Domenica 22 Gennaio 2017

Le interviste

"È sul territorio, attraverso le risorse e gli operatori che abbiamo lì, che cerchiamo di capire la domanda e dare subito la risposta. In questo senso c’è il riavvicinamento sul territorio, sul campo, fra persone e servizi. Accorciamo le distanze."

Valentina Morigi, una vita a sinistra. Da Rifondazione Comunista a SEL, poi la deflagrazione della sinistra con l’era Renzi e il suo distacco dai compagni di una vita - doloroso, per sua ammissione - per cercare di tenere insieme i cocci del centrosinistra, da sinistra. Ora guarda al tentativo di Giuliano Pisapia, ma non si fa eccessive illusioni. Si butta anima e corpo nel lavoro amministrativo, che le piace. La sua lista civica alle elezioni ha raggiunto il quorum ed eletto un consigliere, a fianco del PD. Lei era assessora al bilancio della Giunta Matteucci ed è stata confermata al bilancio da Michele de Pascale. Ma ora ha un altro assessorato pesante: quello delle politiche sociali. 

Proni: sabato parte la campagna di rilancio del PD, per recuperare iscritti e legami in crisi

Mercoledì 18 Gennaio 2017
Eleonora Proni, segretaria provinciale del PD

In sei anni gli iscritti al partito sono passati da 10 mila a 5 mila, anche se il tesseramento 2016 tecnicamente non è ancora terminato - Il 21 gennaio riparte il tesseramento insieme a una campagna di ascolto

Sabato 21 gennaio parte ufficialmente la campagna di tesseramento 2017 del Partito Democratico, l’unico partito strutturato rimasto sul territorio e presente in tutta la provincia abbastanza capillarmente. Anche se le schiere del PD negli ultimi anni si sono alquanto ridotte. Erano 10.000 gli iscritti in provincia di Ravenna nel 2010, risultano sono la metà alla fine del 2016. Un tracollo in pochi anni. E l’emorragia non sembra arrestarsi, se è vero che nel 2015 gli iscritti erano 6.400 e quindi ne mancano all’appello 1.400 nell'ultimo anno. Ma la segretaria provinciale dei democratici Eleonora Proni - pur non minimizzando il dato - preferisce sottolineare che il suo partito è comunque vivo e ben radicato sul territorio. E punta al rilancio di iscritti e legami con i cittadini.

Simonini e il Progetto per Dante: "Spero il Comune non dorma, rifletta… ma serve subito la proposta"

Giovedì 5 Gennaio 2017
Ivan Simonini

Dante "è il petrolio di Ravenna", dice Simonini, e il Progetto per Dante "deve diventare oggetto del discorso pubblico” ma occorre fare presto, il tempo sta per scadere - Ravenna deve guidare l'alleanza delle città dantesche senza chiudersi in una visione localistica - Rivoluzionaria la proposta di Ravenna Teatro e Ravenna Festival

Dante e la politica locale. O meglio, una politica culturale locale ma non provinciale per Dante. Questo il senso dell'impegno costante e tenace del professore nonchè editore Ivan Simonini negli ultimi mesi. Teme che Ravenna perda l’occasione del 2021 e, con questa, definitivamente il treno per Dante. Non quello che dovrebbe portare i turisti da Ravenna a Firenze e viceversa, ma quello che dovrebbe collegare Ravenna al mondo intero, attraverso la poesia e la popolarità di uno dei più grandi autori della letteratura mondiale, che ha avuto la ventura di venire a chiedere asilo, vivere, scrivere e morire proprio a Ravenna. 

Luca Antonellini ex Capo Area dell'Autorità Portuale Ravenna: ora posso raccontarvi la mia verità

Lunedì 21 Novembre 2016
Luca Antonellini

Andrea Maestri: "Io sto con Antonellini. Siamo pochi, ma anche il coraggio di pochi può salvare il mondo”

Luca Antonellini - ravennate, 53 anni, ingegnere, laureato a Bologna, corsi post laurea alla Luiss e al Politecnico di Milano, curriculum professionale invidiabile, ex Capo Area Pianificazione e Sviluppo dell’Autorità Portuale di Ravenna, arrestato il 5 ottobre, ristretto ai domiciliari e licenziato dall’AP il 14 ottobre scorso - è un uomo libero o quasi. E vuole parlare. Ha l’obbligo di firma e questo gli impedisce, per esempio, di partecipare a un convegno in Australia, cui teneva molto (fra l’altro ci mostra un suo intervento, appena uscito, su una prestigiosa rivista internazionale sulla portualità industriale: è la prima volta che un ravennate è pubblicato su quelle pagine). 

La Casa delle donne di Ravenna, un presidio per fare crescere la cultura di genere

Lunedì 14 Novembre 2016
Barbara Domenichini

A colloquio con la coordinatrice Barbara Domenichini. Venerdì 18 novembre, alle 17:30 in Piazza del Popolo, un flash mob contro il femminicidio. Aderiscono Coordinamento Donne Spi-Cgil e Rete Donne Arci, Udi e Linea Rosa

Il 25 novembre prossimo è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. Secondo una statistica agghiacciante, il 35 per cento delle donne nel mondo ha subito violenza, due terzi delle vittime degli omicidi commessi fra le mura domestiche sono donne. In Italia nei primi mesi del 2016 le donne vittime di femminicidio sono state oltre una trentina. Partendo proprio dal tema del contrasto alla violenza sulle donne e al femminicidio come primo passo indispensabile per un rapporto civile tra i generi, è iniziato un percorso delle  associazioni femminili e femministe che quattro anni fa ha portato alla nascita, a Ravenna, della “Casa delle donne”. Ne parliamo con la coordinatrice Barbara Domenichini.

Michele de Pascale: sui profughi bisogna dire no alla paura, sul Porto servono concordia e decisioni

Venerdì 4 Novembre 2016
Michele de Pascale

Sui servizi sociali il Sindaco conferma che dal 1° gennaio si cambia, non più ASP - che si occuperà solo di residenze per anziani - ma gestione associata da parte dei comuni di Ravenna, Cervia e Russi

Rovesciando l'ordine delle domande, proponiamo oggi la prima parte dell'intervista al Sindaco Michele de Pascale realizzata mercoledì mattina, che verteva su diversi punti e in particolare su tre temi: politiche di accoglienza dei profughi, cambiamenti nella gestione dei servizi sociali e questioni legate al Porto di Ravenna e ai vertici dell'Autorità portuale. La seconda parte, poi diventata la prima, è stata pubblicata mercoledì e riguardava la vicenda di Piazza Kennedy.

Il Soprintendente d'accordo con il Sindaco su Piazza Kennedy: prima terminiamo i lavori e poi...

Giovedì 3 Novembre 2016
Giorgio Cozzolino

Anche Giorgio Cozzolino non è soddisfatto del manufatto installato ma dice, come Michele de Pascale, prima terminiamo i lavori e poi rivediamo l'arredo della piazza

Per alcuni giorni tutti si sono fatti quella domanda: perchè la Soprintendenza ha detto sì agli scatoloni di Piazza Kennedy? Con quale criterio ha scelto? Finalmente questa mattina riusciamo a parlare con il Soprintendente Giorgio Cozzolino che ammette di non gradire la soluzione adottata, anche se lui come il Sindaco ha ereditato la scelta dal predecessore. Entrambi gli eredi concordano su un punto: prima terminiamo la pavimentazione della piazza e poi vediamo come procedere con l'arredo.

Michele de Pascale su Piazza Kennedy: chi protesta per la bellezza fa bene, troveremo una soluzione

Mercoledì 2 Novembre 2016
Michele de Pascale

Il Sindaco insiste: "Prima terminiamo la piazza. E poi il giorno dopo si riconsidera la faccenda dell’arredo urbano. E da qui a quel momento non si farà nulla che renda più difficile rivisitare il progetto" - Le toilettes in piazza sono destinate a scomparire

Intervisto il Sindaco Michele de Pascale di prima mattina nel suo ufficio e su tanti argomenti, per fare un bilancio di questa prima fase del mandato (fra qualche giorno pubblicheremo anche la prima parte dell’intervista, ndr). Terminiamo il colloquio sull’argomento del giorno: Piazza Kennedy. E allora quello che doveva essere solo l’ultimo brano della nostra conversazione diventa un’intervista a se stante. Malgrado la questione delle toilettes non sia così qualificante, l’intervista su Piazza Kennedy merita di diventare un pezzo singolo. 

Eraldo Baldini: "La festa di Halloween? Ha origini europee al cento per cento"

Sabato 29 Ottobre 2016
Eraldo Baldini

Lo scrittore noir e studioso di folklore spazza via luoghi comuni e inesattezze che sono state spesso causa di polemiche. In un saggio, scritto a quattro mani con Bellosi, spiega come la festa abbia origini antiche anche da noi

Zucche gialle e panciute troneggiano sulle bancarelle dei negozi di frutta e verdura, almeno da un paio di settimane. Iera sera Ravenna era invasa da orribili mostri. Lunedì prossimo, al calar delle tenebre, streghette, fantasmini e scheletrini vocianti, accompagnati da genitori “in borghese” suoneranno ai campanelli delle nostre case intimandoci il tradizionale: “dolcetto o scherzetto”. Insomma, Halloween è alle porte. Ma da quando appunto quello con Halloween è diventato un appuntamento ormai irrinunciabile per grandi e bambini, puntuali sono arrivate le polemiche.

Aurelio Lavatura, l'uomo che tentò l'impresa di imparare la Divina Commedia a memoria

Venerdì 14 Ottobre 2016

Lavatura che si occupa di vini nel negozio di famiglia, ha incominciato ad appassionarsi a Dante otto anni fa, quando il figlio che faceva il liceo classico studiava il poema dantesco. Oggi conosce a mente tutto l'Inferno e sta affrontando a tappe il Purgatorio e il Paradiso

Quella fra Aurelio Lavatura e la Divina Commedia è la storia di una grandissima passione. Una passione nata circa otto anni fa e che lo ha convinto a cominciare ad imparare tutto il poema dantesco a memoria. Ha già mandato a mente tutti i canti dell'Inferno e, “a tappe”, sta affrontando il Purgatorio e il Paradiso.

Parla Ulisse Bezzi, il fotografo contadino esposto a New York, diventato un idolo degli appassionati

Mercoledì 5 Ottobre 2016

Ulisse Bezzi vive con la moglie Giulia nella campagna di San Pietro in Vincoli. Tutto intorno terra coltivata e qualche casa sparsa, in un bel pomeriggio soleggiato di ottobre. La terra di Romagna. La sua terra. Del resto lui è ormai conosciuto dagli appassionati di fotografia in tutto il mondo come il fotografo contadino. Terra e fotografia. 

Elsa Signorino: una signora al timone della cultura, per innovare, integrare e fare rete

Lunedì 3 Ottobre 2016
Elsa Signorino

Ecco ciò che bolle in pentola per le istituzioni culturali cittadine: Ravenna Festival e il MAR, RavennAntica e le Biblioteche, infine Dante 2021 - Con un occhio alla ricostruzione dell'Assessorato e alla ricerca di nuove vie di finanziamento per la cultura

Elsa Signorino è una donna forte e determinata. Dietro un'indubbia bonomia generata da un’innata signorilità, mostra una scorza dura e una notevole tenacia. Per questo il Sindaco Michele de Pascale l’ha voluta con sé per ricostruire l’Assessorato alla cultura di Ravenna. Già, proprio quell’Assessorato che è stato per decenni un fiore all’occhiello dell’Amministrazione cittadina e che poi durante gli anni di Ravenna2019 e della diarchia dei "due assessori" ha subìto alcuni colpi e contraccolpi. Ora c’è da rilanciare la struttura, rivedere l’architettura delle istituzioni culturali e ripensare alla politica culturale del futuro. 

Fagnani assessore on the road, fa il punto su Piazza Kennedy, strade e incrocio della Classicana

Venerdì 30 Settembre 2016
Roberto Fagnani

E sulle grandi opere dice: puntiamo alla Ravenna - Ferrara Mare e a sbloccare le altre infrastrutture

Assessore ai Lavori Pubblici, alla Mobilità e alle Grandi infrastrutture, Roberto Fagnani è uno degli assessori di peso della Giunta de Pascale. Entrato a Palazzo Merlato a pochi mesi dalle elezioni, per sostituire Enrico Liverani, morto prematuramente, Fagnani si è subito distinto per il suo attivismo. Del resto, occuparsi di lavori pubblici significa “esserci” come dice lui. Essere sulla strada, sul campo. Insomma, un assessore on the road

Costantini e il turismo che verrà: trasformiamo la nostra unicità in buoni prodotti da vendere

Sabato 17 Settembre 2016
Giacomo Costantini

I dati dell'estate sono buoni: a giugno più 12% negli arrivi e più 7% nelle presenze; in luglio siamo a quota più 16% negli arrivi e più 11% nelle presenze - Si va verso qualcosa di nuovo per la Notte d'Oro e il Natale - Ma la vera sfida è nella creazione di prodotti, nella vendita e nei collegamenti

Giacomo Costantini, neo Assessore al Turismo, con una delega pesante nella squadra di Michele de Pascale, è uno dei quadri emergenti del PD ravennate. Prima dell'ingresso in Giunta, si era parlato di lui anche per una candidatura in Consiglio regionale e addirittura di una sua possibile discesa in campo per la carica di Sindaco, eventualità poi rientrata quando le primarie sono finite in un cassetto e in Viale della Lirica hanno puntato su Liverani prima e de Pascale poi. 

Agente Chiara: non sono razzista e faccio lo sciopero della fame finchè le autorità non si muovono

Lunedì 22 Agosto 2016

L’Agente di Polizia ha un nome: Chiara. La vicenda è nota. Il suo post “arrabbiato” su Facebook, scritto a caldo dopo che alcuni parcheggiatori abusivi l’avevano importunata e insultata, ha scatenato un pandemonio. L’abbiamo sentita due volte al telefono, Chiara. La prima volta era molto scossa, piangeva e non ha voluto parlare. Oggi è più tranquilla ed è disposta a confessarsi. Anche se non si fida molto di ciò che scrivono i giornali. 

Eleonora Proni: traghetto il PD al congresso, punto a un partito aperto e unito e faccio il Sindaco

Sabato 6 Agosto 2016

Segretaria con il doppio incarico Proni tiene a precisare che prima di tutto è e resta Sindaca di Bagnacavallo

Eleonora Proni, neo segretaria del PD - eletta ieri sera all'unanimità - e Sindaca di Bagnacavallo ha avuto una mattinata durissima, senza respiro. Ci dovevamo sentire alle 11 per un'intevista, riusciamo a parlarci al telefono solo alle 13. Sono le prove generali del doppio incarico. Un assaggio delle difficoltà che l'aspettano. Lei non si tira indietro. Ma precisa che prima di tutto è Sindaca di Bagnacavallo e il suo primo impegno resta quello verso i suoi concittadini che l'hanno eletta.

Parla Riccardo Sabadini, nuovo Presidente Sapir: mi metto subito al lavoro con rispetto e umiltà

Mercoledì 3 Agosto 2016
Riccardo Sabadini

"Chi è venuto prima di me in Sapir ha lavorato bene e ha lasciato un’azienda sana, che nell’ultimo anno ha chiuso con un utile di esercizio di 4,6 milioni di euro: non sono tante le aziende in grado di presentare bilanci di questo genere"

Riccardo Sabadini, avvocato, 59 anni, da questa mattina è il nuovo Presidente della Sapir Porto Intermodale Ravenna. Sapir è oggi il principale Terminal Operator del Porto di Ravenna e uno dei più grandi in Italia. Gestisce un'area di 520.000 mq e dispone di 1.700 ml. di banchine con un fondale di 10,50 metri. 

Luca Grilli, Compagnia Portuale: tre cose per il porto, escavi, nuove banchine e buona viabilità

Venerdì 29 Luglio 2016
Luca Grilli

La Compagnia Portuale è una colonna portante del Porto di Ravenna. Presta lavoro praticamente per tutti gli operatori del porto, "dalla punta estrema della diga di sinistra a quella di destra, lavoriamo per tutti" ci dice con una punta di orgoglio il giovane Presidente Luca Grilli. Gruppo Compagnia Portuale ha un indotto che interessa circa 600 persone, 342 sono i singoli soci e oltre 160 i dipendenti; poi ci sono le officine che svolgono un servizio di supporto al lavoro dei portuali e c’è il personale per la gestione amministrativa. 

Michele de Pascale, un mese dopo: a capo della Provincia ma senza stipendio, per fare squadra

Martedì 19 Luglio 2016
Michele de Pascale

Il nuovo Sindaco fa il punto della situazione su Porto, Piazza Kennedy, Asp, Istituzioni culturali, Turismo e Darsena e parla della sua lista per la Provincia: mi impegno per spirito di servizio, per tenere insieme i nostri Comuni, e lo faccio d'accordo con gli altri Sindaci, dice in sostanza

I suoi primi passi erano molto attesi e sono stati molto criticati. Aveva promesso il cambiamento. Ma le prime scelte in merito alla squadra e allo staff hanno fatto storcere il naso a parecchi. Chi lo ha accusato di avere tradito il cambiamento. Chi di non avere avuto coraggio. Chi di avere pagato dei pegni. Lui, il nuovo Sindaco Michele de Pascale, tira avanti per la sua strada. Non si aspettava rose fiori. Le critiche, par di capire, le aveva messe nel conto.

Ravenna Festival 2016: dopo un'edizione da incorniciare, "squadra che vince non si cambia"

Venerdì 15 Luglio 2016
Antonio De Rosa

Intervista al Soprintendente De Rosa: "Abbiamo dato una scossa elettrica alla città" - Triplicati gli appuntamenti, superata la previsione d’incasso con oltre 600.000 euro dal botteghino e quasi 50.000 spettatori

Antonio De Rosa, Sovrintendente della Fondazione Ravenna Manifestazioni, è stanco ma molto soddisfatto. Dopo tre mesi di apnea, ha appena concluso la maratona del Ravenna Festival 2016, un’edizione “da incorniciare” sottolinea, terminata con il grande concerto di Joan Baez, amata folksinger, icona delle battaglie pacifiste e per i diritti civili, che in un festival dedicato a Nelson Mandela e al suo lungo cammino sulla strada per la libertà ci stava come la classica ciliegina sulla torta.

Raccontare significa indagare. Intervista a Stefano Mordini

Venerdì 15 Luglio 2016
Stefano Mordini

Intervista col regista marradese, classe 1968, ravennate d'adozione e nomade di spirito, per parlare del suo ultimo film, "Pericle il nero", in concorso a Cannes per la sezione "Un Certain Regard"

Mordini mi aspetta seduto sul tavolino del bar, nel punto più trafficato di Ravenna, davanti a Piazza Baracca, quasi avesse nostalgia del traffico romano col quale convive da quasi dieci anni. Mi sorride, ma sembra un po' stanco, si accende una sigaretta. Tra qualche ora partirà di nuovo.

Ciao MAR! È stato bello, ma poteva essere meglio. Intervista a Claudio Spadoni

Giovedì 7 Luglio 2016
Claudio Spadoni con Vittorio Sgarbi

Un dialogo con Claudio Spadoni, storico dell'arte, anima del MAR di Ravenna dal 2002, per fare il bilancio di una lunga stagione artistica e riflettere sul futuro del nostro polo museale ed espositivo

Incontriamo Claudio Spadoni in tarda mattinata al MAR. C'è uno strano fermento: camion, operai, sculture di Dalì compaiono ieratiche proprio davanti all'atrio. È il vernissage al contrario, sono le opere della mostra La seduzione dell'antico che se ne tornano a casa loro.

Mauro Samaritani (Ormeggiatori) sul porto: "Se facciamo le cose giuste, possiamo fare grandi cose”

Giovedì 30 Giugno 2016
A destra Mauro Samaritani Presidente del Gruppo Ormeggiatori

Il Gruppo Ormeggiatori del Porto di Ravenna viene costituito a Ravenna nel 1973 e assume la forma giuridica di Società Cooperativa il 1° agosto del 1992. Aderisce a Legacoop Romagna e anche a Confindustria Romagna, Sezione Porto. Mauro Samaritani è Presidente al secondo mandato, rieletto un anno fa e in carica fino al 2018. Lo intervistiamo nella palazzina di Via della Fabbrica Vecchia a Marina di Ravenna – sul Canale Candiano, proprio di fronte alla Centrale Enel - dove il Gruppo è di casa e da dove sovrintende a tutte le operazioni che gli competono. Tante e delicate.

Le ragioni del no. Intervista a Gianfranco Pasquino

Domenica 26 Giugno 2016
Un momento dell'incontro di venerdì sera, da sinistra Gianfranco Pasquino, Andrea Mignozzi e Maria Paola Patuelli

Una chiacchierata con Gianfranco Pasquino, professore emerito di Scienze Politiche dell'Università di Bologna, per sapere meglio che cosa c'è in ballo col referendum costituzionale di ottobre e per capire le ragioni del “no”

Il Parco John Lennon di Mezzano è frequentato più da bugs che da beatles. Libellule, zanzare e altri esseri con le antenne per cui mi mancano le parole ci svolazzano intorno, ma a lui non sembrano affatto dare fastidio, anzi. Il professor Gianfranco Pasquino siede serafico sotto il chiosco, le lenti fotocromatiche dei suoi occhiali celano il suo sguardo. Risponde alle domande con un aplomb e una pacatezza che potrebbero essere orientali, se non fosse per il signorile accento piemontese.

Giuseppe Meli, Comandante e Presidente AP pro tempore: porto al centro del dibattito e delle scelte

Venerdì 24 Giugno 2016
Giuseppe Meli

Sulla nomina a breve del nuovo Presidente dell’Autorità Portuale: "Un passaggio utile e necessario perché il nuovo Presidente dovrà prendere insieme agli organismi competenti decisioni fondamentali per il futuro del Porto di Ravenna. Noi gli lasceremo una serie di ipotesi di lavoro che lui dovrà valutare per decidere poi come meglio crede”

Giuseppe Meli, molisano, classe '59, dal 2013 è Direttore Marittimo dell’Emilia Romagna e Comandante della Capitaneria di Porto di Ravenna. Dal 4 marzo scorso è anche Commissario straordinario dell'Autorità Portuale di Ravenna dopo la turbolenta gestione di Galliano Di Marco. Il 28 gennaio 2016 Meli è stato insignito del grado superiore di Contrammiraglio, promozione ufficializzata con Decreto Interministeriale.

Ravenna vota al Ballottaggio: le ultime interviste a Michele de Pascale e Massimiliano Alberghini

Venerdì 17 Giugno 2016

Video interviste parallele prima del voto - Sei domande ad entrambi i candidati, che non avevano limiti di tempo nelle risposte - Le interviste sono state realizzate ieri pomeriggio, prima della mareggiata di questa notte che ha colpito i lidi ravennati

Ravennanotizie.it conclude la sua cavalcata elettorale iniziata l'estate scorsa - con l'intervista al Prefetto Fulvio della Rocca - dando la parola per l'ultima volta ai due contendenti che domenica 19 giugno al ballottaggio si sfidano per conquistare Palazzo Merlato e il governo di Ravenna per i prossimi 5 anni. Da una parte, Massimiliano Alberghini candidato di Lista per Ravenna, Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia. Dall'altra, Michele de Pascale candidato del Pd, del Pri e di altre 5 liste di centro sinistra.

I re delle preferenze / Massimo Cameliani, l’uomo delle 13 deleghe e delle 1000 preferenze

Mercoledì 8 Giugno 2016
Massimo Cameliani

"Abbiamo capito il segnale che ci è arrivato e sapremo cambiare sul serio. Cambieremo con una nuova classe dirigente di giovani, guidata da un Sindaco di 30 anni che si chiama Michele de Pascale”

Massimo Cameliani, assessore uscente, PD, dalle urne ha portato a casa un personale exploit: 1.062 voti di preferenza. Più votato della sua stessa capolista Livia Molducci. È stato il più votato di tutti, quanto a preferenze. “E non era scontato, perché chi ha governato a volte viene penalizzato dal voto” ci tiene a dire Cameliani con una punta di orgoglio. 

I re delle preferenze / Alvaro Ancisi, il perdente di lusso che stavolta vince con un passo indietro

Mercoledì 8 Giugno 2016
Alvaro Ancisi

“Bisogna dare una scossa a questa città. Senza una vera scossa non possiamo liberare le energie che esistono ma che restano compresse e imbrigliate da questo sistema di potere che governa da mezzo secolo”

Alvaro Ancisi è molto soddisfatto e insieme un pochino deluso. Ma la soddisfazione per avere costretto il PD al ballottaggio è di gran lunga maggiore della delusione per il risultato della sua lista, Lista per Ravenna, che rispetto al 2011 perde quasi 2 punti in percentuale. “Siamo sempre la quarta lista di Ravenna su 14” dice con uno scatto di orgoglio. 

IL DOPO VOTO / Michele de Pascale: la corsa continua e alla fine arriveremo primi noi

Lunedì 6 Giugno 2016
Michele de Pascale

Michele de Pascale, sostenuto da Pd, Pri, Sinistra per Cambiare, Insieme x Cambiare, Italia dei Valori, Ama Ravenna, Ravviva Ravenna ha conquistato ieri 34.077 voti pari al 46,5% dei consensi. Una bella dote, ma evidentemente non sufficiente a chiudere la partita al primo turno. Così ora rischia al ballottaggio di domenica 19 giugno. Il suo competitore Massimiliano Alberghini è indietro, deve recuperare ben 18,5 punti in percentuale, più o meno 15.000 voti. Ma come l'esperienza insegna, al ballottaggio molte cose possono accadere.

IL DOPO VOTO / Massimiliano Alberghini: il sistema di potere PD si può battere, ora tutti a votare

Lunedì 6 Giugno 2016

Massimiliano Alberghini, candidato Sindaco sostenuto da Lega Nord, Lista per Ravenna, Forza Italia e Fratelli d'Italia, ha conquistato ieri 20.500 voti pari al 27,97% dei consensi. Le liste che lo sostenevano hanno ottenuto 650 voti in meno di lui: Lega Nord 10.566 voti pari al 14,83%; Lista per Ravenna 4.526 voti pari al 6,35%; Forza Italia 3.549 voti pari al 4,98% e Fratelli d'Italia 1.205 voti pari all'1,69%. Ma, soprattutto, Massimiliano il commercialista mite è ora al ballottaggio contro l'uomo del PD de Pascale.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it