faenza, il 52enne è stato condotto in commissariato dove è stato dichiarato in arresto per i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, uccisione di animali e porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere perché trovato in possesso di una pistola priva del tappo rosso.

L’uomo è stato ristretto nelle camere di sicurezza del commissariato di Faenza in attesa dell’udienza. Il tribunale di Ravenna, dopo la convalida dell’arresto, ha disposto per l’imputato la misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. in attesa dello svolgimento del processo.

23/04/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
auguro una pronta guarigione agli agenti, le vere vittime di questo sistema, eppure c'è ancora chi li difende quando il semplice buon senso direbbe di rimpatriarlo immediatamente poiché non degno della nostra accoglienza e del denaro che ci costa a noi contribuenti....
23/04/2019 - Hypersthene
Aspettiamo quella tolleranza zero, siamo troppo permissivi, minimizziamo un grande problema e le nostre città vivono in un disagio costante che mette davvero in pericolo il nostro quotidiano. Chi merita rispetto, chi vuole integrarsi non ha bisogno di delinquere e disattendere le nostre regole, ignorando la storia e la cultura dell'Italia. Conosco tante persone che hanno lasciato il paese in guerra o con un sistema dittatoriale, vivono in simbiosi con noi, si sono integrati con la famiglia e sono in difficoltà per questi eventi indicibili che inopportunamente li mette allo stesso piano di questi energumeni. Chi disattende le nostre regole, le nostre leggi non ha il diritto di rimanere sul nostro territorio. Da subito, come succede in tutto il mondo.
23/04/2019 - Nicola Tritto
Ma è mai possibile che poliziotti. carabinieri, agenti della municipale ogni volta che fermano un immigrato o un poco di buono qualsiasi che da’ in escandescenze o commette un reato debbano subirne la violenza, calci, pugni, morsi ed ossa rotte? Che le forze dell’ordine siano dotate di taser e manganelli, come in uso a varie polizie estere e che agiscano di conseguenza
23/04/2019 - Paolo
...,ma per reagire le Forze dell'Ordine cosa devono aspettare?...Che vengano feriti gravemente o morire?
23/04/2019 - Valeria
Non penso che un pubblico ufficiale debba essere malmenato in questo modo. Ben venga il taser con questi individui fuori controllo. Se uno da in escandescenze è giusto che venga messo in condizione di non nuocere. È inaudito che un poliziotto debba essere malmenato..dovrebbe poter reagire senza temere delle conseguenze.
23/04/2019 - Michela
il Tribunale ha disposto l'obbligo di presentazione alla PG ??? ma scherziamo ??? galera sicura e buttare la chiave, o altrimenti rispedirlo a casa, NON abbiamo bisogno di questi esemplari !!!! non ce la fara' nemmeno questo Matteo a sistemare le cose..........sono troppi !!!
23/04/2019 - bilancia
Questo qui è già libero!!!!!!!!!!!
23/04/2019 - maria
Ma la legittima difesa non vale per gli agenti??? Devono farsi picchiare senza poter reagire allo stesso modo???
23/04/2019 - elio62
Dalla foto di copertina non si capisce chi è l' autore del gesto poi leggendo......direi fuorviante l' immagine !!!!
23/04/2019 - Pietro Tini
Se verrà condannato, una volta espiata la pena verrà ricondotto al suo Paese di origine??
23/04/2019 - Zeus
Anche questa una notizia incredibile. Dove andremo a finire se non li mettono in cella neanche in attesa del processo. Solidarietà ai poliziotti da parte nostra.
23/04/2019 - Gastone
Non esistono parole degne per commentare questo episodio.
23/04/2019 - Gattorosso
W l'Italia liberata!! Non ho ancora capito da chi!!
24/04/2019 - goffredo..M
Che dire? Una risorsa pienamente integrata. E i "buonisti" continuano a parlare?
24/04/2019 - Angelo
Sleghiamo le mani alle forze dell'ordine!!! É inconcepibile che debbano essere aggrediti prima di poter agire!!!!
24/04/2019 - Raf
Mi viene il vomito ...Che schifezza di uomini.
24/04/2019 - otto
Oggi ho letto tre notizie, qui su Ravennanotizie, che finiscono con la liberazione dei protagonisti di fatti gravi ed incontestabili. Il ragazzo ubriaco, che a Cervia ha ucciso una ragazza in auto, i due che hanno saltato un posto di blocco, per poi pestare gli agenti ed infine questo soggetto, che addirittura rompe le ossa ad un'agente. C'è da sperare che il magistrato di turno fosse sempre il medesimo o noi comuni cittadini dobbiamo porci delle domande, sul significato di "giustizia".
25/04/2019 - Ravennate24ore
Purtroppo i delinquenti hanno capito che qui possono fare quello che vogliono , al massimo ricevono un “richiamo verbale” o nella peggiore delle ipotesi un provvedimento di espulsione che non è altro che un pezzo di carta e sappiamo cosa se ne fanno , un poliziotto invece per garantirci un po’ di sicurezza rischia delle sanzioni se li sfiora , povera Italia !!!
25/04/2019 - Marc
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.