"Che selfie sono io?". Un incontro pubblico per adulti e genitori alla scuola Guido Novello

"Che selfie sono io?". Un incontro pubblico per adulti e genitori alla scuola Guido Novello

Domani giovedì 16 maggio presso l’Istituto Comprensivo Statale Guido Novello (in Piazza dei Caduti a Ravenna) dalle 18 alle 20 si terrà un incontro pubblico intitolato Che selfie sono io? Uso consapevole dei social media: tra opportunità e pensiero critico, condotto da Raffaella Martini (psicologa, psicoterapeuta, formatrice LIFE SKILLS®Italia) e Silvia Savorelli (documentarista e presidente dell’Associazione Sguardi in camera APS). 

L’incontro indirizzato ai genitori, docenti, educatori e persone interessate alla tematica rientra nel percorso di media education che coinvolge gli studenti e le studentesse delle classi seconde delle scuole secondarie di primo grado, per un uso consapevole e creativo delle immagini prodotte con i dispositivi digitali (telefoni cellulari, smarphone, palmari, tablet, ecc.), informando sia sui rischi originati dall’uso acritico dei social media e della rete, che sulla necessità di un pensiero critico rispetto all’ossessione dell’immagine che pervade la nostra società sempre più iperconnessa (per esempio cyberbullismo, dipendenza da internet, ecc). Il laboratorio è stato realizzato all’interno dell’IC Novello con il coinvolgimento di una classe seconda e si è avvalso della collaborazione didattica delle professoresse Maria Giovanna Barnabè e Manuela Giacomin. A settembre il progetto proseguirà all’Istituto Comprensivo Montanari.

I percorsi didattici all’IC Novello e IC Montanari fanno parte di un progetto più articolato intitolato “CINEMA DOMESTICO – I film di famiglia e amatoriali come spunto per media education e percorsi di coesione sociale”. Il progetto è finanziato dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, in collaborazione con Comune di Ravenna – Assessorato alla pubblica Istruzione e Infanzia, Assessorato partecipazione, servizi sociali, casa, politiche giovanili, immigrazione, ACER (Azienda casa Emilia Romagna, Provincia di Ravenna), CittAttiva (Cooperativa sociale Villaggio Globale), Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia.

CINEMA DOMESTICO prende spunto dai film amatoriali e di famiglia (8 mm., Super8, 16 mm., ecc. )e affianca al percorso di media education indirizzato a studentesse e studenti, un percorso di coesione sociale che, a partire dalla collaborazione attiva della cittadinanza e del volontariato, organizza due proiezioni itineranti di film amatoriali e di famiglia, venerdì 14 giugno e venerdì 21 giugno 2019, aperte a tutti, gratuite, in luoghi dove abitualmente non si “consumano” eventi culturali, come giardini, spazi verdi, cortili, corti interne di caseggiati. La scelta di costruire un percorso di proiezioni di film inediti amatoriali, realizzati dai cineamatori ravennati a partire dagli anni Cinquanta, è decisiva per contribuire a costruire e rafforzare il senso di appartenenza, di comunità, dalle persone giovani a quelle anziane, dalle persone straniere a quelle autoctone.

Il cinema di famiglia è un potente dispositivo, per la memoria, per la storia, aiuta a creare legami anche con chi non ha vissuto il periodo storico filmato, come le giovani generazioni, abituate ad un uso compulsivo delle immagini. I film di famiglia, emozionano e, contemporaneamente, aiutano a riflettere.

Il progetto è ideato e coordinato dall’Associazione SGUARDI IN CAMERA che è si è costituita a Ravenna nel 2018 per recuperare e valorizzare la memoria storica, sociale e visiva a partire dalle pellicole nei formati amatoriali 8mm, Super8, 16mm, 9,5mm. L’Associazione nasce da una campagna di ricerca condotta nel 2016-2017 che ha raccolto oltre 150 ore di film amatoriali di famiglie ravennati. In seguito ha organizzato diversi progetti ed iniziative pubbliche per valorizzazione il materiale.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.