Spaccata nella notte al Famila di via Argirocastro a Ravenna. Usato un furgone rubato come "ariete"

Spaccata nella notte al Famila di via Argirocastro a Ravenna. Usato un furgone rubato come "ariete"
Un'immagine della spaccata

È stato segnalato nella notte un furto ai danni del supermercato Famila di via Argirocastro a Ravenna. I ladri avrebbero utilizzato un furgone rubato nelle vicinanze come "ariete", per infrangere una delle porte vetrate sui lati del negozio e poi accedere ai locali.

Alle 4 e un quarto di questa notte, i Carabinieri, intervenuti sul posto per i rilievi di rito, avevano già allertato il proprietario del furgone, un mezzo da lavoro con il cassone, che è risultato rubato poco prima del furto, nei pressi dell'abitazione del proprietario, che si trova nelle adiacenze del supermercato svaligiato.


                                          Fonte Ravenna Sicura segnalazione truffe e furti

Al momento non sono disponibili ulteriori informazioni su cosa sia stato rubato e a quanto ammontino i danni.

13/05/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
e anche oggi il nostro pane quotidiano
13/05/2019 - franco
E anche questa volta non li troveranno....Politici continuate pure a dire che Ravenna è una città sicura x non assumervi responsabilità e x fare scelte giuste..
13/05/2019 - Simo
Mala tempora currunt.
13/05/2019 - Lucio Campiani
I politici sono là perché la maggioranza li ha votati e se vogliono essere rieletti fanno quello che la maggioranza vuole... se vogliamo che le cose continuino così teniamoli là votandoli o non andando a votare. L.C.59
13/05/2019 - Luciano Cavina
La colpa è anche di chi ha bloccato assunzioni e tagliato i fondi alle forze dell'ordine. Poi per quello che riguarda la situazione a Ravenna non è peggiore di altre città, non che sia consolatorio ma coi mezzi in dotazione qualsiasi forza politica governerebbe avrebbe le stesse difficoltà. Basta vedere il tg di Rai Veneto.
13/05/2019 - Remo
Sicurezza per chi? Per i ladri che stanno moltiplicando i furti, nessuno va in galera, stanno tutti in giro a far danni.
13/05/2019 - maria
In provincia di Ravenna è importante declassare nelle strade la velocità e poi installare autovelox.
13/05/2019 - Giampi
Chi era che diceva Ravenna città tranquilla?
13/05/2019 - Giovanni lo scettico
Ma non era provvisto di allarme il supermercato? Quelli della sicurezza privata dovrebbero arrivare entro 4/5 minuti. Di solito funziona cosi
13/05/2019 - Francesca
Ai quelli che considerano Ravenna invivibile consiglio un annetto in trasferta a Caserta o a Castellammare di Stabia. Cosí potranno rendersi conto del significato del proverbio "lamentarsi del brodo grasso".
13/05/2019 - Alessandro
intanto che il ministro matteo si concentra sui confini,sfoderando sui telefoni decreti sicurezza variopinti,controllando il mare da ogni dove ci stanno rubando anche le mutande dietro casa
13/05/2019 - batti
Tutto è migliorabile e tutto va migliorato, ma quale è quella città tranquilla, che quindi secondo voi non necessita di forze dell'ordine? Si perché senza delinquenza si potrebbe stare con la porta aperta e privi di polizia, d'altronde a cosa servirebbe? Io preferisco ancora Ravenna ad altre città. C'è di meglio? Sicuramente si, ma c'è anche di peggio e molto. Poi ribadisco si chiudono i porti, ma i responsabili arrivano in auto dalla Romea……..
13/05/2019 - elio62
@Alesssndro: tutti zitti! Non lamentiamoci, abbiamo ampi margini di peggioramento..ah ah ah. Mi raccomando, sempre giocare al ribasso.
14/05/2019 - Anna M
Gentile Giampi, sono d'accordo con lei.
14/05/2019 - Giovanni lo scettico
Batti, a concentrarsi, dovevano essere le teste come te.. ma ormai il danno è giá stato fatto. E ora ti lamenti ??!
14/05/2019 - Ravèna
ma come ravena "sud"il matteo proprio ieri ha detto che i reati sono in netto calo,forse voi due non vi siete concentrati bene,o siete danneggiati???eeehhh mi sa proprio
14/05/2019 - batti
Batti,il Matteo si riferiva ai reati in Italia, ciò non vuol dire che in alcune zone siano aumentati.
14/05/2019 - Ravèna
Allora potremmo applicare in città manifesti raffiguranti il Matteo, in questo modo calerebbero i reati anche a Ravenna........ è riuscito a spaventare il caldo africano, potrebbe riuscirci anche coi delinquenti. Scusate ma sono romagnolo e come dice un noto comico locale: "in una gara di ignoranza un romagnolo non può arrivare secondo", quindi.....
15/05/2019 - elio62
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.