LA CITTA' CHE NON CI PIACE / Parcheggia nel posto disabili davanti alla scuola senza averne diritto

LA CITTA' CHE NON CI PIACE / Parcheggia nel posto disabili davanti alla scuola senza averne diritto

Come consigliere territoriale di Ravenna in comune centro urbano, volevo denunciare pubblicamente un accaduto sabato 25 maggio, presso i parcheggi di via di Roma. Alcuni bambini che frequentano la Scuola Ghiselli hanno problemi di disabilità tra cui problemi di deambulazione. Ieri una mamma è arrivata davanti al parcheggio dei diversamente abili dove parcheggia tutti i giorni per aspettare l'educatrice che accompagna la figlia. L'unico parcheggio per diversamente abili, come quasi tutti i giorni, era occupato da un auto con il proprietario a bordo, con nessun problema di invalidità e autorizzazione a parcheggiarsi.

La signora educatamente gli ha chiesto di spostarsi perché doveva parcheggiare e attendere che l'educatrice e la bambina arrivassero.
Il soggetto incivile ha aggredito la signora offendendola con parole pesantissime e in più l'ha spinta senza che si fosse spostato di un millimetro con la macchina.
Mentre la signora stava per andarsene con la bambina a bordo, l'incivile ha infilato le mani nel finestrino nel lato della guida e ha continuato ad insultare e offendere la signora davanti alla bambina.
Dopo aver tranquillizzato la signora e la bambina le ho consigliato di denunciarlo visto che ho preso il numero di targa.

Le scuole pubbliche del centro urbano di Ravenna sono frequentate da bambini diversamente abili o da nonni, genitori a loro volta diversamente abili che li accompagnano. I parcheggi sono insufficienti. Ci sono persone incivili e maleducate che occupano i parcheggi senza averne diritto.

Per tanto, chiedo pubblicamente che l'assessore alla viabilità del Comune di Ravenna provveda a istituire più parcheggi per diversamente abili nelle scuole pubbliche del centro urbano. Chiedo pubblicamente al vice sindaco del Comune di Ravenna, con delega alla Polizia Locale, che le scuole pubbliche del centro urbano vengano presidiate da una pattuglia sia in orario di entrata che in uscita, per evitare che una mamma e una bambina subiscano insulti e aggressioni da parte di persone incivili o persone pigre che preferiscono parcheggiarsi sui marciapiedi, bloccando pedoni e diversamente abili per non farsi 300 metri a piedi.


Giuseppe Limantri 
consigliere territoriale centro urbano capo gruppo di Ravenna in comune
27/05/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Io invece chiedo che ci sia meno indifferenza tra chi vede queste scene e non muove un dito.
27/05/2019 - Federico
Bravo Giuseppe
27/05/2019 - Filippo
Non devono istituire più parcheggi per disabili, devono punire pesantemente chi li usa senza averne titolo, davanti alle scuole dovrebbe esserci un presidio fisso della municipale, i genitori incivili sono ovunque e senza sanzioni non capiranno mai....
27/05/2019 - Hypersthene
Ho amici portatori di handicap e il problema dello stallo impegnato da incivili senza diritto si ripropone quotidianamente e anche più volte al giorno. Una vergogna. E' anche vergognoso che in questo caso nessuno abbia spalleggiato la signora. Ci si lamenta ogni giorno dei prepotenti ma tra di noi non ci si aiuta, ci si stringe nelle spalle e si tira diritto, dando modo a questa gentaglia di farla da padrone.
27/05/2019 - Luca T
queste bestie arroganti e violente vanno educate solo con una bella denuncia. Purtroppo questi soprusi sono all'ordine del giorno nella nostra civile città. Le patetiche scuse sono sempre le stesse "ma è solo per 5 minuti" "sono appena arrivato" , è inutile chiedere scusa quando si compie volutamente l'infrazione per compiacere i propri comodi e menefreghismo. Basta non parcheggiare MAI nei parcheggi disabili, nemmeno stando a bordo del veicolo
27/05/2019 - xxx
Questo signore se così lo si può chiamare :ha fatto una figura di M... A lo si deve denunciare Incivile e maleducato!!!!!
27/05/2019 - Danilo
Ha ragione Hyper , bisogna educare a non parcheggiare e punire chi lo fa senza requisiti idonei. Più passano gli anni più ci si ritorna indietro qua.... poi fanno tutti gli influencer.
27/05/2019 - alberto
che comincino a pattugliare via Carducci e viale Farini nei medesimi orari, atro che occupazione dello stallo handicap. punizioni esemplari, auto su 4 fila
27/05/2019 - alex
Purtroppo dei casi ce ne sono tanti...vedo un auto rossa Vecchia A112 parcheggiata nel lato davanti la banca, sempre sempre li.- d'accordo, non occupa un posto per disabili, ma quei posti dovrebbero essere a rotazione, e invece espone il pass per disabili, anche se non ne ha piu bisogno .- Devo farlo presente a qualcuno, oppure l'auto puo rimanere ferma li 24 h 24 h...? grazie
27/05/2019 - bilancia
Aumentare gli stalli per disabili non serve, ci sono più maleducati che posti auto, anziché essere occupato da un demente sarebbero occupati da due dementi e così via........ L'egoismo non ha vergogna.....
27/05/2019 - elio62
La reazione del soggetto non mi stupisce, d'altronde se fosse stata persona educata e intelligente non avrebbe parcheggiato in un posto x disabili. La denuncia va fatta è tempo che questi cafoni imparino a "stare al mondo".
27/05/2019 - Michela
che schifo di persona, spero lo denunci. non servono più posti per disabili che sarebbero occupati abusivamente, servono più controlli della municipale! se negli orari di entrata e uscita i vigili presidiassero le zone adiacenti alla scuole farebbero cassa! e se non altro sarebbe bello vedere che ogni tanto la legge c'è, soprattutto di fronte ai cittadini del futuro, i bambini.
27/05/2019 - sm
Prendere il numero di targa e darlo ai vigili.
27/05/2019 - ALDO
L'incivile va denunciato sia per l'abuso e sia per le offese che hanno certamente spaventato la bambina.Non lasciare correre o dare per scontato che spesso i posti per disabili sono impegnati da chi non ne ha diritto.
27/05/2019 - maria teresa
Viste le decine se non centinaia di scuole nel comprensorio è impossibile mandare la pattuglia sempre, piuttosto si potevano chiamare i vigili per mandare il carro attrezzi. A me è capitato e vi assicuro che lo fanno.
27/05/2019 - Dario
Solo con le multe certa gente rispetterà il prossimo! (forse) ...... c'è troppa arroganza in strada, nei parcheggi, nei sorpassi, velocità elevata, mancanza di buon senso, ecc...
27/05/2019 - maria
I vigili sono impegnati a multare e denunciare un ragazzino che disegna pesci su un muro vecchio. Ah che delinquente pericoloso ! Il mondo va a rovescio!
27/05/2019 - Giovanna Montanari
Grazie per la segnalazione. L"incivile deve vergognarsi e spero venga segnalato alle forze dell'ordine, così la prossima volta ci penserà meglio prima di parlare.
27/05/2019 - Lucio Campiani
...chiedo scusa, per completare il mio articolo sopra esposto, mi sono dimenticato di scrivere la zona...Borgo san Rocco.- grazie
27/05/2019 - bilancia
Condivido il commento della signora Giovanna.Spero che la persona che occupava lo stallo in maniera impropria sia stato denunciato.
27/05/2019 - elena minguzzi
Concordo pienamente con i commenti fatti.Vorrei far notare,a proposito di comportamenti incivili,che sarebbero da sanzionare, anche quegli automobilisti muniti del permesso, che occupano gli stalli riservati,pur non essendo o non trasportando il disabile, facendo un uso improprio del contrassegno per parcheggiare l'auto per loro comodità,specialmente quando questi spazi sono limitati,usurpando il posto a chi ne ha realmente la necessità.
27/05/2019 - vito
E' una fortuna che io non sia stato presente al fatto, Per lui e per me.
27/05/2019 - Sylar Surfer
Relativamente al commento del Sig. Vito, sarebbe il caso che la Polizia municipale potesse fare controlli "ad hoc" perché negli stalli del noto centro commerciale, ci sono auto col contrassegno per disabili ma questi non sono a bordo; gli agenti controllano solo che ci sia il contrassegno ma l'auto è vuota per cui non si sa se la persona intestataria sia presente o no.
27/05/2019 - C.
Questo tizio si merita una bella denuncia, non solo per il parcheggio ma anche per l'aggressione alla signora. Denunciare e sputtanare pubblicamente... qualcuno ha preso il numero di targa? Purtroppo questa gente non capisce assolutamente nulla... l'unico modo sono le maniere forti: multa e confisca immediata del veicolo... va là che si svegliano!!!
27/05/2019 - Tax19
Sylar Surfer, pienamente in accordo con te.
28/05/2019 - Andrea
Questo personaggio ha commesso un reato penale per il quale deve essere perseguito. Temo purtroppo che la legge non gli somministri una pena adeguata. Proporrei un affidamento ai servizi sociali ad aiutare persone disabili gravi o gravissime per almeno 3 anni.
29/05/2019 - Mauro Montesi
scaricatevi l'app Rilfedeur che permette di fare segnalazione in tempo reale alla municipale: serve allegare foto, data, e mittente, la app aggiunge la geolocalizzazione. Funziona, già provato! Purtroppo i vigili davanti le scuole hanno solo il compito di "facilitare l'attraversamento pedonale", come succede in via Cilla ogni santa mattina!!
30/05/2019 - Daddo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.