Sovraffollamento daini. Il Pri di Ravenna invoca i Piani di controllo: "Intervenga la politica"

Sovraffollamento daini. Il Pri di Ravenna invoca i Piani di controllo: "Intervenga la politica"

Continuano le polemiche sul sovraffollamento dei daini nella pineta di Classe. Polemiche che periodicamente si riaccendono, a causa dell'alto numero di esemplari di questo animale, che spesso effettuano ingressi sulle strade adiacenti, in particolare sulla statale Adriatica, con i conseguenti rischi per la sicurezza del traffico.

"Da svariati anni, il problema del sovraffollamento dei daini è stato affrontato con palliativi che non lo hanno risolto, ma solo rinviato, finché con il proliferare degli animali, il pericolo per gli automobilisti che circolano sulla statale Adriatica e per i ciclisti in pineta, è divenuto di nuovo reale", dicono dal Pri di Ravenna.

"Gli strumenti ci sono - aggiungono -: Piani di Selezione e Piani di Controllo che vengono normalmente utilizzati in gran parte della Regione per varie specie, ma a Ravenna non si può perché un ambientalismo integralista blocca da anni le scelte di una politica davvero poco coraggiosa! Vista l’impossibilità di effettuare un Piano di Selezione, rispetto al quale le associazioni venatorie si sono chiamate fuori per non mettere in pericolo l’incolumità dei propri associati, perché in nome della difesa di “bambi” si possono commettere reati che passano come atti eroici; l’unico strumento praticabile è quello del Piano di Controllo".

La capogruppo PRI in consiglio comunale, Chiara Francesconi ha presentato un Question Time in proposito. "Noi - spiega il segretario comunale Stefano Ravaglia - crediamo che attendere oltre la risposta di ISPRA rispetto alla richiesta di un Piano di Controllo fatto dalla Regione Emilia-Romagna, significhi mettere in pericolo la vita dei cittadini, in nome di un ambientalismo becero; è la politica che deve scegliere perché sono i Partiti che vengono giudicati in sede elettorale, tutti gli altri soggetti rispondono a logiche particolaristiche e non alla collettività".

"Il Partito Repubblicano di Ravenna - chiosa Ravaglia - auspica che le risposte date in sede di question time abbiano un seguito al più presto perché il pericolo per gli automobilisti che percorrono la Statale Adriatica, un’arteria fondamentale per la nostra economia turistica, è reale e non vogliamo che i provvedimenti debbano essere presi solo a seguito di fatti spiacevoli".

07/05/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
ieri ne ho visto uno nel mio frutteto a s Bartolo!! era un cucciolo
07/05/2019 - anna
Ma che "piano di controllo " e chiacchiere a caso,la domanda è sono commestibili se si allora tutto si risolve in breve tempo alla mensa dell'ospedale.
07/05/2019 - Luigi
I daini sono da abbattere, e i fanatici da prendere a schiaffi.
07/05/2019 - Giovanni lo scettico
Perché definire "becero" questo ambientalismo? (che magari sarà pure esagerato, sbagliato, fanatico, ecc.) Ma becero vuol dire "volgare e insolente" secondo lo Zingarelli; non sarà invece stato un pò insolente il segretario Ravaglia?
07/05/2019 - Uno
Prima o poi qualcuno ci lascerà la pelle... in auto o in moto. E la colpa non sarà solo di quei quattro 'talebani' animalisti che hanno fatto casino e minacciato i cacciatori facendo fallire già una volta le operazioni di riduzione del numero di quegli animali, ma della Politica, di quegli Amministratori pubblici che non hanno avuto il coraggio di far rispettare la legge (e difendere gli utenti della strada).
07/05/2019 - ST
E quali sarebbero, di grazia, le modalità con cui è stata affrontata la questione? Nessuno, né in Comune né in Regione, si è mai degnato di rispondere alle richieste circa la predisposizione di reti e dissuasori. Misure incruente richieste dalla legge 157/92. I censimenti fatti dai cacciatori!! Siete uno scandalo Mi raccomando, continuate cosi, sostenere la caccia , vedrete che successo alle elezioni.
07/05/2019 - Cristina
I palliativi quali? il nulla di quello che è stato chiesto e richiesto mille volte . gli strumenti ci sono e non sono i piani di controllo e di selezione a pallettoni contro innocenti. ambientalismo becero perché chiedono di attuare scelte incruenti che non comporterebbero utilizzo di manovalanza armata ma utilizzo di qualche neurone per organizzare e attuare metodi alternativi? la Politica deve scegliere perché i partiti vengono giudicati in sede elettorale? mai parole furono più giuste . in tanti sanno già PER CHI NON VOTARE SICURAMENTE ADESSO E MAI PIU'
07/05/2019 - SUPER BAMBI
Quindi, una volta abbattuti un tot di esemplari, quelli rimanenti non attraverseranno più l’adriatica? Comica inoltre la teoria del pericolo per chi va in bici in pineta. Mi sa che c’è più intelligenza nel cervello dei poveri daini che in quello di certi umani.
07/05/2019 - Filippo
A causa dei fanatici non si è nemmeno fatto un vero piano di abbattimento delle nutrie.
07/05/2019 - Giovanni lo scettico
Vado spesso in pineta in bici, ma quale pericolo ? È un piacere vederli nel loro ambiente E poi con tutti gli autovelox che ci sono basterebbe guidare rispettando i limiti e le probabilità di scontarsi con una mandria di daini si ridurrebbe talmente che il nostro PRI dovrebbe immaginare interventi più consistenti piuttosto che da semplice lobbista
07/05/2019 - Giuseppe
la soluzione incruenta c'è eccome, si chiama sterilizzazione/castrazione in modo da limitare le nascite, peccato che sia un'operazione non semplice e costosa, a questo punto perché non se ne fanno carico i tanti animalisti contrari ai piani di abbattimento? come diceva il mitico Cevoli: fatti non pugnette....
07/05/2019 - Hypersthene
Piano di controllo ovvero imbracciare un fucile e fare strage aggravando così l'inquinamento di piombo nei boschi? Puzza di bugia. Una volta che la natura inizia a diventare fastidiosa la soluzione più semplice è distruggerla? Io non penso siano fastidio questi animali che scappano quando un ramo cade dall'albero.. Ci sono alternative valide piuttosto che una violenza nei loro confronti, in più se si invoca il piano di abbattimento chi ce lo dice che non ci saranno incidenti di caccia e muore un ragazzo o degli escursionisti? Ci sono vie alternative, usiamole piuttosto che scegliere il rischio, la paura e la violenza.
07/05/2019 - Fabrizio
@ST, vogliamo fare il conto degli incidenti dovuti a Daini e quelli dovuti a umani???... Giovanni, i fanatici sono anche quelli che pensano di risolvere tutto col fucile !!
07/05/2019 - Orso Tibetano
il problema va risolto. abbattere gli animali .
07/05/2019 - eddaie
I daini da soli non ci sono certo andati nella pineta di Classe e sicuramente ci saranno i nomi e cognomi di chi ha avuto la demenziale idea di immettere questi animali in pineta ...la soluzione è semplice, portare i daini a casa di chi nella più totale incompetenza li ha immessi.
07/05/2019 - enzo
Cristina e Super.. sono un naturalista e la caccia non fa parte della mia etica ma ritengo che quando una specie non ha controllori naturali, per il bene della specie stessa e dell'habitat occorre intervenire, non con reti o dissuasori che non risolvono il problema ma con abbattimenti selettivi. Comunque da preferirsi a quelli che avvengono nei macelli, specialmente in alcuni.
08/05/2019 - Ravèna
Bisognerebbe fare la sagra del daino col suo spezzatino eccezionale,diminuirebbero il numero degli esemplari,sarebbe l'unica in Italia e faresti economia aiutando anche un paese come Lido di Classe che non naviga certamente nell'oro.
08/05/2019 - Paolo
Gentile Paolo, ha la mia entusiastica approvazione!
08/05/2019 - Giovanni lo scettico
Giovanni lo scettico, prenditi a schiaffi da solo. Ci risolvi un problema, intanto.
08/05/2019 - Filippo
Gentile Filippo, io non sono un fanatico.
08/05/2019 - Giovanni lo scettico
Ah no? Sei lì con la bava alla bocca che insisti perchè vengano uccisi quei poveri animali che fino a prova contraria non hanno fatto male a nessuno, in vista di un futuro ipotetico incidente che, nel remoto caso accadesse, causerebbe danni infinitesimali rispetto alle migliaia di morti in incidenti stradali causati da auto e guidatori irresponsabili. Che facciamo, aboliamo le auto o abbattiamo i guidatori? Occupatevi di problemi reali invece di sfogare le vostre frustrazioni su animali innocenti.
09/05/2019 - Filippo
Qui tutti vegani o tanti ipocriti?
09/05/2019 - artemio
Artemio, e il tuo commento che senso ha, prova a spiegarmelo.
09/05/2019 - Filippo
Mangiare qualsiasi proteina animale ed essere contro l abbatimento dei daini in soprannumero non lo trovo coerente, tu fiilippo sei vegano?
10/05/2019 - artemio
Io non sono vegano, ma un conto è l’alimentazione, un altro uccidere a caso per “paura” che un daino possa fare male a un ciclista in pineta. Sono semplicemente motivazioni ridicole
14/05/2019 - Filippo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.