Ennesimo incidente mortale. Scontro frontale tra auto e moto sull'Adriatica: perde la vita un uomo

Ennesimo incidente mortale. Scontro frontale tra auto e moto sull'Adriatica: perde la vita un uomo
Una foto dell'incidente

L'uomo, Tiziano Seganti, è morto sul colpo, mentre la donna che viaggiava con lui, Elisa Castellari è stata trasportata in condizioni gravissime al Bufalini

Ennesima tragedia sulle strade del Ravennate. Dopo l'incidente mortale di ieri sera, sabato 8 giugno, in cui ha perso la vita un giovane di San Zaccaria, intorno alle 11:30 di oggi, domenica 9 giugno, si è verificato un grave scontro frontale sulla statale Adriatica, località Savio di Ravenna, poco distante da Mirabilandia. Coinvolte una moto con a bordo due persone e un'auto.

 

I due, a bordo di una Honda, si sono scontrati contro una Renault, guidata da un 43enne, in una semi curva. L'uomo, Tiziano Seganti, 59enne, residente a Imola è morto sul colpo, mentre la donna, Elisa Castellari, 51enne, originaria di Riolo Terme, è stata trasportata in condizioni gravissime all'ospedale Bufalini di Cesena in elisoccorso.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 con due ambulanze e l'auto medicalizzata. I passeggeri dell'auto hanno riportato lievi lesioni e sono stati trasportati al Santa Maria delle Croci di Ravenna. La polizia municipale si è occupata della gestione del traffico, individuando viabilità alternative, e dei rilievi di rito: la strada è rimasta chiusa fino alle 15:45.



                                

 

09/06/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Occorrono agenti in divisa ma con auto in borghese. Pattugliare le strade e sanzionare tutte le infrazioni, di giorno e di notte. Ogni utente della strada deve poter pensare che ogni auto che è presente sulle strade potrebbe essere un'auto civetta delle Forze dell'Ordine.
09/06/2019 - Zeus
Solo con multe salatissime si potra' convincere chi guida sulla strada che si devono rispettare le regole del codice stradale. La vita non si può perdere così!!!!
09/06/2019 - maria
Solo facendo veicoli con limitatori di velocità si salveranno le vite.
09/06/2019 - Christian
D'accordissimo con i commenti precedenti. Ma questo sembra non voler entrare nella gente né, tanto meno, in chi gestisce le forze dell'ordine. Non vorrei che si debba ricercare la motivazione in una perdita di consensi elettorali. Ma questo potrebbe essere terreno fertile per le opposizioni! Comunque quando si tocca il portafogli della gente si ottengono degli ottimi risultati.
09/06/2019 - Petar
Nn il buon senso, non il rispetto del cds ma più vigili sulla strada ? Ma come siete messi???? Poi cosa facciamo, ne mettiamo uno ogni due o tre km? Anzi no, facciamo così, tutte le volte che uno parte con un mezzo a motore passa in caserma a ritirare il suo vigile personale.... Vorrei proprio vedere le irreprensibili condotte di guida di coloro che chiedono più controlli ...va la va la...
09/06/2019 - Marco
La penso come il Signor Zeus,,,,più auto civetta ci vorrebbero sulle strade!
09/06/2019 - lucia
Caro Elio 62 mi sembra che Zeus ribadisce quello che ho voluto dire nei precedenti commenti: più pattuglie delle forze dell’ordine che palliativi farlocchi !!! Condoglianze alle famiglie!
09/06/2019 - Accio
Sono possibili tantissime soluzioni. Prima di tutto, pensiero personale, è la riduzione della velocità ovvero il rispetto dei limiti imposti dalla legge. Un pensiero al dolore e allo stato d'animo delle famiglie coinvolte nell'evento. Una cosa però mi incuriosisce.........si riportano i nomi e cognomi delle persone coinvolte, ma.............il nome della ditta produttrice di uova "così sane" e prodotte nel disinteresse completo della salute dei consumatori mica è ancora stato pubblicato. Pensiero personale. Rispetto per la privacy delle famiglie di chi viene coinvolto in eventi così devastanti.Pensiamo se a chiunque di noi succedesse di perdere un famigliare in quel modo e il suo nome venisse messo alla lettura di tutti. Grazie.
09/06/2019 - GIANLUCA
Gentile Maria, perchè tutti invocano multe salatissime... per gli altri?
09/06/2019 - Giovanni lo scettico
Zeus ha ragione da vendere
09/06/2019 - Emanuele
Sono daccordo con entrambi i commenti sopra, non se ne può più!
10/06/2019 - Mauro
e magari una strada come l adriatica a due corsie con il traffico che cè non può essere inadeguata????e come cavolo si può fare certi commenti se non si sà neppure la dinamica...ma tante volte a star zitti sarebbe un successo!
10/06/2019 - mauro morigi
Guardate bene la foto, la macchina è completamente sulla destra della sua corsia, li inizia la variante di savio e la moto ha pensato che quella fosse la corsia di sorpasso secondo me. Non è la prima volta che succede e se non mettono mano alla cosa non sarà neanche l'ultima
10/06/2019 - Babbeo
Sono d'accordo che ci vogliono più controlli, ma scusate come la mettiamo col buon senso e il rispetto delle regole stradali? i limiti di velocità, anche se alcuni sono assurdi, ma siamo isterici, sorpassiamo continuamente e rischiamo di più. certe manovre fanno venire i brividi, e se riesci a dire qualche cosa ti mandano a quel paese. Ci crediamo invulnerabili ma questo è quello che può succedere. Non diamo sempre la colpa alle altre cose e ad altri per fare i nostri comodi.
10/06/2019 - francofra
Ha ragione Zeus, io aggiungerei moto civetta per i telefonini... e se ci sono questi commenti non è perchè le strade sono strette ma perchè chiunque nota i comportamenti sbagliati di una bella percentuale di chi guida qualsiasi mezzo senza rispetto per gli altri e per le regole.
10/06/2019 - mg
Ieri sera alle19 per andare da Ravenna a Marina di Ravenna per via Trieste si era costretti a procedere con le ruote quasi nel fosso per evitare le decine di moto che sorpassavano nonostante la striscia continua e che invadevano a corsia opposta di marcia ad altissima velocità inveendo contro quegli automobilisti che non se la sentivano di rischiare di finire nel fosso per evitare le moto che arrivavano contro mano.
10/06/2019 - danilo
Da motociclista, purtroppo non posso che confermare quanto dice Danilo. Molto spesso, anzi troppo spesso, si incontrano i cosiddetti "motociclisti della domenica" che pensano di avere tutta la strada a loro disposizione, non rispettano i limiti e spesso fanno manovre oltremodo azzardate; per cosa? Per arrivare qualche minuto prima a destinazione ? Con il rischio di non arrivarci affatto. Però nn bisogna generalizzare. Fortunatamente qualcuno disciplinato c'è ancora. E comunque dispiace in ogni caso quando succedono queste tragedie. Di chiunque sia o non sia la colpa. R.I.P
10/06/2019 - Romina
A tutti dispiace quanto sta succedendo..comunque danilo ieri io ho anche visto molte moto che passavano la fila con prudenza e cercando di non invadere la corsia opposta.. e comunque ci vogliono maggiori controlli anche con auto e moto civetta e anche regolazione dei flussi di traffico...una volta a Marina mettevano i vigili...non come adesso che nel caos .. vince il più furbo!...paghiamo pure tasse e multe...si devono usare meglio i ns. soldi!
10/06/2019 - mg
Dico multe salatissime perché solo così la gente rispetterà la velocità. Com'è che a Porto Corsini nei pressi della diga c'è il segnale di divieto di parcheggio pena una multa di 206 euro e nessuno si sogna di parcheggiare.
10/06/2019 - maria
Sono d'accordo piu vigili ,polizia in autodtrada tante macchine fanno zig zak e molti anche nella corsia di emergenza in borghese x predere i furbetti R.I.P
10/06/2019 - vittoria neri
Gentile Maria, chissà perchè tutti auspicano punizioni esemplari... per gli altri.
10/06/2019 - Giovanni lo scettico
@ Maria; nel suo caso è più facile, le macchine sono ferme e quindi riescono a far le multe anche i vigili ....per quelle in movimento invece cosa facciamo: una macchina=un poliziotto?
11/06/2019 - Marco
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.