Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Enpa Ravenna: “Il disastro della Valle della Canna è strage annunciata. Enti locali latitanti

Il disastro ecologico della Valle della Canna non dovrebbe stupire ed indignare più di tanto.

Da molti anni, infatti, nel periodo estivo, in modo più o meno grave si lanciano appelli e proclami per quanto accade in quell’area valliva.

Il guaio è che gli enti locali i quali dovrebbero vigilare, prevenire ed evitare cotali situazioni, sono da troppo tempo latitanti.

Anche questa volta per alleggerire le proprie responsabilità nel disastro ecologico, si incolpa il clima e la siccità.

Capri espiatori fin troppo spesso ricorrenti ed ai quali non abbocchiamo.

La situazione dell’ambiente ravennate è indecente: Punte Alberete è una discarica a cielo aperto, le pinete di Classe e San Vitale versano in una condizione di avvilente incuria, la Pialassa dei Piomboni è preda di un inquinamento sorprendente, la Pialassa della Baiona è costantemente dragata da vongolari clandestini, la pineta Ramazzotti, alcuni anni or sono, andò in fumo e così via.

Abbiamo il sospetto che a certi amministratori non dispiacerebbe se di tutte le nostre ricchezze naturali si facesse un bel falò, sul tipo di quelli californiani, questo per togliersi di torno un problema economico e gestionale che non porta voti.

Se però a muoversi è una ragazzina che, giustamente, denuncia i grandi problemi che attanagliano il pianeta ecco che i politici fanno a gara per mettersi in evidenza e diventare i paladini più combattivi per la salvezza del mondo.

Ebbene, di fronte a cotanta mobilitazione, gradiremmo sapere se gli studenti ravennati sono mai scesi in piazza per manifestare pro o contro a quanto sta accadendo da troppo tempo qui nel loro territorio.

Le associazioni venatorie hanno comunicato che i loro volontari si sono prodigati per soccorrere e recuperare gli uccelli e i pesci in agonia o già morti.

Ne prendiamo atto, ma non possiamo tacere sul fatto che proprio in questi giorni certi cacciatori abbiano continuato a sparare nella valle retrostante a Marina Romea, ovvero, è proprio il caso di dirlo, ad un tiro di schioppo dal cimitero della Valle della Canna.

Carlo Locatelli Presidente Enpa