Unione. Tablet collegati ai varchi elettronici anche per Carabinieri e Polizia di Stato

Giovedì 26 settembre il presidente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna Davide Ranalli e il sindaco referente per la Sicurezza dell’Ucbr Daniele Bassi hanno consegnato a Polizia di Stato e Carabinieri i tablet con cui riceveranno le segnalazioni dei varchi elettronici installati nel territorio.

Alla consegna erano presenti il commissario capo e vicequestore Antonio Demurtas, il Luogotenente dei Carabinieri Mario Ricci, il Maresciallo Maggiore Alfonso Francavilla, la comandante della Polizia locale della Bassa Romagna Paola Neri e il dirigente Innovazione Tecnologica dell’Ucbr Marco Mondini.

I nuovi strumenti garantiranno una maggior sinergia nel controllo del territorio da parte di tutte le forze dell’ordine. In questo modo, le segnalazioni dei varchi arriveranno, oltre che alla Polizia Locale della Bassa Romagna, anche a Polizia di Stato e Carabinieri.

“L’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha deciso, fin dalla scorsa legislatura, di investire sulla sicurezza dei cittadini attraverso i varchi elettronici installati in tutto il territorio – ha spiegato Davide Ranalli -. Al momento sono sedici quelli operativi ma entro fine anno ne sarà attivato un diciassettesimo. Si tratta di un investimento fortemente voluto, in un’ottica anticipata dal Patto per la sicurezza, firmato nell’aprile dell’anno scorso, con la prefettura di Ravenna”.

“Portiamo avanti un lavoro che abbiamo iniziato nella scorsa legislatura per far sì che il nostro territorio sia sempre più ostile a chi vuole delinquere – ha dichiarato Daniele Bassi -. I tablet che consegniamo oggi sono un utilissimo strumento perché consentiranno di favorire la collaborazione tra le forze dell’ordine. Lo sforzo dell’Unione per garantire la sicurezza dei cittadini non si ferma, ma anzi prosegue anche grazie all’assunzione di undici nuovi agenti di Polizia Municipale”.

“La collaborazione tra Polizia Locale e le altre forze dell’ordine è sempre stata forte – ha aggiunto Paola Neri -. Grazie a questa sinergia siamo riusciti ad avere sorprendenti risultati, che continueranno anche grazie a questi nuovi strumenti”.

I rappresentanti di Polizia di Stato e Carabinieri hanno ringraziato l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna per i tablet donati, sottolineando l’importanza della sinergia tra forze dell’ordine e Amministrazioni locali per garantire una maggiore sicurezza.

In Bassa Romagna sono sedici i varchi operativi per la rilevazione delle targhe, dislocati con l’obiettivo di controllare i principali punti di accesso al territorio della Bassa Romagna.

In particolare, i varchi sono stati così dislocati sul territorio: uno ad Alfonsine, tre a Bagnacavallo, uno a Bagnara, due a Conselice, tre a Cotignola, uno a Fusignano, tre a Lugo, uno a Massa Lombarda e uno a Sant’Agata sul Santerno.

Le telecamere coprono entrambe le corsie e, oltre a riconoscere automaticamente la targa, inviano segnalazioni in tempo reale in caso di passaggi di veicoli non assicurati e non revisionati, corredando la registrazione del passaggio con diverse informazioni, come il proprietario, la tipologia di veicolo, la marca e il colore.