Quantcast

Gestione della Valle della Canna. Il PRI di Ravenna suggerisce separazione dei territori ravennati

Più informazioni su

Il PRI di Ravenna ha avanzato, nei giorni scorsi, una proposta in merito alla gestione della Valle della Canna e delle aree naturali dichiarando la necessità, al fine di risolvere i problemi che si sono verificati in quelle aree di particolare pregio ambientale, di separare i territori ravennati del Parco del Delta, dando vita, in questo modo ad un nuovo ed ulteriore Ente Parco.

Di seguito le considerazioni del PRI di Ravenna:

Nel merito riteniamo l’istituzione di un nuovo ed ulteriore Ente Parco costituiti dai soli territori ravennati oggi ricompresi all’interno del Parco del Delta una proposta che non coglie il problema che ha generato i fatti che hanno interessato, da ultimo, la Valle della Canna.

Si è, infatti, stati in presenza di una conclamata incapacità organizzativa e gestionale dell’Ente Parco, ma anche direttamente del Comune di Ravenna, che ha un interesse primario alla buona gestione ambientale delle aree naturali di cui stiamo parlando.

Non vi è, dunque, bisogno di un altro Ente Parco, la cui istituzione, com’è evidente, di per sé non garantirà una diversa e migliore capacità di manutenzione ordinaria e straordinaria, oggi assente, delle aree naturali e delle valli.

Ciò che occorre è costruire una effettiva capacità organizzativa e gestionale che si può realizzare in due modi: o innalzando la qualità della gestione delle aree naturali e delle valli, a cominciare dalle strutture del Comune di Ravenna oppure affidando la gestione a soggetti terzi locali dotati di provata esperienza e conoscenza della gestione delle aree naturali, garantendo la fruizione a fini venatori, turistici e scientifici. Una diversa risposta rispetto a questo significa parlare d’altro.

Il metodo suggerito dal PRI Ravenna:

Quanto al metodo, ci si chiede quando e dove il PRI di Ravenna abbia elaborato, esposto e discusso la proposta formulata e soprattutto quale organismo l’abbia approvata.

Di certo quella approvazione non è mai arrivata dagli organi di direzione politica  del PRI ravennate, organi che non hanno avuto la possibilità, su questo e su qualsiasi altro tema amministrativo della città, né di ascoltare alcuno degli amministratori repubblicani né, di conseguenza, di discutere alcuna proposta e questo da anni, come abbiamo denunciato più volte, senza alcuna risposta e con molti cenni di fastidio. Sulla mancanza di democrazia interna al PRI di Ravenna non intendiamo continuare a tacere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pietro

    Non ho capito il senso dell’articolo: il PRI all’inizio propone di separare le zone ravennati dal Parco del Delta E-R e farle gestire da un altro ente e poi spiega che è inutile? Mah, qualcosa non torna

  2. Scritto da cromwell

    Ma quanti PRI ci sono?

  3. Scritto da Alan

    Passi il ponte sul Po, ed a Boccassette, a Barricata la situazione è nettamente migliore.in Veneto son piu bravi.
    Perfino il ferrarese reagisce, nuovo lungocanale a Portogaribaldi.
    Svegliatevi dalle poltrone , amministratori ravennati e non, siete voi il problema.