Consiglio comunale / Approvata mozione per chiedere a Governo e Regione nuova strada Ravenna-Forlì

Consiglio comunale / Approvata mozione per chiedere a Governo e Regione nuova strada Ravenna-Forlì

Nella seduta di ieri (per chi volesse vederla http://bit.ly/archivio-sedute-cc) il consiglio comunale ha approvato una mozione nella quale si invitano sindaco e giunta a porre all’attenzione di Governo e Regione Emilia-Romagna la necessità di un nuovo tracciato stradale e di un nuovo collegamento ferroviario tra Ravenna e Forlì, alternativi all’attuale Statale 67.

L’approvazione con 24 voti favorevoli (Lega Nord, Forza Italia, Lista per Ravenna, Pd, Sinistra per Ravenna, Pri, Gruppo misto, Art.1-Mdp, Ravenna in Comune, Ama Ravenna, CambieRà) e 1 astenuto (La Pigna) è scaturita da una discussione riguardante due mozioni, presentate una da Veronica Verlicchi (la Pigna) e una a firma Alberto Ancarani (Forza Italia), Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), Samantha Gardin (Lega Nord) e Samantha Tardi (CambieRà), e un ordine del giorno (in allegato) presentato in corso di seduta da Fabio Sbaraglia (Pd), Chiara Francesconi (Pri), Mariella Mantovani (Art.1-Mdp), Michele Distaso (Sinistra per Ravenna) e Daniele Perini (Ama Ravenna).

La convergenza su alcuni punti, in virtù della quale la mozione del primo firmatario Ancarani è stata modificata, ha fatto sì che fosse ritirato l’ordine del giorno e fosse controfirmata la mozione stessa dai presentatori dell’ordine del giorno. E’ stata indicata, oltre alla richiesta di una viabilità alternativa alla Ravegnana, come prioritaria la realizzazione delle varianti alla Statale 16 all'altezza degli abitati di Fosso Ghiaia e di Camerlona, Mezzano e Glorie considerando che quest'ultima potrebbe costituire un tratto della futura E55.

Veronica Verlicchi ha deciso di mantenere la propria mozione, che fa riferimento ad un progetto de La Pigna di un nuovo tracciato a due corsie per senso di marcia che partirebbe dalla E45 a Ravenna e costeggerebbe le Ville Unite per poi arrivare a Forlì. La mozione è stata respinta con 5 voti favorevoli (La Pigna, Lista per Ravenna, Gruppo misto, CambieRà), 15 contrari (Pd, Sinistra per Ravenna, Art.1-mdp, Ama Ravenna, Pri) e 5 astenuti (Ravenna in Comune, Forza Italia e Lega Nord).

Nella discussione sono intervenuti: Veronica Verlicchi (La Pigna), Alberto Ancarani (Forza Italia), Fabio Sbaraglia (Pd), Marco Maiolini (Gruppo misto), Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), Daniele Perini (Ama Ravenna).

12/06/2019

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Magari se fosse anche il Comune di Forlì a chiedrlo si avrebbero più possibilità o unire le forze è disonorevole?
13/06/2019 - agi62
Un nuova strada Ravenna-Forlì, a fare che! il porto ormai è destinato alla pesca e a qualche piccole imbarcazioni di merce! sarebbe meglio sistemare quella che c'è !!
13/06/2019 - bruno
Con i compagni si campa sereni, la rotonda per eliminare il semaforo tra l'Adriatica e la Ravegnana era in previsione nel PRG 83 (piano regolatore uscito nell'anno 1983). Hanno realizzato una rotondina, funzionale mi costa dirlo, dopo la bellezza di 34 anni. Non oso pensare tra quanto potranno essere realizzate le previsioni di una variante o di una sistemazione del collegamento RA-FO. Ps nei 34 anni di attesa si sono trovati i fondi per:1-svincolo con sovrapasso e quadrifoglio completo in via Vicoli (leggi per il consar)2 sovrapasso e svincolo per viale Randi 3-sovrapasso della rotonda romea bassette romea dir.Quindi non era un problema di soldi era un problema di priorità.......
13/06/2019 - paolo
@bruno, forse Lei vive barricato in casa e di quelli che devono spostarsi per lavoro importa poco o nulla, diversamente saprebbe che sulla Ravegnana transitano parecchie centinaia di camion tutti i giorni e migliaia di autoveicoli, tra questi vi sono pendolari che usufruiscono di tale strada per recarsi al lavoro, la vita scorre ad un ritmo sempre più frenetico con sempre meno guadagni e spese sempre più elevate, servono infrastrutture adeguate alla mole di traffico odierno e futuro, e l'attuale Ravegnana è una strada che fu costruita su un argine di un fiume quando al massimo passavano 10/20 automobili al giorno, un cedimento dell'argine ha ampiamente dimostrato quanto sia obsoleta ed inadeguata quella strada generando disagi a non finire per tutti, o forse tutti tranne Lei....
13/06/2019 - Hypersthene
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.