Sosta negli stradelli. Scatta ordinanza a Marina e Punta: 206 euro di multa per i parcheggi selvaggi

Sosta negli stradelli. Scatta ordinanza a Marina e Punta: 206 euro di multa per i parcheggi selvaggi
Auto in divieto di sosta negli stradelli. Foto di repertorio

Sosta e accesso agli stradelli di Marina e Punta. Parte la regolamentazione da sabato 11 maggio Da sabato 11 maggio a domenica 27 ottobre saranno in vigore i provvedimenti di regolamentazione della sosta e dell’accesso dei mezzi motorizzati agli stradelli retrodunali (demanio marittimo) di Marina di Ravenna e Punta Marina Terme. Da quest’anno l’ordinanza diventa unica (fino all’anno scorso ne veniva redatta una per Marina di Ravenna e una per Punta Marina Terme) e permanente, cioè sarà in vigore ogni anno dal secondo sabato di maggio all’ultima domenica di ottobre.

Nello specifico, a Marina di Ravenna l’ordinanza riguarda il tratto fra lo stradello in prossimità del bagno Waimea e fino al bagno ai Tamerici; a Punta Marina Terme il tratto fra lo stradello in prossimità del bagno Ruvido e fino al bagno Miramare e dal bagno Miramare al Chaplyn.

I provvedimenti sono stati presi per tutelare le caratteristiche ambientali delle zone interessate e l’incolumità delle persone, salvaguardando il passaggio dei pedoni e dei mezzi di servizio e di soccorso.

Prevedono che, nelle zone citate, la sosta e l’accesso dei mezzi motorizzati siano consentiti solo ed esclusivamente nelle specifiche aree, retrostanti gli stabilimenti balneari, autorizzate ai titolari delle concessioni demaniali marittime come ampliamenti stagionali destinati alla sosta dei mezzi motorizzati, che dovranno essere opportunamente segnalate e delimitate a cura dei concessionari al fine di una loro precisa individuazione, prevedendo almeno una postazione per gli utenti diversamente abili, opportunamente segnalata, delimitata con dimensioni minime di 3,20 metri di larghezza e 5 di profondità, posizionata nelle immediate vicinanze dell’accesso allo stabilimento balneare. Tale posto auto deve essere segnalato, a cura e spese del concessionario, con apposito cartello in conformità al codice della strada.

Inoltre l’accesso dei mezzi motorizzati alle aree del demanio marittimo è consentito attraverso gli stradelli retrodunali adiacenti gli stabilimenti balneari esclusivamente per raggiungere le suddette aree di sosta e per consentire il percorso che da queste conduce alla prima uscita dal demanio marittimo.

Le violazioni si configurano quali occupazioni abusive di spazio demaniale marittimo con veicoli, sanzionabili ai sensi dell’articolo 1161 comma 2 del Codice della Navigazione e successive modificazioni e integrazioni (206 euro) e ai sensi del comma 1 dell’articolo 1164 del medesimo Codice della Navigazione (200 euro) qualora si occupi senza averne diritto uno degli spazi riservati ai disabili. Sono inoltre sanzionabili i concessionari qualora non assolvano alle prescrizioni dell’ordinanza.

Trattandosi di Codice della Navigazione non è possibile applicare lo sconto del 30 per cento previsto in caso di sanzioni emesse sulla base del Codice della strada qualora si paghi entro cinque giorni dalla notifica del verbale.

09/05/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Per fortuna che con l'arrivo dell'estate (???) ci sono gli stradelli a tener banco.- Mi auguro sanzioni forti e severe!!! senza sconti !!!!L'auto si puo' lasciare ai parcheggi sulla strada oppure allo scambiatore e camminare un po' che fa solo bene!!!Le persone arrivano fin sotto l'ombrellone con i suv, poi tutto il giorno giocano a racchettone!!! ma si puo'??????
09/05/2019 - bilancia
Colgo l'occasione per stigmatizzare un'usanza, tipica del ravennate, secondo la quale del parcheggio del bagno si usufruisce finché non si riempie fino al colmo. Poco importa poi se si costringono i primi arrivati ad estenuanti attese quando decidono di tornarsene a casa. Nel frattempo, il pigro avventore arrivato più tardi, sente declamare il modello, colore e traga della propria auto fino allo sfinimento del gestore del bagno e di quello che vorrebbe invece tornarsene a casa. Per non parlare poi dello sfinimento di chi vorrebbe farsi cullare dal suono delle onde e della brezza del mare invece di sentire declamare dall'altoparlante un rumoroso elenco di auto immobili sotto al sole. Sarebbe un bel salto di civiltà se tutto questo non accadesse. Immagino già i commenti di risposta... Lo so, funziona così da sempre e dietro ci dovrebbe parcheggiare solo chi sa che deve andare via tardi. Ma se le cose funzionano male, si aggiustano.
09/05/2019 - Giulio
E... svegna!
09/05/2019 - sipi
Benissimo continuare su questa strada: sanzionare e rimuovere auto barbaramente parcheggiate. Poi magari sanzionare anche quelli che parcheggiano in divieto di sosta in viale della pace, sulla rotonda della colonia, sulle strisce pedonali sulla pensilina della fermata dell'autobus !!! quest'anno mai vista una multa su queste auto; sempre graziati questi incivili ?
09/05/2019 - cittadino
Cittadino, certo che il comportamento incivile va condannato ma é altrettanto vero che nel fine settimana non si trova un buco libero. Se invece di disboscare la pineta solo per la speculazione edilizia, vedi M.Romea, L. Adriano ecc. avessero lasciato spazi liberi dove occorrono, saremmo tutti contenti. Il centro di M.Ravenna é stato cementificato ma dove c'era il Baretto interverrá il Comune per ampliare il parcheggio? Non credo?
09/05/2019 - Ravèna
cittadino: a castigare questi ci pensano gia' i forzatori di serrature e gli spaccatori di finestrini..peccato che non facciano distinzione tra chi parcheggia regolarmente e chi no....
09/05/2019 - artemio
Giusto essere severi con chi posteggia negli stradelli con gravi problemi fra l'altro per il passaggio di mezzi di soccorso o forze dell'ordine. Sarebbe però anche opportuno utilizzare vigili e autovelox per sanzionare egualmente con severità chi sfreccia a 100 all'ora per via Trieste,specialmente dopo il ponte della sarom fregandosi altamente sia dei limiti di velocità che della striscia continua,spesso doppia , che vieta tassativamente i sorpassi.
09/05/2019 - Rocco Caputo
Artemio, con tutto il rispetto possibile (un pó), ma cosa cacchio c'entra il tuo commento con l'oggetto dell'articolo?
09/05/2019 - Alessandro
Sig. Giulio la ringrazio per quello che ha scritto è vergognosa l inciviltà aggiungo imbecillità dei maleducati ai quali fa riferimento. Sono pienamente d accordo con lei.
09/05/2019 - eddaie
Io personalmente gli farei il doppio
09/05/2019 - tizio
Giustissimo sanzionare coloro che non parcheggiano regolarmente.
10/05/2019 - Zeus
Ma se si chiudono con sbarra accesso consentito solo x i lavoratori balneari e mezzi di soccorso bici e moto non sarebbe più semplice
10/05/2019 - Vanni
Alessandro anche senza rispetto hai notato che i 2/3 dei commenti su questa testata ma anche su altre sono spesso poco o niente attinenti all' argomento iniziale?
10/05/2019 - artemio
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.