Pini abbattuti in via Maggiore. L'attivista grillina Santarella denunciata dalla Municipale

Pini abbattuti in via Maggiore. L'attivista grillina Santarella denunciata dalla Municipale
Uno dei pini abbattuti oggi

Questa mattina, lunedì 10 giugno, i pini di via Maggiore sono stati abbattuti, malgrado le proteste di alcuni manifestanti. Il Meetup “A Riveder le stelle” scrive sulla sua pagina Facebook che alcuni attivisti sarebbero stati denunciati dalla polizia municipale "per interruzione di servizio pubblico". Nello specifico, come confermato dalla Polizia municipale, la denuncia è scattata per Francesca Santarella, ex consigliera comunale e portavoce del Meetup “A riveder le stelle”.

Nessuna conferma è arrivata al momento dal Comune, che aveva già evidenziato nei giorni scorsi, in una nota, la necessità di portare a termine gli interventi, per ragioni di sicurezza - molte in questo senso le richieste dei cittadini - e in quanto l'abbattimento è stato certificato anche dalla perizia di un agronomo. "Per la centralità di via Maggiore - avevano detto dal Comune - l’alta densità di traffico, la pericolosità e il conseguente tasso di incidentalità questo cantiere rappresenta un passo avanti necessario per il tanto atteso miglioramento complessivo della fruibilità, anche ciclabile e pedonale, dell’area. Le scelte dell'amministrazione sono prioritariamente orientate a tutelare la sicurezza dei cittadini".

"Abbiamo tentato di tutto per salvarli – scrivono invece gli attivisti grillini del Meet Up – . Addio ai sette pini di via Maggiore, di cui due in perfetta salute e tre da sottoporre a verifiche che non sono mai state fatte da chi di dovere. Un pezzo del nostro patrimonio verde storico del nostro bellissimo viale principale di accesso alla città se ne va e non verrà ripristinato. Subito al lavoro per scavare pozzetti in prossimità degli alberi uccisi. Fino all’ultimo si è aspettato l’arrivo dell’assessore. Nessuno del Comune è arrivato". 

"La corsa contro il tempo non è servita. Abbiamo saputo dell'abbattimento dei sette pini il 31 maggio, poi iniziato il 4 maggio. Abbiamo ricevuto le schede identificative e di valutazione degli alberi dal Comune solo venerdì 7 maggio, dopo due solleciti. Sabato 8 il perito convocato con urgenza ha potuto procedere con il sopralluogo. Oggi è arrivata la sua relazione, pagata dai cittadini per provare a salvare gli alberi da abbattere in periodo vietato dal Regolamento Comunale del Verde per nidificazione. Dalla perizia dell'agronomo Michele Romanelli si evidenzia che i 2 pini abbattuti stamattina, erano sani. Più esattamente quelli identificati con targhetta metallica n° 990 (codice albero A40220096) e codice albero A40220095 (figura n° 6 e n° 7). Abbiamo anche raccolto il parere dell'ornitologo Fabrizio Borghesi, anche lui d'accordo nel sostenere che prima di procedere a potature drastiche o addirittura abbattimenti nel periodo riproduttivo, ogni singola pianta dovrebbe essere valutata attentamente da esperti della materia e, nel caso vi fossero criticità (es. instabilità accertata), affrontate in tutela dell’avifauna nidificante, applicando sostegni o tiranti che possano consentire la messa in sicurezza temporanea senza impatto sugli uccelli nidificanti, almeno fino al termine del periodo di nidificazione (marzo-luglio) riportato nella Regolamentazione comunale. Nei prossimi giorni chiederemo spiegazioni agli enti coinvolti e preposti alla tutela" comunica Mattia Dall'aglio, uno degli attivisti.

10/06/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Noto che ...la ns amministrazione ascolta sempre i cittadini ... è assolutamente democratica... e rispetta i periodi di nidificazione.
10/06/2019 - maria teresa
Stamattina ho assistito inorridita allo scempio: alberi belli e palesemente sani tagliati a pezzi... Volevo fotografare il tutto ma sono stata affrontata da una rappresentante dell forze dell ordine che con arroganza e in malo modo mi ha chiesto i documenti al mio rifiuto visto che non c era nessuna ragione ha minacciato una diffida!!! Aggiungo solo che i poveri pini sono un pretesto: le strade di Ravenna sono in condizioni pietose anche dove non ci sono pini.... Via Maggiore sta perdendo piano piano i suoi alberi ma le buche imperversano ovunque.
10/06/2019 - Marina Domeniconi
Buche, voragini, avvallamenti, sgretolamenti in TUTTE le strade di Ravenna. Questi abbattimenti sono il chiaro segnale di prepotenza politica da parte dell'amministrazione. La sicurezza la si mette in atto con un concreto piano di asfaltatura in tutto il comune...ovvio che ci vorrà tempo ma intanto iniziate. I pini di via Maggiore erano sanissimi altroche'.
10/06/2019 - ANDRE
Pini belli ma inadatti...giusto l abbattimento
10/06/2019 - Francesco
Era ora di abbattere questi alberi come anche di rinnovare tutto il il verde che contorno alle strade via Maggiore in particolare a diverse zone pericolosi delle radici affioranti. Certi atteggiamenti di conservazione sono perlomeno ridicoli soprattutto su alberi piantati e coltivati e quindi certamente da rinnovarsi quando diventano pericolosi Certi innamoramenti non merita nemmeno di essere commentati
10/06/2019 - Paolo
Nidificazione..uccelli nidificanti..lo ha scritto anche un altro..ma che tipo di uccelli?? passeri?? gazze ??? storni ???? merli ???? ce ne sono a migliaia e se non fanno il nido li, si spostano in un altro albero !!! I PINI DEVONO STARE IN PINETA non in citta'.- Poi si legge di tiranti...sostegni per la sicurezza..che meraviglia !!!! Ma per favore..........Volevo leggere che quelli del Meet Up, sottoscrivessero un impegno a rimborsare eventuali cittadini che venissero danneggiati da questi alberi...ma non ho letto nulla !!!
10/06/2019 - bilancia
I pini non votano.
10/06/2019 - A
Quante storie inutili per degli alberi palesemente inutili e pericolosi! Davvero non avevate niente di meglio da fare? Poi se ne cade uno e fa dei danni tutti a stracciarsi le vesti per la disperazione... ma ce l'avete il senso del ridicolo?
10/06/2019 - Giovanni lo scettico
Hanno fatto bene a tagliarli, considerato le radici ed il pericolo intrinseco. Basta andare contro le decisioni a prescindere . Sig. ra Maria Teresa non si tratta di democrazia ma si tratta di dar corso a decisioni dopo perizie già effettuate non c è bisogno di aggiungere altro, Ogni pretesto è buono per fare polemiche. Saluti
10/06/2019 - eddaie
Ora voglio vedere se la giunta comunale sinistrina, sarà così veloce nel sistemare via maggiore come lo è stata per abbattere i pini!!!
10/06/2019 - Paolo
Bene ha fatto il comune agire nel bene della collettività. è ora di finirla di enfatizzare una falsa ecologia, che di ecologico ha solo il protagonismo di persone in cerca di visibilità
10/06/2019 - Ivan
Possibile che non si riesca a capire che i pini lungo le strade sono pericolosi,primo per via delle radici che tendono ad emergere dall'asfalto,secondo hanno poche radici e con vento forte possono cadere facendo altri danni,ci vuole così poco a capirlo.Se poi succede qualcosa,subito ad incolpare lìamministrazione comunale di qualsiasi partito che sia.
10/06/2019 - Eva
"...Abbiamo saputo dell'abbattimento dei sette pini il 31 maggio, poi iniziato il 4 maggio...." Cioè nel passato!
10/06/2019 - Maurizio Ricci
Veramente scandaloso! L'Amministrazione Comunale di Ravenna non perde occasione per dimostrare tutta la propria incapacità negli ambiti gestionali della città.
11/06/2019 - Antonia
...."Abbiamo saputo dell'abbattimento dei sette pini il 31 maggio, poi iniziato il 4 maggio. Abbiamo ricevuto le schede identificative e di valutazione degli alberi dal Comune solo venerdì 7 maggio, dopo due solleciti."....(??? n.d.r.) ...."Stamattina ho assistito inorridita allo scempio: alberi belli e palesemente sani tagliati a pezzi"... Io, non ho certamente la pretesa di insegnare alcunchè ad altri per cui, chiedo: i Signori protestanti a prescindere, hanno compreso quale sia (e quale sarà, ancora per qualche tempo) il problema? Forse NO! Un pino sano, ha radici sane...in pineta va bene, sulla pista ciclabile NOOO! Sulla strada NOOO! Il problema sono le RADICI e le DUNE provocate dalle RADICI del PINO MARITTIMO, migrato in città. Questi, sono discorsi ormai 'triti e ritriti' da tempo ma possono servire per riattivare qualche neurone. Buon proseguimento!
11/06/2019 - Ermes
Per me il comune ha agito nell'interesse dei cittadini. E francamente non se ne può più di tutte ste contestazioni. Gli alberi invecchiano e se sono pericolosi vanno tagliati. I recenti fortunali ci insegnano che possono essere molto pericolosi.
11/06/2019 - Kkaudio
Gli albero portano il fresco d'estate. Sfido camminare con 40 gradi all'ombra in Via Maggiore sotto il sole. Le buche sono ovunque ma non si fa niente a parte mettere dei cartelli. Ma si sa, se sono io a tagliare un albero nel mio giardino devo giustificarlo con foto e ripiantarlo in parco pubblico, altrimenti ripiantarlo a distanza dai confini, non posso tagliare rami oltre i 10 cm di diametro, pena multe. Mentre il comune capitozza e abbatte a piacimento. Come a Marina anni fa. Almeno ripiantate altri alberi.
11/06/2019 - danilo
Mi stupisco che non siano stati abbattuti i pini che sono nella zona incrocio fra via Maggiore e via Frignani, dove le radici hanno distrutto l'asfalto sia della strada che del marciapiede con conseguente pericolo per chi ci transita.
11/06/2019 - Marco
Per un errore indipendente dalla Redazione, le date corrette sono queste: "Abbiamo saputo dell'abbattimento dei sette pini il 31 maggio, poi iniziato il 4 giugno. Abbiamo ricevuto le schede identificative e di valutazione degli alberi dal Comune solo venerdì 7 giugno, dopo due solleciti. Sabato 8 il perito convocato con urgenza ha potuto procedere con il sopralluogo.
11/06/2019 - Francesca Santarella
l'abbattimento dei pini in via Maggiore era improcrastinabile, inutile riasfaltare per sistemare i dossi se non si risolve il problema "alla radice", cioè eliminando i pini stessi, basta farsi un giro a P.Marina, un anno dopo la sistemazione di alcune strade sono ricomparsi i dossi forse più alti di prima, bene l'abbattimento ma spero venga prevista una nuova piantumazione di alberi con apparato radicale verticale in modo da garantire l'ombreggiatura necessaria e scongiurare la ricomparsa del "degrado da radici", a tutti gli ecologisti/ornitologi della domenica auguro un'estate serena, la sicurezza dei cittadini deve essere sempre al primo posto!
11/06/2019 - Hypersthene
La santarella deve ancora risolvere il problema dei daini dopo potrà occuparsi dei pini.due problemi dicui occuparsi contemporaneamente sono troppi anche per la santarella
11/06/2019 - Boh
Vergogna i pini simbolo della città - come verranno surrogati i pini abbattuti ? Però se si abbatte un albero a cada proprio bisogna piantarne un altro vero ?
11/06/2019 - Cittadino
Noto che le forze di "polizia" comunali hanno la denuncia facile, è una questione di sicurezza urbana, statistica annuale o cos'altro? L'interruzione di pubblico servizio a mio modesto avviso è tirata per i capelli..........
11/06/2019 - Enrico
Vergogna!!!!! chissà come mai a milano marittima questo problema non esiste..... erano L'unica cosa bella di via maggiore , spero finisca presto questa amministrazione!!!!
11/06/2019 - stefano
Ma si! Abbattiamo, asfaltiamo, cementifichiamo, che meraviglia! Ravenna sempre più bella! L’importante è la sicurezza del cittadino che passeggia con smartphone alla mano e non guarda dove mette i piedi... questi pini dispettosi e pericolosissimi! Tutti i giorni ne cade uno! Un vero pericolo! Dobbiamo favorire la viabilità e il traffico automobilistico che non è pericoloso per la salute e la sicurezza del cittadino, no no.
11/06/2019 - Christian
Vero !!! Cittadino. Se abbatti un albero sei obbligato a ripiantarne un altro ad alto fusto, in difetto dovrai versare un obolo di 50 euro al Comune,,, mi pare di ricordare.
11/06/2019 - Ponzio
@bilancia: mi sembra dai suoi innumerevoli commenti che lei racchiuda in sè le più disparate professionalità. Oltre a quelle di ingengere civile, giurista e avvocato, ci sono adesso anche quelle di agronomo/ornitologo/scienziato ambientale. Donne/uomini/fururi scienziati che studiate e che vi fate il mazzo e sputate sangue e sudore per anni per costruirvi una figura professionale, ma cosa perdete tempo a fare? Formatevi nel bar più vicino a voi! Lì almeno non vi tedieranno di certo nel ricordarvi continuamente che per esprimere un'opinione consistente bisogna quantomeno informarsi e sapere di cosa si sta parlando. P.S. se tra un aperitivo e l'altro ha tempo, visto che è ornitologo, provi a dare un'occhiata qui per estendere almeno la sua conoscenza in merito al numero di specie ornitiche (e loro importanza) presenti sul nostro territorio. Si stupirà nello scoprire che ce ne sono più di 4 https://www.minambiente.it/pagina/direttiva-uccelli
11/06/2019 - Riccardo Beltrami
Vorrei ricordare che una situazione uguale se non più seria e pericolosa è presente anche nella via di "serie B" chiamata Antica Milizia. Li perché non si procede ad abbattere o riposizionare i pini. La carreggiate dx direzione via Poggi è impraticabile. Il manto stradale è anch'esso indecente con buche enormi. Grazie
11/06/2019 - Alberto
Che bello avremo un bel cemento liscio liscio..... evviva il cementoooooooo! Abbasso il verde e gli animali! Il mondo è solo nostro e facciamo quello che ci pare! ...... poi tutti a cercare l’ombra per la macchina
11/06/2019 - Simo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.