Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Ancisi: “Offeso il Giorno del Ricordo con la sala concessa ad Anpi e Kersevan”

Più informazioni su

Il Giorno del Ricordo è una solennità nazionale che si celebra il 10 febbraio, istituita con una legge approvata dalle forze politiche dell’intero arco costituzionale per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”. È associato al rilascio di una medaglia commemorativa destinata ai parenti delle persone soppresse e infoibate in quei luoghi. Nell’imminenza di tale commemorazione, il Comune di Ravenna ha concesso all’ANPI di Ravenna l’uso della sala  Buzzi di via Berlinguer nella serata di sabato 8 febbraio per una conferenza tenuta da Alessandra Kersevan, nota come accesa negazionista dei fatti tragici di cui si intende promuovere e celebrare la memoria. Le sue tesi minimizzano infatti la tragedia delle foibe, sostenendo che vi siano state barbaramente uccise “solo” alcune centinaia di persone, anziché le almeno diecimila su cui gli storici convengono in base a dati che possono leggersi nei documenti del Governo Militare Alleato e negli archivi italiani, sloveni, croati e serbi: uomini e donne, bambini e vecchi, sacerdoti e suore, tutti vittime un genocidio programmato dal progetto internazionalista di Stalin e di Tito alla stessa maniera di quelli perpetrati dal nazismo in nome della razza ariana. Migliaia furono gli italiani prelevati e fatti scomparire nei pozzi per eliminare l’etnia italiana. Oltre 350 mila furono costretti all’esodo con la paura, la violenza e le minacce. Sono numeri che non possono essere contestati, alla pari di quelli della Shoa, né giustificati come ritorsione ad altri delitti.

LA FOIBA DI BASOVIZZA

In particolare, Kersevan contesta l’esistenza stessa degli omicidi di massa avvenuti nella foiba di Basovizza, frazione di Trieste sull’altopiano del Carso, di cui sostiene la falsità. La “Foiba di Basovizza”, in origine un pozzo minerario, divenne invece, nel maggio 1945, durante l’occupazione jugoslava di Trieste, luogo di esecuzioni sommarie, compiute dai partigiani comunisti di Tito, per prigionieri, militari, poliziotti e civili dapprima destinati ai campi d’internamento allestiti in Slovenia, poi gettati lì per sempre. A ricordo di tutte le vittime degli eccidi, è stato collocato un monumento (vedi la foto allegata). Nel 1992, il presidente della Repubblica italiana Oscar Luigi Scalfaro ha dichiarato questo pozzo   monumento nazionale.

LA DECISIONE DEL COMUNE

La decisione del Comune di Ravenna ha prodotto grande sdegno nella cittadinanza, con proteste che si sono largamente diffuse via internet. Nel 2018, il consiglio comunale ha approvato una modifica allo Statuto del Comune (articolo 2, comma 7) in base a cui le istanze di concessione delle sale pubbliche per eventi o attività private devono recare espressa dichiarazione che il loro svolgimento avviene nel pieno rispetto di alcune leggi, tra cui la Convenzione di New York contro le discriminazioni e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europa. A prescindere da quanto Kersevan abbia detto a Ravenna nell’antivigilia del Giorno del Ricordo, essendosi comunque parlato del “Passaggio a Nord Est – Il confine nord orientale nella politica nazionale ed internazionale” (vedi la planimetria allegata), resta impossibile accettare che la nostra città, medaglia d’oro della Resistenza, abbia concesso l’uso di una propria sala per una conferenza tenuta da chi nega alla radice il senso di questa ricorrenza.

L’INTERROGAZIONE

Chiedo dunque al sindaco se ritiene di prendere le distanze, disconoscendola, da questa decisione e come intende ripararvi vigilando che fatti del genere non abbiano a ripetersi. Chiedo tuttavia copia della domanda di concessione della sala Buzzi ai fini di cui sopra, onde verificare se la dichiarazione richiesta dall’art. 2, comma 7, dello Statuto sia stata sottoscritta, anche se in contraddizione col rispetto della Convenzione internazionale contro le discriminazioni e della Carta europea dei diritti fondamentali.

Alvaro Ancisi (capogruppo di Lista per Ravenna)

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanna Montanari

    Invece per le sale e le piazze concesse a forza nuova a Ravenna non dice niente? E sui feroci crimini nazifascisti in Jugoslavia niente ? I documenti ci sono. Leggeteli.

  2. Scritto da Giovanni lo scettico

    Forse Ancisi, che pure è una persona intelligente, ha trascurato la famosa circolare del Generale Roatta: “Se necessario, non rifuggire da usare crudeltà. Deve essere una pulizia completa”. In poche parole le foibe ci sono state DOPO che gli italiani hanno eseguito ordini come questi. Tutto il resto è propaganda della destra che vuole farci dimenticare la storia.

  3. Scritto da cromwell

    Continuate a giustificare i titini, predecessori e maestri di quelli di Srebrenica.