Question time di Ancisi (LpRa) sul porta a porta nel forese: "parte con quattro palle al piede"

Question time di Ancisi (LpRa) sul porta a porta nel forese: "parte con quattro palle al piede"

Interrogazione urgente al sindaco di Ravenna con risposta immediata (“question time”) da parte di Alvaro Ancisi sul porta a porta nel forese che per l'esponente di Lista per Ravenna parte il 6 maggio col piede sbagliato. E sono ben 4 gli handicap messi in rilievo da Ancisi.

"Lunedì 6 maggio parte nel forese il sistema misto di raccolta dei rifiuti. - scrive Ancisi nella sua nota quotidiana - Limitato per ora alla raccolta domiciliare dell’indifferenziato, con un passaggio settimanale, e dell’organico, due passaggi, interessa tutti i centri abitati delle aree territoriali (ex Circoscrizioni) di Sant’Alberto, Mezzano, Piangipane, Roncalceci e San Pietro in Vincoli, nonché le frazioni di San Marco, Villanova, Fosso Ghiaia, Madonna dell’Albero, San Bartolo, Ca’ Bevano, San Zaccaria e Savio. Per le tipologie di rifiuti escluse (carta, plastica, vetro e vegetali), sono state aumentate, potenziate e riorganizzate le isole ecologiche, anche avvicinandole di più all’utenza. Si vedrà con quale risultato. Per la raccolta porta a porta, Lista per Ravenna ha raccolto dai cittadini segnalazioni di problemi da loro esposti nei 14 incontri pubblici sul territorio avvenuti con Hera, gestore del servizio rifiuti, ma che non hanno ricevuto risposta. Altri li abbiamo messi a fuoco al nostro interno. Avanziamo ora al sindaco, con nostre proposte, quelle di maggiore importanza e urgenza, riservandoci di valutare le altre nel corso dell’esercizio."

RITIRI DELL’ORGANICO INSUFFICIENTI

Due ritiri settimanali sono insufficienti per l'organico, soprattutto nel periodo estivo, dice Ancisi: "Come si può pensare, a 30 gradi climatici, di far tenere quattro giorni in casa o fuori della porta bidoni contenenti, ad esempio, gli scarti del pesce? Bisognerebbe stabilire di portare a tre i ritiri quando scatta una certa temperatura, eventualmente da determinare interpellando al riguardo l’Igiene pubblica dell’AUSL. Si può fare?"

EVACUAZIONI E FLUSSI UMANI E ANIMALI

"L’indifferenziato pone il nodo irrisolto, altrettanto igienico, di come smaltire, da un lato, i pannolini, i pannoloni, i tamponi rettali e gli assorbenti, dall’altro le lettiere zootecniche e le deiezioni degli animali di affezione. - continua Ancisi - Ad oggi non è stato fornito alcun chiarimento. Né si può pensare che basti consegnare per l’indifferenziato due bidoni anziché uno, peraltro senza conoscere con quale procedura poterlo richiedere, perché il malessere è soprattutto tenere una settimana, per casa o per strada, questo genere insalubre di rifiuti. Come si devono comportare allora i molti cittadini che sollevano questa necessità?"

FUORI DELLE ABITAZIONI OVUNQUE?

"Sul sito di Hera si legge che i contenitori “andranno collocati al di fuori dell’abitazione”, senza altre spiegazioni. - scrive Ancisi - Il codice della strada fa però divieto generale di occupare, qualora necessario, la carreggiata stradale, se ciò produce intralcio alla circolazione. Come ci si deve regolare quando è impossibile evitarlo, o nel dubbio? Riguardo ai marciapiedi, il Codice non consente alcuna occupazione nei triangoli di visibilità degli incroci, e comunque impone che sia ovunque“garantita una zona adeguata per la circolazione dei pedoni e delle persone con limitata o impedita capacità motoria”. Cosa si deve fare quando ciò è materialmente impossibile? Decide il comando della polizia municipale se e dove applicare la legge, con le relative pesanti sanzioni?"

BIDONI VOLANTI

"I contenitori non prevedono che siano agganciati ad alcunché (e se lo fossero, farli volare sarebbe un’attrazione irresistibile per vandali e perditempo). Possono bastare folate impetuose di vento per farli rotolare in mezzo alla strada, magari di notte, o quando è assente chi li ha in dotazione. - continua Ancisi - Essendo connessi ad un sistema che ne identifica i singoli assegnatari, sarà automatico, in caso di incidenti, potenzialmente anche gravi, che questi debbano rispondere in Tribunale del pagamento dei danni, con possibile chiamata in causa anche del Comune quale titolare del servizio. L’attuale assicurazione del Comune sulla responsabilità civile verso terzi può coprire, eventualmente estendendola, questa casistica, come pure eventuali incidenti dovuti all’incongruenza di cui al punto precedente? O non è il caso che si provveda a diretto carico del servizio rifiuti di Hera? Con l’occasione, esponiamo al sindaco due suggerimenti: sarebbe molto utile assegnare a ciascun utente un piccolo numero annuo di ritiri a chiamata, da utilizzare, entro il limite fissato, per possibili esigenze particolari di carattere oggettivo; per dare una spinta maggiore alla raccolta differenziata, nella quale il Comune di Ravenna è gravemente in ritardo sugli obiettivi posti dalla Regione, bisognerebbe dare in uso agli utenti fin da subito, in vista del porta a porta totale, anche i contenitori di carta, plastica e vetro, anziché solo di umido e di indifferenziato" conclude il capogruppo di Lista per Ravenna.

03/05/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ancisi ha ragione, come al solito. La mia esperienza in quel di Bologna è disastrosa. La gestione dei pannoloni è infernale.
03/05/2019 - A
A Treviso funziona tutto benissimo da anni. Basta copiare.
04/05/2019 - Giovanna Montanari
ottime osservazioni,mi complimento,la differenziata è il futuro,non è possibile creare una nazione di rifiuti,deve essere studiata bene in primis(purtroppo che c è superficialità)demerito di hera che non mi stupisce e pure il sindaco,auspico sanzioni pesanti a chi abbandona rifiuti
04/05/2019 - batti
@Giovanna Montanari. I problemi che potrebbero sorgere con la nuova raccolta porta a porta sono innumerevoli. Sono curiosa di conoscere il metodo di Treviso che lei dice funzioni benissimo da anni.
04/05/2019 - olivia
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.