Giornata mondiale delle Vocazioni. La Messa in San Giovanni Evangelista in diretta su Rai Uno

Giornata mondiale delle Vocazioni. La Messa in San Giovanni Evangelista in diretta su Rai Uno
La Santa Messa per la "Giornata mondiale delle Vocazioni" in San Giovanni Evangelista a Ravenna

E' stata trasmessa in diretta su Rai Uno, la Santa Messa per la Giornata mondiale delle Vocazioni, che è stata celebrata questa mattina, 12 maggio alle ore 11, nella chiesa di San Giovanni Evangelista a Ravenna. L'Arcivescovo di Ravenna-Cervia, Monsignor Lorenzo Ghizzoni, ha concelebrato la Messa, assieme a don Michele Gianola, direttore dell'Ufficio nazionale per la Pastorale delle Vocazioni.

Nell'Omelia della Messa per la 56° Giornata Mondiale di preghiera per le vocazioni l'arcivescovo Ghizzoni ha esortato i giovani ad avere "il coraggio di rischiare per la promessa di Dio" e ad avere fiducia nel Signore. "Egli non si lascia strappare nessuno dalla sua mano, dal suo abbraccio. Mantiene le sue promesse e ci ridona moltiplicato quello che lasciamo per amore di Lui" ha detto nell'Omelia l'Arcivescovo di Ravenna e Cervia. 

L'omelia:

“Nella Chiesa la varietà, che è una grande ricchezza si fonde nell’armonia dell’unità. Come un grande mosaico in cui tutte le tessere concorrono a formare il grande disegno di Dio. Uniti nelle differenze: questo è lo spirito cattolico, cristiano”, ha detto Papa Francesco.

A Ravenna splende in tanti luoghi, soprattutto nelle nostre basiliche, questa verità: se paragoniamo la varietà delle vocazioni alle tessere del mosaico, nel disegno completo operato dalla Spirito del Signore, appare il profilo della Chiesa, Corpo di Cristo composto di tante membra. La molteplicità dei doni e la loro armonia ci permette di vedere quanto il Signore ami la sua Chiesa e nello stesso tempo quanto sia forte la volontà del Signore Gesù che appaia al mondo la loro unità, segno della comunione tra tutti i chiamati a seguirlo.

La varietà delle vocazioni è anche strumento necessario della missione della Chiesa, perché i servizi e i ministeri, le testimonianze e le opere, così diverse, la rendono capace di prendersi cura dell’uomo in tutte le sue dimensioni. Le varie vocazioni non sono solo a servizio della comunità cristiana, ma dell’umanità intera. E lo Spirito di Dio ne suscita sempre di nuove, o arricchisce di nuovi doni le vocazioni storiche, per rispondere alle esigenze dei tempi, ai problemi che le Chiese locali incontrano nei vari territori, dove esse annunciano il Vangelo.

Al centro del disegno di Dio per salvare l’umanità dal male, dal peccato e dalla morte e portarla alla vita piena, –come al centro dei mosaici delle nostre Basiliche –, c’è il Cristo. Il Cristo risorto con la sua Croce gloriosa, piena di luce, che attira a sé lo sguardo, genera la speranza e provoca la preghiera.

È il Cristo che attira i giovani con la sua voce, con la sua Parola, – come il pastore che richiama a sé le pecore disperse e loro lo seguono –, perché c’è in tutti la capacità e il desiderio di conoscerlo, di amarlo e di essere amati da Lui. Quando inizia un cammino vocazionale, passo dopo passo, la Parola di Diodiventa sempre più familiare, gradita; risuona sempre più come la voce di un amante che chiama l’amato e che allarga il cuore. Qui di solito sgorga la preghiera, personale, gratuita, immediata. E la risposta alla vocazione cresce: più si accetta questo dialogo d’amore, più ci si sente liberi e coinvolti.

Ci vuole anche qualcuno che, soprattutto all’inizio, tenga per mano i giovani, perché imparino a camminare su strade diritte; qualcuno che li ascolti perché possano parlare di sé stessi e di quello che Gesù suscita nel loro cuore; qualcuno che testimoni con la sua passione che fare scelte totali genera una felicità intima e stabile che non si trova nei progetti del mondo. Ci vogliono degli accompagnatori dei giovani che, come fece Gesù coi discepoli di Emmaus, li portino a riconoscere Lui nella Parola, nel pane, nei poveri.

Le vocazioni crescono là dove lo Spirito vuole, ma anche dove ci sono dei testimoni così luminosi che fanno desiderare la loro vocazione, provocando i giovani a interrogarsi, a discernere, a scegliere quella vocazione. I preti santi, i religiosi e i missionari santi, le monache sante, i genitori e i laici santi, sono i migliori animatori delle vocazioni, perché sono convincenti e attraenti con il loro stile di vita evangelico! Soprattutto per le vocazioni alla vita consacrata e al ministero ordinato, che sfidano gli idoli del mondo –il potere, la ricchezza, il successo, i piaceri – e che scelgono il dono totale di sé, richiedono un amore genuino e intenso per il Signore Gesù, che è vivo in mezzo a noi. Un amore che riempie totalmente il cuore del chiamato e che apre al servizio generoso dei fratelli e delle sorelle, perché anch’essi abbiamo la vita e l’abbiamo in abbondanza.

Un giorno Gesù ha chiesto a un giovane il coraggio di rischiare, per seguirlo e aprirsi ai poveri. Il giovane ha avuto paura e non si è fidato, ha preferito i suoi calcoli, le sue sicurezze, la sua ricchezza. Forse ha avuto paura di perdere la libertà, ma così ha perso il centuplo e la sua vita è diventata grigia e triste.

Cari giovani e ragazze che avete iniziato a seguire il Signore, abbiate fiducia in lui! Egli non si lascia strappare nessuno dalla sua mano, dal suo abbraccio. Mantiene le sue promesse e ci ridona moltiplicato quello che lasciamo per amore di Lui. La sua misericordia e la sua gioia saranno sempre con noi, facendoci sperimentare già ora la bellezza e la gioia della Vita eterna".

12/05/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Celebrare la giornata mondiale delle vocazioni in una chiesa chiusa perché non si trova un parroco, che altro aggiungere, niente, fa già ridere così
12/05/2019 - Riccardo
la speranza di noi parrocchiani di San Giovanni e' quella di riavere presto tra noi una guida!
13/05/2019 - antonella
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.