Quantcast

Parte la raccolta fondi per acquistare 3 lettini da donare alla Pediatria di Ravenna

Migliorare il confort dei bambini ricoverati nel reparto di pediatria di Ravenna. Questo l’obiettivo che si è data Fortunata Franchi, titolare del nido Crescere Insieme di via Lago di Garda, che ha dato vita dal nulla ad una raccolta fondi per acquistare 3 letti pediatrici da 0 a 4 anni per i piccoli pazienti del reparto.

insieme si può

Letti che attualmente non esistono: i giovanissimi ricoverati, se neonati, vengono posti nelle cullette prese a prestito dalla maternità, ma questo vale solo fino ai primi 40 giorni circa di vita. Poi, a disposizione ci sono i letti standard, che si possono trovare in qualunque reparto ospedaliero, troppo grandi e alti per dei bimbi di un anno e mezzo o due.

“L’idea è nata in modo estemporaneo – spiega Fortunata -: gestisco un asilo nido e due mesi e mezzo fa sono stata contattata dalla mamma di un mio piccolo utente, che aveva avuto un attacco convulsivo in seguito ad una febbre. Li ho accompagnati in ospedale e quando è stato suggerito il ricovero,  è stato proposto alla mamma di stare nel letto con il bambino oppure utilizzare la poltrona, perchè il letto era molto grande per lui solo. Mi è sembrata una cosa assurda. Ne va del benessere e del confort dei pazienti e delle loro famiglie”.

Da quell’esperienza è nato un lavoro di contatti, sia con i dirigenti Ausl che con la politica locale, per poter avere i letti adeguati in pediatria, cosa che alla fine ha dato vita alla campagna di raccolta fondi, patrocinata da Comune di Ravenna e Ausl Romagna, con il contributo di La Bcc e Cna Ravenna.

Hanno aderito molti negozi, che ospitano l’urna dove poter inserire le offerte di chiunque voglia contribuire con una donazione al progetto. Urne che verranno ritirate l’8 novembre, quando verranno aperte alla presenza di un notaio, che certificherà la trasparenza di tutta l’operazione. Nel frattempo è partita anche una omologa raccolta fondi online attraverso un conto corrente dedicato. Queste le coordinate bancarie a cui effettuare le donazioni:

iban 22W0854213110044000310996 intestato a Crescere insieme, Insieme si può. Banca La BCC.

Tutto il ricavato verrà poi donato alla pediatria per l’acquisto di questi tre lettini, che hanno un costo di circa 8.500 euro.

Questi i negozi in cui è possibile donare:

Sogno del Bambino di Ravenna
Sogno del Bambino Lugo
I 2, abbigliamento
LolliPop, scarpine
Bar Claudia
Farmacia Montanari
Foto Badessi
Pubblica Assistenza città di Ravenna
Amoa parucchiera
Edicola Sandra
Cipria abbigliamento
La Birba
Piadina in curva
Trattoria la Rucola
Rafló sapori di casa
Asilo nido Parini
Conad-Cofra Bassette
Scuola materna Bucchi
Pasticceria Vela Bianca
Pizzeria Ristorante Il Molinetto
Centro estetico ADA
Bar Centrale di Russi
Distributore ENI via Ravegnana.
Giro Giro Tondo cartoleria
Nonna Iride forno
Farmacia Gallina di Godo
Market Crai Porto Corsini
Bar Operaia San Pancrazio
La Piadineria Dopo sole
Pirilampo
Farmacia Bassette
Ciccio Pizza
Erboristeria Il Girasole
Parucchiera Virna e Morena
Libreria Momo
Macelleria Zaffi
La mimosa fiorista
EGO parucchieri
My Home di Cesena
Estetica Ely
Assicurazioni ITAS via le Corbusier Ravenna
Nido “Cescere insieme”
Taka Tuka, giocattoli

Punto cartoleria-giocattoli- calzature di Savarna

Caffè del Teatro Savarna

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Daddo

    Complimenti per l’ iniziativa e l’ intraprendenza che non è mai abbastanza quando si tratta dei più deboli. Mi permetto però di evidenziare come 24mila€ per il bilancio della Ausl Romagna sia davvero irrisorio; come mi aspetterei di trovare già questi lettini pagando già notevoli aliquote di tassazione.
    Ripeto nobile sensibilizzazione ma qualcuno dovrebbe farsi più di una domanda dopo questa vicenda