Alvaro Ancisi fu diffamato su Facebook: Davide Ranalli condannato a pagare 800 euro di multa

Alvaro Ancisi fu diffamato su Facebook: Davide Ranalli condannato a pagare 800 euro di multa
Davide Ranalli e Alvaro Ancisi

Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna fu diffamato su Facebook dal Sindaco di Lugo Davide Ranalli e ora il primo cittadino lughese dovrà pagare 800 euro di multa. La notizia è riportata oggi sulla cronaca locale de Il Resto del Carlino, secondo il quale il Gip Barlotti su richiesta della Procura ha appena firmato un decreto penale di condanna per diffamazione. I fatti si riferiscono al dicembre 2015. Durante una commissione cultura del Comune di Ravenna piuttosto agitata Alvaro Ancisi, consigliere di opposizione, si rivolse all'Assessore alla cultura Ouidad Bakkali con parole piuttosto ruvide.

 

"Non capisce l'italiano? Se non capisce le delibere in italiano le tradurremo in marocchino." Quelle parole suonarono particolarmente dure al limite dell'offesa in quanto, come tutti sanno, Ouidad Bakkali è di origini marocchine. La vicenda ebbe uno strascico su Facebook. La Bakkali riferì l'accaduto stigmatizzando la violenza delle parole di Ancisi. Il Sindaco di Lugo in un commento diede del "cialtrone" al consigliere. Altri andarono giù in maniera più pesante. Alvaro Ancisi querelò tre persone, fra cui lo stesso Ranalli. Ora il decreto di condanna.

 

PER LA BUONA POLITICA: RANALLI "INADATTO A GUIDARE LUGO"

Dopo la condanna arriva puntuale la presa di posizione della Buona Politica che nel pieno della competizione elettorale attacca e accusa Ranalli: "È inadatto a guidare Lugo”.

“La pronuncia del giudice non ci sorprende. - dice La Buona Politica - Conosciamo bene i metodi e il modo di esprimersi di Davide Ranalli e della sua cerchia: per questo esprimiamo solidarietà al consigliere comunale di Ravenna Alvaro Ancisi, offeso e diffamato su Facebook da un’espressione (“cialtrone”) del sindaco di Lugo. La condanna di Ranalli per diffamazione aggravata non ci sorprende: da anni siamo abituati a udire parole in libertà, non rispettose degli avversari e totalmente aliene da un contradditorio civile, sia in sedi istituzionali che sui social network. Un comportamento insolente e moralmente inaccettabile che rendono Ranalli e la sua coalizione indegni e inadatti a guidare una città. Certi esponenti del Pd evidentemente credevano di avere una sorta di impunità, giuridica e politica ma il decreto penale di condanna del tribunale di Ravenna, emanato per fatti risalenti al 2015, finalmente pone un freno a chi si comporta come se fosse al di sopra di leggi e regolamenti."

"Ranalli potrà anche ricorrere contro il decreto penale di condanna e alla fine del processo essere assolto (la presunzione di innocenza vale anche per lui, ci mancherebbe) ma resta una persona inadeguata a governare e il miglior giudice in questo senso non è il tribunale di Ravenna ma i cittadini di Lugo che il 26 maggio saranno chiamati alle urne" conclude La Buona Politica.

10/05/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Anche Ancisi è inadeguato a ricoprire il ruolo di opposizione, visto che è 40 anni che è il migliore alleato della sinistra a Ravenna
10/05/2019 - Silvia
Cialtrone.............Parola grossa
10/05/2019 - Diomede
Una bella notizia
10/05/2019 - Lucio C.
Sará pure inadeguato Ranalli, ma la frase di Ancisi rivolta alla Bakkali é per lo meno inelegante.
10/05/2019 - Alessandro
Scusate, ma in un mondo senza regole è poco rispettoso dire che ci vogliono 4 anni per dare la giusta pena a chi utilizza degli aggettivi inappropriati, ma veniamo al punto, se non rimettiamo un po' di ordine nella giustizia si ribalteranno le opinioni di quello che non si deve dire e non si può fare il caos renderebbe sovrano favorendo chi urla più forte e non solo. Le regole vanno rispettate e chi ricopre certe cariche deve dare il buon esempio.
10/05/2019 - Massimo crivellari
Quanto detto da Ancisi è una caduta di stile non da poco. 'Cialtrone' invece ormai lo si sente dire in qualsiasi talk show (che però non ne giustifica l'uso). Riassunto: per me hanno torto entrambi.
10/05/2019 - Dario
Le parole dure possono scappare ...e se noi donne vogliamo,giustamente , l'uguaglianza non dovremmo aspettarci che gli uomini ci trattino con galanteria.
10/05/2019 - maria teresa
"La Buona Politica"? E chi sarebbero, questi? Nome da tenere in considerazione nel caso Nino Frassica volesse scendere nell'agone politico formando un suo partito! Come non ricordare "Il Bravo Presentatore" del glorioso show "Indietro tutta"?
10/05/2019 - Maurizio Ricci
Un tempo i politici erano di altro spessore..... Il politico dovrebbe essere un insegnante, cioè dare il buon esempio........
10/05/2019 - elio62
Sinceramente non vedo come uno si possa offendere per una frase così; se avesse avuto origini francesi e le avessero detto "vuoi che te le traduciamo in francese, si sarebbe offeso qualcuno? Ovviamente no !
10/05/2019 - Riccardo
Non interpellato da questo giornale e non avendo dato io la notizia ad alcuno, per il semplice fatto che l’ho saputa leggendo il Carlino, non la commento qui. Intervistato ieri sera per telefono dal Carlino stesso e dal Corriere di Romagna ho risposto alle loro domande. Siccome però si torna allo sfinimento sulla storia su cui si è innestata la vicenda, rimettendomi in bocca ancora una volta la frase scritta dall’assessore Bakkali nel suo facebook: “Non capisce l'italiano? Se non capisce le delibere in italiano le tradurremo in marocchino”, che io non ho detto, prego i miei censori all’insaputa e la stessa redazione di rileggere gli articoli scritti allora da questo stesso giornale. Se i termini fossero stati questi, avrebbero potuto querelarmi, come, nel giro di questa sinistra, hanno fatto più volte, sempre respinti dalla magistratura.
11/05/2019 - Alvaro Ancisi
Se poi si vuole rivangare fino in fondo l’andamento di quei fatti, estraggo da Ravenna Notizie i seguenti articoli. Dal primo si ricava che si parlava di un maxi appalto da oltre 50 milioni fortemente contestata dall’opposizione, alla cui gara “europea” ha concorso solo una ditta facilmente pronosticabile. Come scagliarsi sul dito che mostra la luna , quando si vorrebbe tenerla coperta. http://www.ravennanotizie.it/articoli/2015/12/08/mense-scolastiche-ancarani-fi-lopposizione-lavora-per-evitare-un-regalo-elettorale-alla-camst.html; http://www.ravennanotizie.it/articoli/2015/12/08/ancisi-lista-per-ravenna-non-ho-offeso-la-bakkali-vero-il-contrario.html ; http://www.ravennanotizie.it/articoli/2015/12/10/polemica-bakkali-ancisi-il-sindaco-incontra-il-procuratore-massimo-rispetto-per-la-magistratura.html; http://www.ravennanotizie.it/articoli/2015/12/10/polemica-bakkali-ancisi-il-capogruppo-di-lpra-quale-monnezza-sulle-mense-scolastiche.html.
11/05/2019 - Alvaro Ancisi
Riccardo, nella societá italiana il razzismo contro i nordafricani é diffuso, contro i francesi no. É questa la differenza, e lo sai benissimo.
11/05/2019 - Alessandro
riccardo inutile arrampicarsi sugli specchi,,,è stato sgradevole in maniera irraggiungibile.i 800 euro si pagano volentieri
11/05/2019 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.