Due studentesse dell’Accademia di Belle Arti con Marco Bravura in Russia, nella rete Unesco delle città creative

L’importante attività culturale del filantropo Ismail Akhmetov, fondatore della Casa della Letteratura, divenuta un centro riconosciuto e influente a livello nazionale, e la grande attività artistica del mosaicista Marco Bravura, da anni residente artistico nella Casa, hanno facilitato la creazione di partnership in molti campi creativi tra Russia e Italia.

L’apertura della mostra “Alchimia contemporanea“, che espone opere permanenti di Marco Bravura, di sua figlia Dusciana Bravura e dei suoi allievi a Tarusa, ha permesso l’installazione di due opere musive realizzate dalle studentesse dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna, Andreina Cristino e Marta Severgnini, destinate al Parco delle Arti con lo scopo di abbellire permanentemente il tessuto urbano della città, che fa parte della rete Unesco delle città creative.

Le due studentesse hanno preso parte a questo progetto grazie al premio Tesi che da anni offre agli studenti l’esperienza unica di risiedere in Russia per tre mesi, partecipando così alle lezioni del professor Marco Bravura come è stato precedentemente per Matylda Tracewska, Silvia Naddeo, Samantha Holmes, Roberta Grasso e Sergio Policicchio, i quali hanno già intrapreso un brillante percorso artistico.

La cooperazione tra l’associazione Akhmetov e l’artista Bravura, insieme al contributo dato dalle studentesse dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna, ha consentito di mantenere saldo il rapporto internazionale, promuovendo il patrimonio culturale ravennate in Russia.