Federalberghi Ascom Cervia: “Settore ricettivo molto penalizzato negli ultimi anni”

Federalberghi Ascom Cervia “conviene nello sforzo dell’amministrazione comunale nella volontà di non aumentare le tasse locali” e rileva che “il settore ricettivo è stato molto penalizzato negli ultimi anni e riteniamo che lo sforzo richiesto alla nostra categoria sia notevole, soprattutto se inserito in un contesto di difficoltà come quello attuale. Comprendiamo le difficoltà nel chiudere i bilanci, ma nella programmazione degli investimenti per il 2020 e successivi, dobbiamo constatare l’assenza di risorse per nuove infrastrutture specie di tipo Sportivo di cui Cervia ha un disperato bisogno (il Palazzetto dello Sport non è sufficiente e addirittura troppo spesso non è disponibile, soprattutto nei mesi cruciali per il turismo). Chiediamo all’amministrazione comunale di iniziare sin da subito a destinare risorse nella progettazione e scouting per realizzare a breve e non in un altro mandato, l’ossatura della nostra industria”.

Federalberghi Ascom Cervia continua: “L’amministrazione comunale è chiamata in questo momento a scelte importanti e coraggiose, la nuova programmazione dei parcheggi ne è un esempio lampante (oltre 1000 nuovi stalli a pagamento fra Cervia e Milano Marittima), ma bisogna valutare sempre il rapporto tra benefici e impatti negativi sulle economie locali. La verità è che il conto di queste scelte è nuovamente a carico del settore turistico ed in questo caso anche del commercio. È chiaro che certi sacrifici si farebbero più volentieri se ci fosse almeno un progetto ed un obbiettivo di medio termine”.

In particolare Federalberghi Ascom Cervia “ritiene che il combinato disposto: righe blu e cancellazione ZTL (operazione per la quale già in precedenza avevamo avanzato molti dubbi) nelle traverse di Milano Marittima si traduca nell’impossibilità sistematica dei clienti degli hotel interessati di trovare parcheggio: siamo piuttosto convinti che si possa valutare soluzioni miste, differenziate da traversa a traversa, in relazione alle esigenze degli operatori e alle caratteristiche delle vie stesse. La riqualificazione urbana è altrettanto importante, quindi apprezziamo molto l’impegno nel modernizzare lungomare, porto canale, nel recuperare la Pineta di Milano Marittima (ci auguriamo che si possano accelerare i tempi, non possiamo permetterci di stare fermi anni) ma alla nostra località servono infrastrutture per attirare nuovi segmenti di mercato e sostenere il turismo (quindi tutto l’indotto) anche in bassa stagione”.