CLAMA: Lucy una vita spezzata. Chi ha visto o sentito qualcosa contatti le forze dell'ordine

CLAMA: Lucy una vita spezzata. Chi ha visto o sentito qualcosa contatti le forze dell'ordine
Lucy, femmina di lupo cecoslovacco, morta a causa di bocconi avvelenati

"Quello che è accaduto a Lucy, una femmina di lupo cecoslovacco di 2 anni appena, giocosa, affettuosa e amatissima e che divideva le sue giornate tra il giardinetto interno di sua esclusiva pertinenza, la cuccia grande collocata nel locale a piano terra a riparo dal freddo invernale e dal caldo estivo e la vita in famiglia insieme agli altri due piccoli di casa e i suoi umani, come ci ha testimoniato la proprietaria, ci è rimasto talmente impresso per l'efferatezza e la vigliaccheria del gesto da non dovere passare in silenzio. Da circa un mese, da quel maledetto 10 maggio 2019, di Lucy rimane solo il giardino ormai abbandonato" - scrivono dall'Associazione CLAMA.

"Riamangono i suoi giochi, la palla, la corda, la cuccia con ancora i suoi ciuffi di pelo, le foto di lei cucciola e poi adulta maestosa ma dolce e sempre in cerca di carezze, e tanto dolore e rabbia dei proprietari.
Inutile è stata la corsa disperata dal veterinario, inutili le cure e il soccorso prestato dai medici: ormai i potenti topicidi gettati nel suo giardinetto da una mano omicida ed ingeriti sicuramente alcuni giorni prima non le hanno lasciato alcuna via di scampo; l'esito dell'autopsia parla chiaro.
I proprietari vivono ancora nell'incredulità e nel dolore più profondo perché non è assolutamente comprensibile come qualcuno possa avere compiuto un atto così vigliacco e crudele, da non lasciare scampo, contro un essere indifeso e senza alcuna colpa se non quella appunto di vivere ed essere amato; per alcuni già questa è una colpa trattandosi di animali" prosegue l'Associazione.

"Riteniamo tuttavia che la maggioranza delle persone provi estrema indignazione davanti a gesti simili e condivida con noi, e con la famiglia della povera Lucy, piena condanna morale - sottolinea CLAMA - . La denuncia, come succede in questi casi, è partita d'ufficio da parte degli organi competenti e farà il suo corso, con risultati che - ci auguriamo - se non riporteranno purtroppo in vita la splendida Lucy, le renderanno la giustizia umana che le è dovuta.

"L'appello che facciamo nostro - proseguono dall'Associazione -  come richiesto dai suoi proprietari, è rivolto alle persone che possono avere visto o sentito qualcosa e che, riconoscendo Lucy nella foto, decidano anche anonimamente di fornire testimonianze ed informazioni utili alle forze dell'ordine, anche tramite la nostra Associazione (contatti su www.assclama.org)" 

"Ormai troppo spesso leggiamo sui quotidiani o ci vengono riferite notizie di ritrovamenti di bocconi sospetti o, ancora peggio, di cani avvelenati da sostanze ingerite in passeggiata al parco o in altre zone di passaggio comune. Le corse disperate dal veterinario non sempre garantiscono loro la salvezza; parliamo di esseri innocenti presi di mira da delinquenti vigliacchi che sfogano le loro frustazioni su chi non è in grado di difendersi, a volte con l`intento di colpire un proprietario indisciplinato, un vicino di casa considerato antipatico o in generale la razza canina e felina rea di esistere" sottolienano i volontari.

"Anche oggi su alcune pagine FB è stata pubblicata la foto di polpette impastate con " in Via Verdi, una parte delle quali è stata purtroppo ingerita dai cani di una signora, ora attualmente ricoverati in clinica veterinaria per accertamenti e terapie nella speranza di salvarli. La raccomandazione che rivolgiamo a tutti è quella di condurre sempre il cane al guinzaglio e di vigilare sui suoi passi come angeli custodi; anche le aree di sgambamento dove potrebbero correre tranquilli non sono isole felici ed immuni da rischi, quindi le attenzioni sono sempre e comunque indispensabili, dato che molti cani sono attirati da qualsiasi cosa che reputano anche lontanamente commestibile" concludono dall'Associazione CLAMA .

 

12/06/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
La cattiveria umana non ha limiti!Non solo uccidono un animale innocente ma uccidono moralmente anche i loro proprietari.Questi delinquenti forse gioiscono sapendo com'è lunga ed atroce la morte per avvelenamento.
12/06/2019 - maria teresa
mi dispiace davvero tantissimo, non ho parole, gentaccia senza morale, senza senso civico che, anzichè parlare con i proprietari nell'eventualità fossero stati infastiditi dal cane, di nascosto, agiscono uccidendo il povero cane. Ma che esseri sono??????? un forte abbraccio ai proprietari
12/06/2019 - Manu66
Gente che compie questi gesti non merita di vivere nella società civile. Galera senza se e senza ma.
12/06/2019 - Filippo
La cattiveria è la peggiore delle malattie, rende queste persone ignobili. Un domani saranno ripagati per quello che avranno fatto, complimenti!!!
13/06/2019 - maria
Gente cattiva, gente vigliacca, non pagheranno né per vie legali, né con rimorsi di coscienza in quanto privi di quest'ultima. In casi come questo si spera solo che il detto "tutto torna" sia vero!!! Vicinanza assoluta
13/06/2019 - Gattorosso
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.