LA POSTA DEI LETTORI / Piazza Mameli sgombrata con carri attrezzi. Troppi anticipi sul Giro d'Italia

LA POSTA DEI LETTORI / Piazza Mameli sgombrata con carri attrezzi. Troppi anticipi sul Giro d'Italia

Le piazze del centro storico di Ravenna ne hanno sopportato di tutte. Ma che una batteria di carri attrezzi e di pattuglie della polizia municipale sgombrasse a forza una piazza parcheggio dalle auto in sosta non si era mai visto. Lo spettacolo delle rimozioni, con i vigili a scrivere una lunga fila di verbali, si è proposto domenica notte sotto la pioggia, agli occhi attoniti dei residenti e dei passanti, dalle 23.00 all’una circa.

Colpevole non il Giro d’Italia, in arrivo oggi, bensì l’accoglienza messa in campo dal Comune di Ravenna, che, per stare larga, ha disposto su questa piazza il divieto di sosta fin dalle 20.00 del 19 maggio. I segnali del divieto, seppur piccoli e messi per terra, c’erano. Nessuna scusa per i furbetti della sosta abusiva o per gli sbadati.

Nessuna misericordia, invocata anche dall’hotel posto nella piazza, affinché lo sradicamento del parcheggio fosse fatto almeno di primo mattino, confidando che i proprietari delle auto, scattando il pagamento del ticket dalle 8.00, si presentassero sul posto entro quest’ora. Magari si poteva fare subito la multa, senza infierire con la rimozione dei veicoli.

Il divieto non è stato imposto solo sul parcheggio centrale, ma anche sugli stalli disposti ai tre lati esterni. Ne ha saputo qualcosa il bar The Sister’S, che già sulle 10.00 stava pensando di chiudere perché i clienti, non potendo fermarsi, giravano al largo.

Ci si aspettava almeno, fin dal mattino, una piazza piena dei veicoli autorizzati. La foto allegata, scattata alle 10.00 stesse di ieri, l’ha invece ripresa quasi vuota. Fatto un sopralluogo alle 16.00, ce n’erano anche meno. Questa non è nemmeno severità una volta tanto. Bensì mancanza di logica e di senso della misura. Senza dire come viene utilizzata la polizia municipale le rarissime volte che le fanno posare i piedi su strada.


Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Hanno aspettato tre ore per cominciare a sgomberare, mi sembra un tempo ragionevole. Come al solito il patentato medio deve parcheggiare attaccato al bancone del bar altrimenti non si ferma...
21/05/2019 - Alessandro
Ma poi chissenfrega del giro d Italia, anche paralizzare così una città in un giorno lavorativo è assurdo!
21/05/2019 - Carlo
Alessandro, capisco la multa anche dopo un minuto. Ma per la rimozione deve esserci un'urgenza notevole, che non c'era. Se no tutta Ravenna (e non solo) sarebbe invasa dai carri attrezzi. Cordialmente
21/05/2019 - Alvaro Ancisi
Dura lex sed lex
21/05/2019 - bici
Non hanno paralizzato una città... lavoro in zona darsena e con la macchina ci si arriva tranquillamente. Sono chiuse al traffico automobilistico alcune vie che non paralizzano nessuno.
21/05/2019 - Alessandro
Verranno rimossi anche tutti gli autoveicoli nelle strade dove c'è il divieto di sosta con rimozione forzata?? Come ad esempio in un tratto di via Crocetta, dove spesso ci sono autoveicoli parcheggiati dove c'è il divieto di sosta con la rimozione forzata??
21/05/2019 - Zeus
Che il ravennate medio voglia andare in piazza del popolo in auto è vero; che siano passate tre ore dalla disposizione è vero; che la città non fosse paralizzata per questo è vero (la darsena è dalla parte opposta al tragitto per cui è logico che non fosse chiusa); ma che Ancisi abbia fatto notare che ci possa essere stata troppa attenzione al divieto penalizzando anche le attività commerciali è un dato di fatto (e non lo ho votato!).
21/05/2019 - Angelo
@Carlo.- non deve dire cosi !!!é stata una manifestazione bellissima, tanta gente lungo il percorso, tanta emozione.- Ravenna ringrazia e credo anche i tanti turisti e la maggior parte dei Cittadini.- Viva il Giro d'Italia e ben vengano queste manifestazioni.- la prossima sara' la Maratona di Ravenna il 10 novembre:::lamentoni, siete avvisati per tempo.- pensate gia' da ora dove parcheggiare, dove andare...lasciate libera la Citta per favore, se non volete vederla.- Grazie
21/05/2019 - bilancia
Buon giorno a voi vigili e a chi vi manda sotto la pioggia di notte , credo che chi ha emanato la caccia allo stregone poco attento abbia sbagliato nei tempi ; chiudere con 24 ore di anticipo un parcheggio così importante vuol dire due cose : o hai sbagliato data --- oppure sei ottuso e ignorante --- nel senso che non sai che la carovana arriva lunedì sera o martedì mattina . Si parla tanto di poche risorse economiche e poi si mandano in notturna addetti alle multe , c'è qualcosa che non quadra o forse il famoso cerchio magico risolve tutto . Antonio Zanzi
24/05/2019 - Antonio Zanzi
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.