Fumo in spiaggia. Codacons fa partire diffida ai Prefetti: "obbligate i Comuni a vietarlo"

Fumo in spiaggia. Codacons fa partire diffida ai Prefetti: "obbligate i Comuni a vietarlo"

Parte la battaglia legale del Codacons per ottenere il divieto di fumo in tutte le spiagge dell’Emilia Romagna. "Negli ultimi anni si sono moltiplicate in Italia le ordinanze comunali che vietano il fumo in spiaggia, ma in Emilia Romagna non è stato fatto ancora abbastanza per tutelare la salute dei bagnanti dai rischi connessi al fumo e per difendere l’ambiente", spiega il Codacons.

"La necessità di tutelare la salute pubblica dai pericoli legati al fumo passivo (si ricorda che il fumo provoca 80mila morti l’anno solo in Italia), associata all’esigenza di difendere l’ambiente dai mozziconi di sigaretta lasciati sulla sabbia che impiegano fino a 5 anni per decomporsi e inquinano i mari più della plastica, deve portare a vietare il fumo sulla totalità delle spiagge della regione", è l'invito dell'associazione di consumatori.

Per tale motivo il Codacons presenterà oggi una diffida alle Prefetture dell’Emilia Romagna in cui si chiede, in virtù dei loro poteri, di ordinare alle amministrazioni comunali l’adozione di apposite ordinanze tese a stabilire divieti di fumo e di abbandono di prodotti da tabacco sulle spiagge di loro competenza. Se non saranno adottate misure urgenti, il Codacons denuncerà nei prossimi giorni i Comuni della regione per concorso in inquinamento e in danneggiamento aggravato del patrimonio naturale.

 

10/06/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Fosse vero!!! Magari!!! Ma ho idea che resterà solo un sogno
10/06/2019 - Filo
Sarebbe ora !!!! pero', prima, liberate dalle spiagge libere, l'invasione di cani.- Grazie
10/06/2019 - armando
Coloro che fumano "pare" che non si rendano conto che anche se sono all'aperto il loro fumo danneggia chi sta nelle loro vicinanze, ma quello che trovo assurdo è che fumano beatamente anche con bimbi accanto .Sono genitori sprovveduti che non prendono in considerazione la salute dei propri figli!
10/06/2019 - maria teresa
ma l associazione consumatori che tanto pensa alla nostra salute- verifica la sabbia riportata sulle spiagge? ricordate la nostra bella sabbia gialla compatta - sostituita quasi ovunque con sabbia grigia di dubbia provenienza- avremo anche dei diritti ?
10/06/2019 - leo
Vietare di fumare in spiaggia mi sembra un pò esagerato. Come per i cani si devono formare aeree per fumatori. Queste due categorie vanno ghettizzate al massimo.
10/06/2019 - Ilpessimista
Secondo me chi fuma all'aperto non dà fastidio a nessuno, deve solo mettere le cicche nel posacenere invece che buttarle per terra. Non c'è nessun bisogno di fare i talebani anche per questo.
10/06/2019 - Giovanni lo scettico
La cosa non dispiace anche se poi i turisti se ne vanno per troppe restrizioni meglio spendere i propri soldi dove non ti rompono le scatole E con la crisi che c'è forse è meglio andarci cauti
10/06/2019 - Vanni
Prima dei cani allontanerei tante persone dalle spiagge libere e non. Il fumo passivo da fastidio anche qui se hai il fumatore a pochi metri, e si sente eccome. Ancora più schifo mi fanno quegli sfigati che sotterrano le cicche di sigaretta con non chalance, e poi si lamentano se passa un bimbo e solleva un po' di sabbia.
10/06/2019 - Gattorosso
Due argomenti diversi....Cosa c’entrano i cani? I cani non inquinano l’ambiente e non fanno venire i tumori, caro signor Armando! Lo sa che, da uno studio recente,fatto in Svizzera , i cani possono essere considerati puliti rispetto agli uomini con la barba. Su quest’ultima, hanno riscontrato una carica batterica molto ma molto più alta. Adesso come fa? Non si fa visitare più da un medico con la barba e non va più a mangiare dove c’è un cuoco con la barba? Semmai, a volte, le colpe le hanno i proprietari che non fanno il loro dovere e,comunque. Si guardi intorno e pensi a tutte quelle bottiglie, cartacce, mozziconi e porcherie varie, lasciate in giro, quanto danno fanno per la nostra salute e l’ambiente. E’ colpa dei cani o delle persone?
10/06/2019 - Paola
Concordo i divieti al fumo e alle bottiglie di plastica, è veramente una mosca bianca quel fumatore che s'allontana per non fumare addosso alle persone e ai bambini. Creare luoghi per fumatori, in questo modo i mozziconi restano circoscritti. Grazie
10/06/2019 - SpiderMan
Il fumo deve riguardare solamente la persona che fuma e quindi va vietato in ogni luogo dove sia presente il pubblico.
10/06/2019 - Alberto
In spiaggia basta che uno solo fumi e bisogna spostarsi col lettino. Per conto mio non vado più nell'ombrellone dello stabilimento balneare, dovevo alzarmi ogni volta che nei dintorni qualcuno fumava. Almeno al mare vorrei sentire l'aria salmastra e non quei fumi, ma tanto chi fuma non se ne rende conto.
10/06/2019 - maria
Inoltre il fumatore puzza
10/06/2019 - mauro
Visto che si parla di tutela della salute comincerei a vietare anche i ripetitori di segnale wi-fi negli stabilimenti balneari. Come è vero che ho il diritto di non subire danni dal mio vicino di ombrellone se si vuole fumare una sigaretta è vero altresì' che ho altrettanto diritto di risparmiari un bel tumore solo perchè il mio vicino di ombrellone vuole pubblicare i suoi selfie al mare o vuole postare sui social. Quindi è giusto spegnere le sigarette ma anche gli impianti wi-fi (emanazione elettro-magnetica che, come già dimostrato scientificamente, può provocare gravi danni) altrimenti quello di cui si discute non è tutela della salute per i cittadini, ma solo fumo negli occhi. Ma ovviamente nessuno vorrà spegnere il wi-fi anche se consapevole che danneggia le persone, la lotta si fa solo alle sigarette...
10/06/2019 - P.S.
Da fumatrice sono anni che vado in spiaggia con un bicchiere pieno di sabbia per i mozziconi e da amante di cani sono anni che vado in giro con i sacchetti quando sporcano ....è solo questione di educazione, civiltà e rispetto...non ci sarebbe bisogno di alcuna “legge”se la gente avesse un po’ più di amore per dove vive
10/06/2019 - Roberta
come sempre si crea una gran bagarre senza centrare l'argomento chiave: l'EDUCAZIONE....se chi fuma fosse così educato da allontanarsi dagli altri e buttare negli appositi cestini le cicche di sigaretta anziché in terra non si inquinerebbe, allo stesso modo i padroni dei cani se raccogliessero gli escrementi e le urine (in spiaggia) dei propri amati cani e li tenessero al guinzaglio, non vi sarebbe alcunché da ridire....ma poi leggo commenti come quelli di Paola che cita una fake news come quella della barba....e allora comprendo che siamo destinati all'estinzione...
10/06/2019 - Hypersthene
e quindi la spiaggia andrebbe pure vietata ai soggetti "tutto fumo e niente arrosto" :D (e ce ne sono)
10/06/2019 - D.M.
io creerei zone circoscritte dove poter fumare con obbligo di recupero mozziconi, così chi non vuole respirare fumo passivo può scegliere quali zone delle spiaggia frequentare...
10/06/2019 - Cristian
Inutile mettere dei divieti che non riuscite a far rispettare...come i cani senza guinzaglio che tutte le mattine scorazzano in quel di casal borsetti. Distinti saluti
10/06/2019 - vacanziere
Hai proprio ragione Hipersthene,.....e, da quello che leggo, prima ci estinguiamo, meglio è.....!!!
10/06/2019 - elio
MI AUGURO DAVVERO CHE SI VIETI DI FUMARE IN SPIAGGIA!!!
10/06/2019 - Danilo
Ma magari lo vietassaro, non ne posso più di respirare il fumo degli altri, mi devo sempre spostare avanti indietro per non prendere le zaffate, fate schifo!
10/06/2019 - Marco
Gentile P.S. può smettere di preoccuparsi: il suo cellulare appiccicato alla testa è molto peggio dell'antennina del WiFi a 10 metri. Come ben sa chiunque abbia studiato fisica il campo elettromagnetico diminuisce allontanandosi dalla sorgente in modo inversamente proporzionale al quadrato della distanza, cioè in pratica raddoppiando la distanza non diventa la metà ma un quarto.
10/06/2019 - Giovanni lo scettico
Ecco perché ho sempre odiato i bagni e vado spiagge libere,sedermi in un bagno e sentire tutto il fumo specialmente quando tira il vento e per non sentire altri odori....,aree riservate ai fumatori quando non c'è il vento,Giovanni
10/06/2019 - Giicanni
@Mauro non ho capito bene il tuo commento!ti dà fastidio il fumatore o il fumo di sigaretta?
11/06/2019 - Morena70
Signor Scettico, guardi che mi lamentavo del segnale diffuso, non tanto dell'antenna. Le sue nozioni di fisica purtroppo sono un po' approssimative e scoprirà che non si tratta semplicemente di distanza ma anche di frequenza ed energia trasportata (altrimenti il sole non ci scalderebbe). Ma per fortuna gli studi in materia non li facciamo né io ne lei... Vada a documentarsi sugli effetti reali invece di postare disinformazione. Si parlava di tutela della salute, ma quando si toccano i cellulari sembra che questo infastidisca molti. Comunque vorrei farvi notare che l'aria che respiriamo tutti i giorni è letale anche senza tabacco. Non sarà certo quel poco che respiriamo in spiaggia a daci fastidio ma quello che inaliamo giornalmente. Fatevi comunque distrarre da problemi secondari e distogliete lo sguardo da quelli primari...
11/06/2019 - P.S.
@ marco- guarda il lato positivo "non stai fermo sotto il sole a succhiarti radiazioni ionizzanti" ma dal tuo commento finale direi che hai già assorbito troppo.
11/06/2019 - Pluto 2
Vietare il fumo dappertutto - la salute pubblica prima di tutto
11/06/2019 - Cittadini
Caro signor Hipersthene, non sono una divulgatrice di fake news, sia ben chiaro....e non accetto che lo si pensi. Io quando scrivo certe notizie, mi accerto della loro provenienza. Lo studio è stato effettuato da una nota clinica della Svizzera e pubblicato da una famosa rivista medica European Radiology. Lei invece, parla di fake news, ma le prove non le ha!
11/06/2019 - Paola
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.